La società telefonica propone infatti il seguente indennizzo:
per i possessori di schede ricaricabili, un bonus pari al 20% della ricarica effettuata fino ad un massimo di 50 euro, utilizzabile entro 30 giorni, e 1 giga di navigazione gratis; per gli utenti in abbonamento un indennizzo automatico di 2,50 euro in fattura; per i possessori in abbonamento post pagato di rete mobile, 2,50 euro in fattura, oltre a 1giga di traffico dati per 2 mesi; per i possessori di sim post pagato business, direttamente 5 euro in fattura.
Il Codacons sottoporrà l’offerta di Wind agli utenti che si sono rivolti all’associazione, ma in nessun caso rinuncerà alla possibilità di intentare singole azioni legali contro l’azienda o cause collettive in favore dei clienti danneggiati dal black out, ritenendo esigua ed insoddisfacente la proposta economica della società.