Roma 9 Aprile 2014. Fino a qualche tempo fa la nostra Costituzione era la piu’ bella del Mondo. L’attore Benigni, che potremmo collocare politicamente a sinistra, si sbracciava nelle piazze e in televisione (RAI UNO, 17 dicembre 2012) per decantare le virtu’ della nostra Carta fondamentale. E’ passato poco piu’ di un anno e il governo Renzi (centrosinistra) vuole emendare la Costituzione. C’e’ qualcosa che non quadra.
Nel 2001 il governo Amato (centrosinistra) modifico’ la Costituzione che ora il governo Renzi vuole, a sua volta  cambiare. Il Senato e’ poco europeo, titola qualche giornale; con l’aria antieuropea che tira non e’ il proprio caso di far riferimento alla Europa  ma, in aggiunta, si sostiene che solo la Spagna ha due Camere elettive, e il Senato non e’ presente in Finlandia, Svezia, Danimarca, Grecia, Lussemburgo e Malta. Si potrebbe rispondere che il Senato e’ presente nella maggior parte degli Stati europei (Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania, Austria, Olanda, Irlanda, ecc.). Il bicameralismo perfetto esiste solo in Italia, si sostiene. Vediamo la situazione in alcuni Stati europei.

Italia
Senato della Repubblica e Camera dei Deputati sono elettivi e hanno gli stessi poteri.
Francia
Il Senato e’ eletto a suffragio indiretto. Non vota la fiducia al Governo ma ha gli stessi poteri della Camera (Assemblea Nazionale).
Spagna
Il Senato è composto da un numero di eletti con un sistema misto. Non vota la fiducia al Governo. Puo’ emendare o respingere le leggi approvate dall’altra Camera (Congresso dei Deputati ), che puo’ superare il veto con una votazione a maggioranza assoluta.
Germania
Il Senato (Consiglio Federale, Bundesrat) e’ eletto a suffragio indiretto, non vota la fiducia al Governo ma puo’ emendare o respingere le leggi approvate dall’altra Camera (Bundestag), che puo’ superare il veto con una votazione a maggioranza assoluta.
Ogni Paese ha, quindi, una articolazione istituzionale che nasce dalla propria storia.
Vero e’ che noi abbiamo un duplice sistema, elettivo e funzionale, che rende farraginosa l’approvazione delle leggi ma vogliamo ricordare che quando i partiti sono interessati le norme si approvano in un batter d’occhio: la legge del 1974 sul finanziamento pubblico fu approvata dalle due Camere in appena 16 giorni!
In conclusione, si puo’ modificare la Costituzione e trasformare  il Senato. E’ previsto dalla Costituzione stessa. Non vorremmo, pero’, ritrovarci tra dieci anni a dover rimpiangere “l’antico” Senato, visto che il vecchio (anno 2001) e il nuovo centrosinistra (anno 2014) si cimentarono e si cimentano in riforme costituzionali seguendo gli umori e gli interessi del momento.
In aggiunta, rileviamo che i membri di questo Parlamento, che vuole modificare la Costituzione, sono stati eletti con una legge dichiarata incostituzionale dalla Corte Costituzionale.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc