Per segnalare un guasto nell’impianto di illuminazione ad Acea, fino a poco tempo fa, era sufficiente inviare una mail alampionispenti@aceaspa.it. La casella di posta risulta, però, disattivata dal 30 giugno 2016. In sostituzione, risponde Acea, è attivo un portale raggiungibile al link https://www.webip.aceaspa.it/segnalazione, costruito appositamente per segnalare disservizi degli impianti di illuminazione. Un’idea che poteva essere davvero vincente. Se funzionasse, il portale sarebbe realmente innovativo. Il cittadino potrebbe in questo modo segnalare eventuali guasti o malfunzionamenti nell’illuminazione pubblica e localizzare su Google Maps il luogo preciso. Acea, quindi, riceverebbe gli elementi necessari per poter intervenire e ripristinare la situazione. Ma, purtroppo, non tutto è come sembra. Dall’Associazione Codici volevamo segnalare ad Acea la disastrosa situazione in cui versa una strada del centro di Roma, via San Bonaventura, senza luce ormai da sette giorni. Ma il portale risulta “momentaneamente non disponibile” (foto in allegato). Sembrava troppo innovativo per poter funzionare!
Ci chiediamo – dichiara Luigi Gabriele Affari Istituzionali Codici – da quanto tempo il sito non è accessibile agli utenti? In che modo, chiunque noti un disservizio o un guasto, può effettuare una segnalazione ad Acea se non solo la casella di posta è stata dismessa, ma nemmeno il portale risulta disponibile?
Sarebbe opportuno, visti i continui disservizi e malfunzionamenti, in alcune zone in particolare, che Acea garantisse ai consumatori un modo per segnalarlo. Soltanto prendendo atto delle segnalazioni potrà intervenire, riparando i danni e ripristinando i servizi laddove si presentino problematiche più o meno gravi.