Dopo il dato di ieri di Bankitalia sul nuovo record del debito pubblico, arriva oggi quello dell’Istat sul Pil, che torna negativo nel primo trimestre del 2014, segnando un calo dello 0,1% rispetto al trimestre precedente.
“Se aggiungiamo a tali dati quelli sulle vendite al dettaglio nei primi mesi del 2014 e sui fallimenti delle imprese comunicati dal Cerved, appare evidente come tutti gli indicatori economici relativi allo stato di salute del nostro paese siano negativi – afferma il Presidente Carlo Rienzi – In tale contesto, chi nelle settimane scorse ha visto una luce alla fine del tunnel, ha preso un abbaglio. La ripresa è, purtroppo, ancora un miraggio per l’Italia, e il 2014 continuerà a far registrare dati negativi sul fronte economico”.
“Non può esserci alcuna ripresa senza un miglioramento dei conti e un incremento del potere d’acquisto delle famiglie – prosegue Rienzi – e il Governo dovrà lavorare molto e sodo in tale direzione se vuole davvero sancire la fine della crisi economica in Italia”.