Seguici su

Consumatori

Arriva l’ISTANT Payment. Bonifico in 10 secondi, lo ha spiegato Luigi Gabriele a Unomattina

Pubblicato

il

Oggi nella puntata di Unomattina, rivedibile su RaiPlay , durante la striscia dedicata ai consumi, Luigi Gabriele e Benedetta Rinaldi

Secondo la definizione offerta dall’ERPB (Euro Retail Payments Board (ERPB), con Instant Payment si intendono quelle soluzioni di pagamento elettronico al dettaglio disponibili che consentono un’immediata – o pressoché immediata – compensazione interbancaria delle transazioni e conseguente accredito sul conto del beneficiario (entro pochi secondi dall’avvio del pagamento) indipendentemente dallo strumento di pagamento sottostante impiegato e dai sistemi di compensazione e regolamento impiegati.

 

Infrastruttura made in Italy. Si chiama RT1, l’infrastruttura tecnologica per i pagamenti istantanei in euro che permetterà a cittadini e imprese di trasferire denaro seduta stante. A svilupparla e gestirla l’italiana Sia – società creata da BankItalia e Abi con le principali banche del paese – insieme a Eba Clearing(fornitrice di sistemi di pagamento paneuropei, posseduta da 53 tra i maggiori istituti di credito operanti nel vecchio continente). Già l’estate scorsa Unicredit aveva annunciato i primi test sulla piattaforma in vista del lancio di oggi.

Il progetto è nato sul tavolo della Banca centrale europea che aveva fissato il traguardo due anni fa: entro il 2017 bonifici istantanei nei 34 Paesi dell’area Sepa(Area Unica dei pagamenti in euro), che unifica i sistemi di pagamenti in euro. Al momento al progetto hanno aderito:

  • ABN AMRO Bank
  • AS SEB Pank
  • Banco Bilbao Vizcaya Argentaria
  • Banca Patrimoni Sella
  • Banca Sella S.p.A. 
  • Banca Sella Holding SpA
  • Banco de Sabadell
  • Bankia S.A.
  • CaixaBank
  • ERSTE Group Bank AG
  • Intesa Sanpaolo SpA 
  • Latvijas Banka – Bank of Latvia
  • Lietuvos Bankas – Bank of Lithuania
  • Raiffeisen Bank International AG
  • Raiffeisenlandesbank Oberösterreich
  • UniCredit Bank AG (HypoVereinsbank)
  • UniCredit S.p.A 
  • Verso Bank

 

Dall’Italia hanno partecipato Banca SellaIntesa Sanpaolo e Unicredit. L’attività di questi istituti, secondo i rappresentanti di Eba Clearing (gruppo francese che offre sistemi di pagamento alle banche europee), permette di riverberare l’accesso ai bonifici istantanei a 500 operatori dei pagamenti istantanei. Ed entro la fine del prossimo anno il numero di istituti “potrebbe raggiungere una massa critica”.

 

Applicazioni e vantaggi

Innumerevoli sono le applicazioni pratiche: dalla compravendita di beni usati alle spedizioni a domicilio, fino allo sblocco delle forniture o all’instant cash management per le aziende. Per non parlare dei vantaggi in termini di efficienza operativa, minore uso del contante e degli strumenti cartacei come assegni.

 

 

Per ora trasferimenti solo in uscita

Per il momento i correntisti italiani potranno ricevere solo bonifici immediati in entrata, ma non potranno spedire denaro.

 

Dal 27 novembre Banca Sella ha dato il via ai primi trasferimenti in uscita super veloci.

Intesa e Unicredit inizieranno nel 2018, la prima a gennaio, la seconda dal 22 febbraio.

 

I COSTI

 

I contro? Il costo, più alto rispetto ai bonifici ordinari e l’impossibilità di revocarli, quindi è più difficoltoso, quasi impossibile, rintracciarli in così poco tempo. Il tutto a detrimento dell’antiriciclaggio.

 

Ad oggi sono 18 le banche, dislocate in 9 paesi, che in via sperimentale offriranno il servizio. In Italia hanno aderito alla novità del bonifico istantaneo, 3 Istituti: UnicreditBanca Sella e Intesa San Paolo.

 

Ciascuna banca offre condizioni differenti ma tutte hanno in comune un sovrapprezzo.  

 

Occhio ai costi, però, perché con il bonifico istantaneo a pagare non è solo chi invia denaro ma anche chi lo riceve, ogni Istituto comunque è a sé per quanto riguarda i costi, pertanto informatevi preventivamente.

 

  • Per i correntisti di Unicredit il costo sarà di 2,50 euro;
  • Per i correntisti di Banca Sella sarà gratis fino a al 31 marzo 2018 (o avrà lo stesso prezzo di un bonifico normale così come previsto dal proprio conto corrente), dal primo aprile, invece, costerà 2,30 euro;
  • Per i correntisti di Intesa San Paolo, il costo sarà di 0,60 centesimi (4 centesimi per ogni mille euro trasferiti), che andrà ad aggiungersi al costo del bonifico normale. 

L’importo massimo trasferibile sarà di 15 mila euro per volta.

Pagamenti istantanei innovativi in realtà già esistono:

Come ad esempio Jiffy, “Jiffy  – spiegano da Sia – è utilizzabile su smartphone con sistema operativo Android, iOs, Windows phone e si caratterizza per la velocità e la facilità d’uso. Per usufruire del servizio occorre essere titolari di un conto corrente in una banca aderente.

 

Per attivarlo bisogna registrarsi sul sito del proprio istituto di credito e scaricare l’app che viene fornita. Per trasferire denaro dallo smartphone, person to person, basta selezionare il destinatario dalla rubrica presente nell’applicazione dedicata, inserire l’importo, scrivere l’eventuale causale e confermare l’operazione”.

 

Esistono inoltre le cripto valute ed il sistema PAYPAL, quindi perché regalare ulteriori soldi alle banche?

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Paghereste un caffè l’80% in più della media? La polemica su Starbucks a Milano

Pubblicato

il

Starbucks, il colosso del caffè americano sbarca in Italia con il primo mega store a Milano: per il nostro Paese si tratta di una piccola rivoluzione culturale che da una parte, sicuramente, amplia la concorrenza tra bar e caffeterie, dall’altra suscita qualche perplessità sui costi, davvero molto alti. Pagare un caffè espresso 1,80 è davvero esagerato, senza contare i 3,50 euro del caffè americano, per poi salire di prezzo per caffè più sofisticati: è l’80% in più rispetto alla media milanese!

Secondo gli ultimi dati ufficiali disponibili dell’Osservatorio prezzi e tariffe del ministero dello Sviluppo economico, infatti, che utilizza i prezzi ufficiali rilevati dagli Uffici comunali di statistica nell’ambito della rilevazione mensile dell’Istat, in media il caffè espresso a Milano costa 1 euro, 1,10 euro la quotazione massima. Da Starbucks, quindi, si paga l’espresso, mediamente, 80 centesimi più rispetto al resto della città, 70 centesimi di differenza considerando i bar più cari. Considerato che per molti il caffè al bar è un’abitudine giornaliera irrinunciabile, diventa quasi un lusso!

Ma quanto costa, invece, il caffè fatto in casa? In generale utilizzando 7 grammi di miscela,  il caffè casalingo costa mediamente 12 centesimi, quindi andare da Starbucks ci costa il 2471% in più della tazzina di caffè home made.

Non tutti sanno però che il costo del caffè di casa dipende anche dallo strumento utilizzato: una tazzina di caffè con la tradizionale moka costa infatti circa 0,12 centesimi, mentre con la macchinetta a capsule 0,41 centesimi; per sapere qual è la macchinetta per il caffè più adatta alle diverse esigenze e confrontare i prezzi del caffè fatto con moka, macchinetta automatica, a capsule o a cialde, leggi la nostra indagine Quanto ci costa un caffè espresso fatto in casa

Autore: Unione Nazionale Consumatori

Continua a leggere

Consumatori

Cambio operatore telefonico| MDC : caos portabilità AGCOM garantisca tempi certi e indennizzi agli utenti coinvolti.

Pubblicato

il

Evidentemente non sono bastate le multe per la fatturazione 28 giorni e quelle per la minaccia di iscrizione a inesistenti banche dati morosi irrogate da Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e Antitrust alle principali compagnie telefoniche per far rispettare i consumatori italiani.

Come denuncia il Movimento Difesa del Cittadino l’Annus horribilis degli utenti della telefonia continua ancora per migliaia di utenti infuriati a causa dei ritardi della migrazione del proprio numero verso Iliad ed altri nuovi operatori da parte degli incumbents.

È soprattutto il caso Vodafone a tenere banco in queste ore, con numerosi clienti di fatto irraggiungibili a causa dei gravi rallentamenti nella trasmissione del proprio numero di cellulare dalla compagnia al nuovo operatore prescelto dal consumatore.

Come sottolineato da MDC, al danno per la irreperibilità si aggiunge la beffa di dover tollerare scuse banali come l’errore nella trascrizione del proprio codice fiscale e continui rimpalli della responsabilità tra vecchio e nuovo operatore.

Per il Presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino Francesco Luongo è urgente un intervento di AGCOM per garantire il sacrosanto diritto degli utenti alla Mobile Number Portability oltre ad una istruttoria sulla plateale violazione di quanto stabilito nella Delibera 147/11/CIR e connesso diritto dei clienti di ricevere il pagamento degli indennizzi previsti dall’articolo 14 pari a € 2,5 per ogni giorno lavorativo di ritardo fino ad un massimo di € 50,00 che dovrà versare l’operatore ricevente che a sua volta si rivarrà poi sul donating.

Tutta la rete del Movimento si sta attivando in queste ore per supportare i reclami dei consumatori e garantire il pagamento delle somme dovute.

Continua a leggere

Consumatori

Carrello della spesa, perché la quantità diminuisce sempre di più?

Pubblicato

il

27 agosto 2018, Rai1 approfondimento di quellebraveragazze con Luigi Gabriele.

Il #riporzionamento, quel fenomeno che svuota le nostre tasche e il nostro #carrello 🛒
Ne abbiamo parlato oggi da #quellebraveragazze
Se volete rivedere la puntata cliccate qui.
https://www.raiplay.it/…/Quelle-brave-ragazze-1510affc-4bd0…
Buona settimana. 🤗

 

LA QUANTITÀ DI QUELLO CHE ACQUISTIAMO: CONSIGLI UTILI

Diciamo ci la verita’: quando andiamo a far la spesa nel nostro carrello piu’ che i nostri desideri ci sono le nostre necessita’ legate a far quadrare il bilancio familiare..L’occhio diventa piu’ attento alle offerte piu’ scontate e che magari prevedono una maggiore quantita’ di prodotto..ma siamo certi che le  quantita’ siano realmente quelle che crediamo? Proprio di questo parliamo oggi con il Dott. Luigi Gabriele dell’ Associazione consumatori CODICI …ben trovato!

 

 

Quando parliamo di  riproporzionamaneto dei prodotti alimentari a cosa ci riferiamo?

 

I produttori del settore agroalimentare chiamano “riporzionamento” degli alimenti quel fenomeno secondo cui vengono “riporzionate” le quantità di prodotto all’interno delle confezioni, riducendole, lasciando il prezzo invariato (o in alcuni casi addirittura aumentandolo).

In sintesi : compriamo meno quantità del prodotto che desideriamo e paradossalmente spendiamo più denaro. un esempio davvero eclatante è quello fornito dal prezzo di vendita del caffè a seguito della diffusione delle macchine a cialde e/o a capsule: se una confezione di caffè da 250 g costa bene o male attorno ai 4/5 euro, la singola capsula può arrivare a costare quasi 50 centesimi. Considerato che una capsula contiene circa 5 grammi di prodotto, per ottenere la stessa quantità di macinato delle confezioni di cui sopra dobbiamo spendere quasi 25 euro.

 

 

 

Quali sono le tipologie di alimenti  piu’ sono suscettibili   alle variazioni delle quantita’?

Dal 2012 ad oggi questo tipo di “politica” è stato portato avanti soprattutto su confetture, cioccolato, zucchero, miele e dolciumi vari. Il dato più preoccupante è che nell’85% dei casi presi in esame da Istat relativi a confezioni rimpicciolite si è riscontrato un parallelo aumento del costo relativo

          

Una nuova strategia di mercato che nasce da quali presupposti di mercato?

Secondo i produttori del settore  è per la nostra salute.  Per limitare l’apporto calorico e per ridurre gli sprechi.

Si  opera sulla logica della strategia commerciale che il sistema Marketing dei brand adottano. Tutto il sistema è pensato per fare in modo che il bisogno reale deIl consumatore sia influenzato nelle ue scelte di acquisto prima dal packaging e poi dall’indotto della pubblicità, per cui corre il rischio di acquistare senza un reale bisogno, cadendo in pieno nella trappola del marketing.

Ma attenzione perché le aziende riducono la quantità del prodotto lasciando invariato il prezzo per ottenere dei margini ancora più elevati: è un modo subdolo di ingannare il consumatore, perché il consumatore non se ne accorge palesemente come nel caso in cui si aumentino i prezzi.

Tra l’altro riduzione del prodotto alimentare e obesità in Italia sono inversamente proporzionali, a dimostrare che quindi il prodotto diminuisce, riducendosi la qualità: es. succo di arancia pari al 2% sempre meno.

 

 

Su tutto questo, esiste un organo di controllo a tutela del consumatore?

Nel caso degli alimenti il Ministero della Salute, ma il controllore migliore è sempre  il Consumatore.

Sull’etichetta di un prodotto sia solido che liquido e’ riportato un peso complessivo, che quindi puo’ trarci in inganno… esiste una regola che preveda sull’etichetta la distinzione tra peso netto e peso della tara? Ad esempio sulla  scatoletta di tonno c’e’ la scritta che riporta il peso del tonno sgocciolato e non…..

La vendita si deve effettuare sulla base della quantità netta, ma non di rado vi sono dei casi in cui il peso indicato include anche il materiale d’imballaggio. Una situazione che non si dovrebbe verificare dal momento che Il consumatore deve sapere che vi è l’obbligo di indicazione del peso netto.

Questo obbligo è previsto dalla Legge 441/81, che all’articolo 1 recita:“La vendita delle merci, il cui prezzo sia fissato per unità di peso, deve essere effettuata a peso ed al netto della tara. Si intende per tara tutto ciò che avvolge o contiene la merce da vendere o è unito ad essa e con essa viene venduto. Il successivo articolo 2, al primo comma, stabilisce che: “Nella vendita al minuto ed a peso delle merci allo stato sfuso, da chiunque effettuata, gli strumenti metrici utilizzati devono consentire la visualizzazione diretta ed immediata del peso netto della merce e devono essere collocati in modo che tale visualizzazione sia agevole per l’acquirente.”

Il materiale di incarto e di imballaggio sono un costo per le aziende, costo che comunque non può e non deve in alcun modo gravare sul consumatore.

 

Cosa puo’ fare il consumatore per tutelarsi?

Non cadere nella trappola del marketing: non fate il loro gioco, se un prodotto non vi serve non acquistatelo!

Il consumatore deve diventare più esperto ed essere consapevole che il 70% di tutti i prodotti per la casa viene fatto nella grande distribuzione  e quindi secondo logiche di mercato.

Il consumatore deve diventare più furbo e non acquistare quei prodotti che da un’attenta osservazione risultano costare lo stesso prezzo ma contenere meno prodotto, il che richiede una maggiore attenzione perché se le aziende si limitassero ad aumentare il prezzo sarebbero più facilmente identificabili.

 

 

 

 

Ma se proprio dovessimo dare 5 consigli pratici per chi ci vede da casa, ecco la tabella per aiutarci all’acquisto intelligente..leggiamo

 

 

LEGGERE SEMPRE L’ETICHETTA SUL PRODOTTO

FARE ATTENZIONE  AI PRODOTTI IN SUPER OFFERTA

VECCHIO E UN NUOVO PRODOTTO DELLO STESSO GENERE: VERIFICARE  SEMPRE SE LA QUANTITA’ E’ UGUALE

COMPRARE PRODOTTI CON SCADENZA A MEDIO TERMINE

PREFERIRE L’ACQUISTO DI PRODOTTI SFUSI A QUELLI CONFEZIONATI

 

Questo fenomeno riguarda indistintamente supermercati di fascia A e discount?

Si, è trasversale dall’analisi svolta sui diversi prodotti, sia di marca che di sottomarca.

Il consumatore puo’ essere risarcito se si accorge della inadempienza del prodotto ?

Non e’ ancora possibile avere un risarcimento su questa inadempienza della reale quantita’ del prodotto

Continua a leggere