Roma,  28 Maggio 2016. Corre l’allarme sui media: circolano batteri resistenti agli antibiotici. Negli Usa e’ stato trovato un batterio, l’Escherichia Coli, in genere soggiornante nell’intestino, che e’ resistente agli antibiotici (1).
Come mai?
Tutti gli organismi cercano di sopravvivere agli eventi negativi, adattandosi. Lo abbiamo fatto anche noi nel corso del tempo ma i batteri, come i virus, hanno tempi piu’ brevi.
Piu’ che da un uso umano degli antibiotici il problema si pone per l’uso massiccio di antibiotici negli allevamenti intensivi (pensate ai polli in batteria). L’adattamento di un microrganismo negli animali di allevamento e il passaggio all’uomo puo’ certamente determinarsi.
Che fare?
Cuocere la carne. La temperatura alla quale avviene la cottura elimina il pericolo di contaminazione batterica.

(1) http://aac.asm.org/