Seguici su

Consumatori

Arte, Sidival Fila: il frate artista che cuce l’anima e la tela

Con le sue originali opere, il francescano Sidival Fila entra tra i mostri sacri dello spazialismo contemporaneo. Senza perdere il contatto col Vangelo

Pubblicato

il

Dall’articolo “Se l’arte incontra l’anima”

di PAOLO AFFATATO

 da:Vaticaninsider

Si può essere frate francescano – una vocazione autentica di uomo evangelico –  e insieme grande artista. Si può esporre le proprie opere a fianco di Klein, De Chirico, Bonalumi e altri maestri, senza montare in superbia, anzi mantenendo quei tratti di umiltà e libertà interiore – anche rispetto alla propria arte – tipici del carisma. Si può vedere i propri quadri nella collezione stabile dei Musei Vaticani o esposti al Museo Carlo Bilotti (la personale è aperta fino all’11 ottobre e il 23 settembre alle 17 se ne presenta il catalogo) e, da sacerdote, continuare a l’attività pastorale con giovani e famiglie. Di religiosi che hanno coniugato spiritualità e arte, mistica e pennello, ce ne sono molti nella storia: basti ricordare il frate domenicano Beato Angelico. Ma Sidival Fila, 53enne frate minore brasiliano adottato dalla provincia francescana del Lazio, ha una innegabile originalità.

 

 

Il frate-artista ha sviluppato – annotano critici di spessore internazionale – una singolare tecnica che non ha eguali nel panorama dell’arte contemporanea. Una tecnica che inserisce fra Sidival nel filone dello spazialismo, dove il frate occupa un posto di tutto rispetto. Con un paziente lavoro di ago, filo e colore, Sidival realizza grandi tele segnate da «pieghe e ferite», maestose introflessioni che donano alle opere vitalità, dinamismo estetico, tridimensionalità: modulate dagli interventi sempre variabili della luce, suscitano vibrazioni di coscienza e delicati sommovimenti interiori.

 

 

«Così l’arte diventa un passaggio verso il mistero, un viaggio per la trascendenza», nota fra Sidival che, nella sua personale teoria estetica, ritiene inseparabile la sua esperienza di uomo consacrato con quella di artista. «Sono un frate, faccio l’artista», spiega candidamente distinguendo la sfera dell’essere da quella della prassi. E se la fede, come afferma san Giacomo, si mostra tramite le opere, Sidival con le sue tele offre una peculiare testimonianza francescana. La sua attività diventa cioè una strada per annunciare il Vangelo, per parlare alla coscienza dell’uomo e dire che «l’infinito è lì, giusto oltre l’orizzonte, basta seguire i semi del Verbo sapientemente sparsi in questo mondo».

 

 

Perché poi, direbbe il Poverello di Assisi, «Tu sei bellezza»: Dio è bellezza e l’arte, come la musica, è un linguaggio che può aiutare a comunicare il sacro, il trascendente. Guardare un’opera di Sidival Fila diventa allora un’esperienza liminale, un passo verso la contemplazione. Al Museo Carlo Bilotti – uno dei santuari dell’arte contemporanea dove la sua personale «TrasFormAzione» ha attratto studiosi da tutto il mondo (Stati Uniti, Francia, Gippone) – una stanza è interamente dedicata a un’opera del frate: «Coloured marble 2».

 

 

A seconda della luce che investe l’ampia tela, cambiano i colori, le sfumature, la profondità, i giochi delle ombre, le densità cromatiche. Chi guarda si ritrova ad ascoltare, rapito da una inattesa sinestesia. E’ un modo per rivelare al cuore dell’uomo che le ferite della vita quotidiana, vissute con la prospettiva della fede, possono assumere tonalità e significati diversi, inizio di una palingenesi.

 

 

Uomo di profonda cultura, Sidival Fila è persona in cui la solida formazione filosofica e spirituale si coniuga sapientemente al fatto artistico, segno di una personalità multiforme e di una visione del mondo «a tutto tondo», che sarebbe certo piaciuta a un «folle di Dio» come Francesco di Assisi. Non per nulla, poco più che ventenne, Sidival è stato folgorato dall’esperienza del Poverello, scegliendo di calcarne le orme e di viverne lo stile di vita fatto di povertà, essenzialità, anche obbedienza.

 

 

In un mondo fatto di collezionisti di élites, grandi musei e direttori di  prestigiose gallerie moderne, le opere di Fila sono battute da case d’asta internazionali e fanno parte di collezioni esclusive. Ma proprio in un ambiente spesso patinato e autoreferenziale, lo slancio artistico di Sidival, e soprattutto la sua tempra umana, costituiscono un supplemento d’anima e un seme di Vangelo che «sta a Dio usare, con la sua grazia, per toccare un cuore», rimarca.

 

 

Anche perché l’acquisita notorietà non porta al frate ricchezza o potere. Il ricavato delle vendite dei quadri serve a finanziare progetti di sviluppo in America Latina e in Africa, dove suore e missionari lottano contro fame e malattie.

 

 

Sidival, con la sua proverbiale semplicità, si affaccia dalla torretta del suo atelier, in cima al convento di san Bonaventura al Palatino a Roma, dove gode di una vista mozzafiato. Ma resta coi piedi per terra. Pronto a fare un panino al povero che bussa o a intrattenere con competenza il direttore del MoMa.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

MUTUI PRIMA CASA- Appello ADICONSUM al Governo: rifinanziare presto

Pubblicato

il

Appello di Adiconsum al Ministro dell’Economia, Giovanni Tria:
rifinanziare al più presto il Fondo Consap per l’acquisto della prima casa.
Nessun onere a carico dello Stato per il rifinanziamento

15 gennaio 2019 – Sulla nostra pagina facebook continuano ad arrivare numerose richieste di consumatori in merito al rifinanziamento del Fondo Consap per l’acquisto della prima casa, lamentando anche il fatto che, a dispetto delle esigue risorse rimaste ma comunque ancora presenti, alcuni istituti di credito stanno declinando le domande di accensione dei mutui con questa modalità già da alcuni mesi – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale.

Lo scorso novembre – prosegue Danilo Galvagni, Vice Presidente di Adiconsum –  ci eravamo attivati lanciando l’allarme sull’imminente esaurimento delle risorse del Fondo Consap, inviando una lettera al Ministro, Giovanni Tria, chiedendo, oltre  ad un intervento urgente di rifinanziamento, anche l’apertura di un Tavolo con tutti gli stakeholder, comprese le Associazioni Consumatori, per omogeneizzare le regole e aumentare le opportunità. Questa lettera, purtroppo, al momento è ancora disattesa.

Il Fondo di garanzia Consap – continua Galvagni – ha svolto in questi anni un duplice ruolo: di tutela sociale, da un lato, permettendo l’accesso al credito anche a quelle persone prive di determinati requisiti (si pensi in primis al lavoratore con contratto di lavoro atipico) e di volano nel settore dell’edilizia, dall’altro.

Rivolgiamo, quindi, un appello al Ministro dell’Economia Tria – conclude De Masi – affinché intervenga al più presto per rifinanziare il Fondo, considerato che tale operazione non richiede alcun onere a carico dello Stato.

Continua a leggere

Consumatori

Guerra TAXI vs NNC, secondo l’antitrust va liberalizzato il settore

Pubblicato

il

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è stata sentita in audizione informale dinnanzi alla IX Commissione (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera dei Deputati in merito al disegno di legge di conversione del decreto-legge 29 dicembre 2018, n. 143 “Disposizioni urgenti in materia di autoservizi pubblici non di linea”. 
Nel corso dell’audizione è stato evidenziato come nel settore della mobilità non di linea si sia sviluppata nei tempi più recenti una domanda molto estesa e diversificata di servizi che tende a non distinguere più tra attività soggette a obblighi di servizio pubblico (taxi) e attività di mercato (NCC) e che, legata ad un concetto di mobilità urbana di tipo intermodale di servizi, fa ampio ricorso ai nuovi strumenti resi possibili dall’innovazione tecnologica.

In questo quadro, qualunque riforma organica della disciplina di settore dovrebbe avere quale obiettivo ultimo il pieno soddisfacimento delle nuove esigenze dei consumatori, affinché gli stessi possano trarre pieno beneficio dalle innovazioni tecnologiche e dai mutamenti intervenuti nelle modalità di offerta dei servizi.

A tale riguardo, l’Autorità ha posto in luce come le modifiche introdotte dal Decreto in via di conversione non appaiano andare nella direzione auspicata. Il mantenimento infatti di vincoli nelle modalità di prenotazione dei servizi e delle restrizioni territoriali all’offerta di servizi NCC, unitamente all’inutilizzabilità delle piattaforme tecnologiche e alla moratoria nel rilascio di nuove autorizzazioni, tenderà a rendere sempre più difficile l’incontro della domanda e dell’offerta, con l’effetto di deprimere il benessere dei consumatori finali in termini di minore ampiezza e qualità dei servizi offerti e di prezzi più elevati.

        Sulla base di tali considerazioni, l’Autorità ha ribadito il proprio favore a un disegno di riforma complessiva della normativa del settore della mobilità non di linea secondo le linee avanzate nelle sue numerose segnalazioni in senso pro-concorrenziale e nel rispetto rigoroso del principio di proporzionalità.

Nelle more di tale processo di riforma, l’Autorità ha sottolineato la necessità di procedere, in sede di conversione, a modificare quelle parti del Decreto idonee a mantenere o addirittura a rafforzare ingiustificate restrizioni concorrenziali nel settore della mobilità non di linea.

In particolare, l’Autorità ha suggerito di: i) eliminare ogni limitazione alle modalità di prenotazione del servizio di NCC; ii) abrogare le norme della legge n. 21/92 che di fatto determinano restrizioni territoriali all’operatività delle imprese NCC; iii) abrogare la norma che introduce una moratoria al rilascio di nuove autorizzazione NCC sino alla realizzazione del registro nazionale.

Roma, 16 gennaio 2019

Continua a leggere

Consumatori

CONSOB: verso la nomina di Marcello Minenna. OK dei consumatori

Pubblicato

il

16 gennaio 2019 – Esprimiamo soddisfazione per le dichiarazioni dei leaders di maggioranza di voler procedere alla copertura della presidenza della Consob, già dal prossimo Consiglio dei Ministri, indicando nella persona di Marcello Minenna, il candidato da nominare.

Consideriamo il prof. Minenna, la sua storia personale e la sua indipendenza dalla politica e dai poteri finanziari, una figura di garanzia per i risparmiatori e per i cittadini tutti, al fine di contrastare le distorsioni e le problematiche che si sono determinate, spesso causate dal potere delle elite finanziarie. 

Continua a leggere