I dati diffusi oggi da Coldiretti che vedono aumentare del 130% dal 2008 gli italiani che non riescono a portare in tavola cibi adeguati a garantirsi una buona salute, sono per il Codacons “vergognosi” e “indegni di un paese civile”.

“11 milioni di italiani che fanno letteralmente la fame e non possono permettersi pasti adeguati sono numeri da terzo mondo – afferma il Presidente Carlo Rienzi – A causa della crisi economica le famiglie non tagliano solo la quantità di cibo, ma anche la qualità. Ciò provoca inevitabili ripercussioni sul fronte della salute, perché mangiare poco e male debilita il fisico ed espone all’insorgenza di malattie, con costi sociali elevatissimi a carico della collettività”.

“La sola strada da seguire per uscire da tale drammatica situazione è aumentare il potere d’acquisto dei cittadini, in costante riduzione a partire dal 2008, restituendo alle famiglie la possibilità di acquistare cibo e nutrirsi in modo dignitoso” – conclude Rienzi.