Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di Codici e Antitrust

Il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza del Tar che accoglieva il ricorso di Abbanoa.
L’associazione Codici aveva presentato un ricorso al Tar contro il gestore idrico che era stato rigettato con motivazione capziosa e strumentale, eludendo totalmente la richiesta di giustizia proveniente dai consumatori.
Non poteva finire in questo modo, soprattutto perchè l’Autorità Garante aveva già in passato sanzionato il gestore idrico Abbanoa per pratiche commerciali aggressive e comportamento scorretto nei confronti degli utenti.
Le condotte portate avanti dal gestore sono state connotate da mancanza di diligenza e hanno determinato un indebito condizionamento nei consumatori che sono stati costretti a pagare importi non dovuti o corrispondenti a consumi non effettuati. Si minacciavano gli utenti del distacco, non sospendendo l’azione nemmeno quando si avviava conciliazione bonaria e le spese legali che gli utenti hanno dovuto sostenere sono state cospicue e hanno causato disagi non irrelivanti.
A ricorrere, a questo punto, sono stati Codici e l’Antitrust, e il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza del Tar.
A questo punto, a giudizio definitivo, l’azienda dovrà ottemperare quanto stabilito dall’Antitrust che, dopo aver raccolto 600 segnalazioni da parte degli utenti e dell’associazioni consumatori e avviato un’indagine, aveva previsto una sanzione complessiva di un milione e 80mila euro ad Abbanoa.
Speriamo solo che questi costi non verranno rispalmati sui consumatori!