Paolo Franceschetti, 31enne laureato in Scienze Ambientali, ha messo a punto un sistema di depurazione dell’acqua attraverso la radiazione solare. Il sistema si chiama “Solwa”, acronimo di solar e water, ed aspira a dare acqua potabile a tutti, partendo dall’acqua di mare o da quella inquinata.

Come riportato dal settimanale “Sette” de il Corriere della Sera, il limite del sistema realizzato da Franceschetti è la supeficie necessaria per l’installazione dei pannelli. Tuttavia, Solwa non ha costi di gestione rilevanti in quanto non richiede particolare manutenzione. Inoltre, il sistema è garantito per dieci anni e costa intorno ai 1000 euro al metro quadrato. La tecnologia Solwa è stata inserita dalle Nazioni Unite nel programma IDEASS come una delle innovazioni per lo sviluppo dell’umanità

Approfondimento