Ho scelto di proposito la domenica per ricordarlo perchè mi sembrava più evocativo.
Esattamente 10 anni fa, domenica 28 settembre 2003, ci fù il più grande Black-Out che il Paese abbia mai subito.

Non so voi dove eravate, ma io, appena tornato dalla Notte Bianca e ancora studente di Scienze Politiche, quella sera dalla finestra del VI piano di via Catania, vedendo le sole luci del serpentone di macchine dei fuggitivi, mi rendevo conto della fragilità e del buio energetico del Paese.
In dieci anni sono cambiate molte cose. È nata TERNA che ha sostituito il GRTN, si è aperto il mercato, si sono sviluppate le fonti rinnovabili e sopratutto grazie alla digitalizzazione degli italiani, sono stati sbugiardati i “Mercenari di Carta”.

Non è un caso che nel decimo anniversario del buio energetico, grazie alla rete, si è generato anche il primo “Epic Fail”(figuraccia) di vaste proporzioni nazionali.

La vita spesso ci da prova che niente è per caso e in questo caso, tutto torna.
L’esperienza nel settore mi ha insegnato a leggere nei volti delle persone che incontro, riuscendo spesso a capire chi sono e per quale azienda lavorano, e non sarà un caso, ma vi assicuro che loro li riconosci lontano da un miglio. Sono tutti uguali, hanno il viso cupo, il sorriso finto e la spocchia al Carbone.
La stessa spocchia con la quale due anni fa hanno detto che non era colpa loro se nella nevicata di febbraio 2012 , qualche centinaia di migliaia di italiani sono rimasti al freddo e al buio per 10 giorni(i Guerrieri della neve).

Non è colpa loro se il mercato italiano si è aperto con truffe e raggiri(i Guerrieri del Porta a Porta).
Non è colpa loro se il sistema tariffario è un concentrato di sussidi incrociati per centrali a olio combustibile o se di fatto ancora ci troviamo in un “Regime di riserva” (Guerrieri della tariffa).
Non è colpa loro se la tariffa bioraria puntualmente viene vanificata
dall’aumento del costo dell’energia negli orari serali e notturni(Guerrieri della lavatrice di notte).
Per non parlare di tutti quei Guerrieri che per una mancata lettura, o per una fatturazione errata, per un conguaglio stratosferico per la sostituzione di un misuratore o per qualsiasi altro disservizio, si sono ritrovati ad avere a che fare con i lor signori(Guerrieri del Reclamo).

Per fortuna che la politica in questi ultimi anni ci ha messo mano, anche nelle piccole selezioni.
E meno male che i rapporti con i consumatori, fino a qualche tempo fa venivano curati da esponenti del consumerismo!

Insomma, nella speranza che loro scendano dall’ICloud, gli auguriamo un benvenuti nel mondo reale di internet.

di @Doctorspinone