Seguici su

News

ABI ispira il Governo? Pessimi consigli persino sui terremotati

Pubblicato

il

Negli ultimi due anni solo provvedimenti a favore delle banche. L’ABI è stata favorita o per meglio dire ha ispirato negli ultimi 2 anni alcuni provvedimenti del Governo?

A guardare i provvedimenti emanati negli ultimi due anni sembrerebbe proprio di si! Certo che le banche ne escono favorite ma con le ossa rotte, se pensiamo a tutto quello che sta succedendo, dalla crisi delle 4 banche popolari, alla situazione di MPS, alla crisi non tanto velata di Unicredit, a Banca Popolare di Vicenza e alla situazione generale del comparto bancario.

Hanno favorito gli interessi del sistema bancario o di qualche interessato al sistema bancario? Certo è che in un regime di mercato, sicuramente l’Abi sarebbe stata licenziata in tronco dai suoi datori di lavoro.

Ricordiamo ad esempio il provvedimento della finanziaria 2015, sulla sospensione mutui, che se applicato come previsto dalla norma, avrebbe evitato una situazione stagnante e riattivato i consumi. E invece l’Abi per non spodestarsi del proprio potere negoziale ha distrutto il sistema bancario.

Si vedano ad esempio i più significativi quali:

1)    Le banche popolari salvate e i rimborsi che “forse” diverranno automatici fino all’80%, anche perché fino ad oggi di rimborsi ed arbitrato nemmeno l’ombra, intanto le 4 banche popolari sono comunque fuori mercato, perché nessuno si fiderebbe a fare un mutuo o aprire un conto;

2)    Sono state inoltre approvate delle misure per accelerare il recupero dei crediti:  il pretesto è stato il recepimento della direttiva europea 2014/17 volta ad aumentare le tutele per i consumatori nei contratti di credito. Il risultato non sembrerebbe esser stato questo, dato che per accelerare il recupero dei crediti inesigibili da parte degli istituti di credito, viene cancellato il “patto commissorio”: in mancanza del pagamento del credito nel termine fissato, la proprietà della cosa ipotecata o data in pegno passa al creditore. Quindi le banche possono entrare direttamente in possesso dell’immobile e metterlo in vendita per soddisfare il proprio credito.

3)    Recupero crediti accelerato per le aziende

4)    Mancata applicazione della sospensione mutui

 

Vogliamo affermare che è stata spianata in qualche modo la strada alle banche, o che quantomeno siano state “agevolate”, dato che ad esse si riserva anche la defiscalizzazione quasi totale degli importi incassati dalle vendite degli immobili.

Codici rimane fermamente convinta che vada cambiato il modello di governance bancario e che i vigilantes devono meglio vigilare sul sistema bancario nel suo complesso.

Per non parlare delle informazioni false e tendenziose che ABI mette in giro, pensiamo ai dati sui mutui e finanziamenti, continua a dire che sono aumentati dell’80%, invece si tratta solo di “surroghe” ovvero rinegoziazioni di coloro che già hanno un mutuo.

Quindi se la situazione bancaria del Paese è stagnante e depressa, la responsabilità non è tanto dei provvedimenti del Governo ispirati da Abi, ma è di ABI stessa.

In ultimo, la proposta della sospensione dei mutui per i terremotati. Ricordiamo che questi non sono provvedimenti che non costano ai consumatori, non fanno nient’altro che spostare nel tempo il rientro e applicare una maggiorazione degli interessi. Quindi nella maggior parte dei casi quando viene riattivato il pagamento , risulta insostenibile.

Se Abi vuole consigliare il Governo su qualcosa di buono da fare per i terremotati, proponga l’introduzione di un fondo che rimborsi integralmente gli eventuali mutui attivati dai soggetti coinvolti, senza alcun onere e aggravio, e favorisca l’erogazione e la concessione di mutui per coloro che vogliono costruire in modo totalmente antisismico, oppure che voglia ricostruire con le case in legno, che oggi vengono discriminate dalle banche e nel migliore delle ipotesi concedono un mutuo al 60%.

 

A quando il licenziamento quindi di ABI?

 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Consumatori digitali: gli italiani conoscono poco i propri diritti

Pubblicato

il

 

Solo 1% dei cittadini ha consapevolezza dei tempi per comunicare alla banca pagamenti non autorizzati o inesatti, mentre il 4% quelli per richiedere un rimborso in caso di acquisto difettoso

 

Tutti i dati dell’indagine condotta da YouTrend per conto di C4DiP – Consumers For Digital Payments

Roma, 8 settembre 2018 – I consumatori digitali conoscono poco i propri diritti. È questo il dato che emerge da un’indagine condotta da YouTrend per conto di C4DiP. Se, infatti, da un lato l’ecommerce cresce del 16% nel 2018 e l’utilizzo della moneta elettronica negli ultimi anni ha visto un’accelerazione considerevole (i pagamenti con carta in Italia sono cresciuti di oltre il 10%), è ancora lunga la strada da percorrere per aiutare i cittadini ad avere maggiore consapevolezza riguardo ai pagamenti digitali, sia in merito ai vantaggi e alle possibilità che offrono sia in termini di tutele e garanzie per i consumatori.

Ne è la prova il fatto che soltanto l’1% dei cittadini sa di avere 13 mesi di tempo per comunicare alla propria banca un pagamento inesatto o non autorizzato, nonostante più del 60% degli intervistati sappia, ad esempio, di avere il diritto a pagare con carta anche importi molto bassi e circa il 40% sia a conoscenza della possibilità di venire rimborsato in caso di utilizzo fraudolento della propria carta.

“Abbiamo voluto fondare la Coalizione C4DiP proprio per informare i cittadini dei vantaggi e della sicurezza legati ai pagamenti digitali e dei diritti che spettano ai consumatori – Commenta Francesco Luongo, presidente della coalizione – La mancata conoscenza dei tempi di richiesta di rimborso per pagamenti non autorizzati, ad esempio, oppure della possibilità di farsi rimborsare in caso di frodi, rappresenta un deterrente alla diffusione e all’utilizzo dei pagamenti elettronici”.

Secondo i risultati emersi dal sondaggio, circa il 15% degli intervistati utilizza quasi tutti i giorni carte o applicazioni digitali di pagamento, mentre coloro che li usano almeno una volta a settimana sono il 30%. Dal punto di vista della sicurezza, ci sono ancora molti passi in avanti da fare: solo il 42% del campione ha salvato sul proprio cellulare il numero per denunciare il furto o lo smarrimento della carta di pagamento e solo il 40% degli intervistati è cosciente del fatto che sarà rimborsato completamente delle spese effettuate dopo la denuncia.

Parlando di acquisti online, invece, la conoscenza dei cittadini è molto limitata: solo il 22% sa di avere 14 giorni di tempo per cambiare idea sull’acquisto effettuato, mentre circa il 33% è consapevole di avere diritto a rimborso e annullamento dell’acquisto in caso di ritardo sulla consegna a partire da un mese dopo l’avvenuto pagamento. Solo il 4% del campione sa di poter richiedere un rimborso entro due mesi se il prodotto comprato non è conforme alle caratteristiche dichiarate o è difettoso. In tema di pagamenti all’estero con valute diverse dall’euro, il 28% è consapevole della maggior convenienza di un pagamento con carta anziché di un prelievo da sportello locale.

“Quest’indagine – conclude Luongo – è la prima di una serie di iniziative che la Coalizione ha predisposto per sensibilizzare i cittadini in tema di pagamenti digitali. Il nostro obiettivo è che sempre più persone conoscano gli enormi vantaggi che un acquisto con moneta elettronica può dare, sia in termini di sicurezza, comodità, possibilità di acquisto, sia a livello economico e sociale. Non dimentichiamo, inoltre, che la tracciabilità dei pagamenti garantita dai sistemi di e-payment è la soluzione più semplice per contrastare l’economia sommersa”.

 

Continua a leggere

News

BLACK FRIDAY 3 milioni di italiani pronti all’acquisto- Ecco il decalogo ADICONSUM

Pubblicato

il


Al via la Campagna di Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia “COME ACQUISTARE IN SICUREZZA”

Le 10 regole per evitare truffe e acquisti di prodotti contraffattii

12 novembre 2018 – Sempre più italiani si stanno preparando per l’evento di e-commerce (e non solo) più atteso: stiamo parlando, ovviamente, del Black Friday.

Nonostante si tratti di una “tradizione” americana che ricorre il giorno successivo alla festa del Ringraziamento, la febbre degli sconti concentrati in un solo periodo ha finito per conquistare tutto il mondo e, di conseguenza, anche l’Italia.

I dati dello scorso anno
Riportiamo alcune informazioni riguardanti il Black Friday italiano dello scorso anno basandoci sui dati di alcuni professionisti del settore:
·      durante la settimana del Black Friday, sono stati ordinati 2 milioni di prodotti sulla piattaforma Amazon.it contro gli 1,1 milioni del 2016
·      il sito Trovaprezzi.it ha registrato un aumento di ricerche del +20% rispetto al 2016
·      le tre categorie più convenienti del 2017 sono state: giochi ps4, smartwatch e scarpe da corsa (idealo.it)

Per comprendere meglio il fenomeno, riportiamo i dati di Eurostat e di ECOMMERCE EUROPE, l’associazione che rappresenta più di 75.000 compagnie che vendono beni e servizi online sul territorio europeo:
·      lo scorso anno, la maggior parte delle persone che hanno fatto acquisti online su un periodo di riferimento di 3 mesi hanno pagato tra i 100 e i 500 euro
·      i compratori più accaniti appartengono alla fascia di età compresa tra i 25 e i 54 anni
·      il 68% degli utenti internet europei ha compiuto acquisti online durante il 2017
·      abbigliamento e hi-tech sono le categorie più ricercate durante gli acquisti.

Se, da una parte, Black Friday e Cybermonday rappresentano uno strumento utilissimo per acquistare ciò che serve a poco prezzo, dall’altra c’è sempre il rischio di compiere acquisti avventati o, ancora peggio, di ritrovarsi con articoli contraffatti e pericolosi.

Per aiutare i consumatori, Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia propongono una Campagna informativa per agevolare i clienti e sensibilizzarli sui diritti che si applicano agli acquisti online.

Guarda il VIDEO di Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia
con le 10 regole per acquistare in sicurezza!

IL DECALOGO ADICONSUM

Acquistare on line beni contraffatti è un rischio per la tua sicurezza, per la tua salute e per il tuo portafoglio… quindi non farlo!

Per non cadere in truffe, prima di ogni acquisto controlla:

1) Verifica l’identità del venditore

2) Leggi le recensioni di altri acquirenti

3) Controlla se il sito gode di un marchio di fiducia

4) Valuta la presentazione generale del sito

5) Prendi visione dei tuoi diritti sul sito del venditore

6) Osserva bene le foto del prodotto

7) Occhio al prezzo!

8) Controlla sul sito ufficiale del brand la lista dei venditori autorizzati

9) Scegli un mezzo di pagamento sicuro

10) Presta attenzione ai prodotti ricondizionati

Continua a leggere

News

Multe “fuorilegge” degli ausiliari, la battaglia di Fi prende quota

Pubblicato

il

Fonte: il Giornale.it

In Parlamento il progetto di legge per chiarire le competenze Le associazioni dei consumatori sposano la proposta azzurra

E’ partita da Milano e sta prendendo quota in Parlamento a Roma la battaglia contro le multe irregolari degli ausiliari della sosta.

Primo firmatario della proposta di legge presentata circa due settimane fa a Palazzo Marino dai «colonnelli» del partito è l’onorevole Simone Baldelli, che mira a regolamentare in via definitiva le competenze degli ausiliari, chiarendo che possono sanzionare solo le auto posteggiate in maniera illecita sulle strisce blu o a chi in ne impedisce l’accesso. In quella sede Fi riferì che solo nel 2017 («dati forniti da Atm») su 730mila multe degli ausiliari oltre 350mila riguardavano infrazioni fuori dalle strisce regolamentate. Se la proposta di legge sarà approvata in aula – potrebbe essere iscritta già alla fine della prossima settimana – il Comune si ritroverebbe con 15 milioni di euro in meno all’anno nel Bilancio. Ieri e martedì il Pdl è stato affrontato in Commissione Trasporti alla Camera e Forza Italia ha incassato il pieno appoggio delle associazioni dei consumatori e la resistenza (abbastanza scontata) delle società concessionarie dei parcheggi. «Siamo incredibilmente d’accordo con questo testo – ha affermato il rappresentante del Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti (Cncu) Luigi Gabriele -. C’è un ampio aumento dei ricorsi nelle Prefetture, e anche presso i giudici di pace, legate a questo tipo di sanzioni. Negli ultimi anni il ruolo degli ausiliari del traffico è stato travisato, sebbene la Cassazione abbia chiarito qual è il perimetro, ma gli enti locali se ne sono ampiamente infischiati». Pieno sostegno alla modifica anche dall’associazione Codici (Centro per i diritti del cittadino): «È pacifico che esista un confine ben definito per i controlli degli ausiliari del traffico ed è di colore blu. Sono le strisce dei parcheggi. Il condirettore di Asstra-Associazione trasporti fa presente invece che «la mobilità privata resta purtroppo molto elevata», il segretario di Aipark Laurence Bannerman che «il ruolo dell’ausiliario è importantissimo, è un soggetto che quando opera lo fa con il cappello in testa di un pubblico ufficiale» e se i numeri degli ausiliari «dovessero essere ridimensionati, migliaia di addetti si troverebbero senza lavoro». Obiezioni che convincono Baldelli «ancora di più della giustezza della proposta di legge. Gli ausiliari possono hanno funzioni di prevenzione e accertamento ma non altre sanzioni previste dal Codice della strada, non hanno il cappello di pubblico ufficiale». E ricordo a chi parla di posti a rischio che «le società vivono dei proventi dei parcheggi e non delle multe». Idem «non sono gli ausiliari che devono salvare le città da una presunta mobilità insostenibile». Serve invece una norma interpretativa «perchè in alcune città registriamo un fenomeno di multe illecite, e le sanzioni non vanno usate per far quadrare i bilanci». In Commissione come rappresentante Anci e assessore alla Mobilità del Comune di Milano interviene anche Marco Granelli, che chiede «al legislatore non di ridurre ma di dare qualità all’intervento degli ausiliari, non sono operatori di serie b. Diritti violati e fare cassa? Se si mette l’auto in divieto sullo spazio per i disabili, e si fa la sanzione, è un introito indebito? No, si fa rispettare una norma».

Continua a leggere