Seguici su

News

Interrogazione sull’avanzamento di carriera di 18 posizioni. L’autosuper promozione del presidente ARERA Bortoni?

Pubblicato

il

Interrogazione parlamentare On.le VALLASCAS. — Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro per la pubblica amministrazione, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. — Per sapere – premesso che:

il giornale «Il fatto quotidiano», con alcuni articoli pubblicati il 4 luglio e il 1° agosto 2018, ha dato la notizia secondo la quale l’attuale presidente dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) Guido Bortoni, avrebbe beneficiato di un avanzamento di carriera che risulterebbe anomalo sia per il ruolo ricoperto da Bortoni all’interno dell’Authority sia per le modalità in cui si è esplicato, modalità che, secondo quanto riferito dai sindacati, risulterebbero illegittime;

nel dettaglio, secondo il giornale, l’11 aprile 2018, operando in regime di prorogatio, essendo scaduto nel mese di febbraio, il collegio dei commissari di Arera avrebbe dato «indirizzo» al direttore per gli affari regionali e risorse (Dagr), Giovanni Colombo, di attribuire a Guido Bortoni «una valorizzazione dell’anzianità maturata, anche alla luce della disciplina vigente in Antitrust, con l’attribuzione di due livelli per ogni anno fuori ruolo»;

Bortoni, dirigente dell’Autorità, avrebbe trascorso gli ultimi nove anni «fuori ruolo», due al Ministero dello sviluppo economico, come capo del dipartimento dell’energia, sette ad Arera, come presidente: ne conseguirebbe che, secondo quanto riportato dal giornale, gli verrebbero «attribuiti in un colpo 18 livelli di avanzamento di carriera»;

è il caso di osservare che, sempre secondo quanto riferito da «Il fatto quotidiano» nell’edizione dell’1 agosto 2018 si tratterebbe «di uno scatto di carriera di 18 livelli che lo porterebbe, una volta tornato dirigente a fine mandato, ad avere più o meno lo stesso stipendio che aveva da presidente, circa 240 mila euro l’anno, il tetto massimo fissato per legge»;

il giornale riferisce che «Secondo i sindacati l’indirizzo è illegittimo, perché non si tratta di un atto amministrativo (e per questo non è stato reso pubblico) e viola il protocollo d’intesa che regola gli avanzamenti di carriera all’Autorità, che non prevede promozioni per i fuori ruolo (se non dopo una trattativa sindacale)»;

i sindacati, che nel frattempo si sono rivolti all’Anac, avrebbero segnalato un secondo caso di avanzamento di carriera anomalo: «il 5 aprile, il collegio ha disposto – questa volta con delibera – la promozione di quattro dirigenti, da direttori aggiunti a direttori […] Tra questi c’è anche Colombo, che peraltro firma la relazione fornita al collegio che fornisce le motivazioni per la promozione»;

se quanto riportato in premessa risultasse vero, ci si troverebbe di fronte a una situazione gravissima, nella quale verrebbero sovvertite le più elementari regole sulla progressione delle carriere nel pubblico impiego, sulla trasparenza delle procedure, sul conflitto d’interessi, nonché sulla terzietà degli organismi preposti a selezionare il personale;

è il caso di osservare che i fatti riferiti acquisterebbero, nella loro gravità, un’importanza straordinaria, anche perché interessano l’Arera, un organismo indipendente chiamato a ricoprire un ruolo strategico nella regolamentazione del sistema energetico italiano;

questa circostanza, se accertata, rischierebbe concretamente di influire negativamente anche sull’autorevolezza che deve sempre accompagnare l’operato di un’autorità indipendente, attività che dovrebbe essere improntata alla massima trasparenza e correttezza delle procedure e delle decisioni adottate –:

se il Governo non ritenga di adottare iniziative normative volte a rendere oggettivi e verificabili i criteri per gli avanzamenti di carriera, soprattutto per le posizioni apicali, anche per casi quali quello segnalato in premessa.
(5-00344)

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Chi è single spende di meno rispetto a chi è in coppia. Vero o fake? Ecco la verità

Pubblicato

il

Chi è single spende di meno rispetto a chi è in coppia.
Vero o fake?
Una ricerca di Adiconsum svela la verità confrontando, dati alla mano,quanto costa vivere da soli o in coppia

22 ottobre 2018 – Gli ultimi dati Istat al 1° gennaio 2018 fotografano una situazione di parità tra numero di single e di coppie presenti nel nostro Paese. Anzi, se consideriamo anche i divorziati/e e i vedovi/e, i single sono in netta maggioranza. Ma quali sono i costi che devono affrontare i single nella loro vita quotidiana rispetto a chi è in coppia? Chi è in grado di risparmiare di più: i single o chi vive in coppia? Adico

nsum ha cercato di dare una risposta a queste domande, svelando una verità che forse molti non sospettano.

Veniamo ai dati. La ricerca di Adiconsum affronta i costi per:
·      l’affitto della casa
·      la spesa di generi alimentari e di prodotti per la cura e l’igiene della persona e delle casa
·      la spesa per la bolletta di luce e gas
·      la spesa per la gestione dell’auto.

Spesa per l’affitto della casaSia che si affitti un bilocale in un zona semicentrale a Roma, Milano o Napoli, vivere da soli o in coppia non cambia: l’affitto da pagare è sempre quello.Spesa di generi alimentari e di prodotti per la cura e l’igiene della persona e delle casa
Se scomponiamo la spesa e consideriamo i costi sostenuti per l’acquisto dei soli prodotti alimentari e dei prodotti per la cura e igiene della persona e della casa, vediamo che la differenza è di soli 80 euro.Spesa per la bolletta di luce e gas
Se consideriamo la bolletta della luce, la differenza è di 98 euro.

Spesa per la gestione dell’autoTra bollo, revisione, assicurazione e manutenzione, la spesa per i single e per chi vive in coppia è la stessa. In questo caso, essere single o vivere in coppia non fa differenza.

CONCLUSIONI
Se confrontiamo la spesa complessiva comprendente:
·      affitto bilocale
·      spesa prodotti alimentari e per l’igiene e la cura della persona e della casa che sostiene un single e quella che sostiene chi vive in coppia
·      la gestione dell’auto
·      i costi della bolletta energeticachi vive da solo spende in totale soli 110 euro in meno rispetto a chi vive in coppia.Alla luce dei dati elaborati da Adiconsum con la sua ricerca, la risposta al quesito è, quindi, la seguente:

Risparmia di più chi vive in coppia e, soprattutto, se i soggetti che la compongono sono entrambi percettori di reddito.

Continua a leggere

News

Auto mia, quanto mi costi? Una video infografica esplora le differenze di spesa da regione a regione

Pubblicato

il

Acquistare e mantenere un’automobile è una spesa importante che influisce sui bilanci delle famiglie italiane. A influire sui costi totali non c’è solo la spesa per l’acquisto, ma anche i costi legati al mantenimento e all’utilizzo del veicolo, come il carburante, l’assicurazione RCA, il tagliando e il bollo auto. La somma finale, però, non è univoca per tutto il territorio nazionale ma può variare anche in maniera sostanziale in funzione della regione di residenza.

Mediamente gli italiani spendono per mantenere la propria auto 1.515 euro all’anno, con un divario di circa 1.000 euro tra la regione più economica, il Friuli Venezia Giulia, e quella dove si spende di più, la Campania. È quanto emerge dalla video infografica realizzata da automobile.it, sito di annunci di auto usate, nuove e km 0, che fornisce dettagli sulla spesa annua che le famiglie italiane devono sostenere per mantenere la propria auto, evidenziando in che modo i diversi fattori concorrono a comporre la cifra finale.

Il video, disponibile sul magazine del sito, mostra nel dettaglio le differenze tra le regioni italiane per quanto riguarda i costi di utilizzo e di mantenimento dell’auto, sia in termini assoluti sia per quanto riguarda costo del carburante, assicurazione RCA e spese di bollo e tagliando. La regione dove si spende di più, come anticipato, è la Campania, con una media di 2.156 euro all’anno. La regione dove possedere un’auto costa invece meno è il Friuli Venezia Giulia, dove si riesce a rimanere intorno a una media di 1.117 euro annui.

La colpa dell’exploit campano è legata soprattutto agli elevati costi da sostenere per l’assicurazione RCA che sfiora i 1.000 euro, quasi il doppio delle regioni più vicine in questa speciale classifica (Liguria e Calabria, entrambe poco al di sopra dei 470 euro). All’estremo opposto, accanto al Friuli Venezia Giulia, dove si spendono in media 188 euro all’anno, circa l’80% in meno di quanto avviene in Campania, ci sono Basilicata, Emilia Romagna, Abruzzo e Sardegna, tutte al di sotto dei 300 euro. Nel complesso nazionale i costi per l’assicurazione RCA incidono per il 25% sulle spese di manutenzione annuali.

Tra i fattori che compongono la spesa annua, l’incidenza più ampia è quella del carburante, che influisce per il 53% sui costi complessivi. La regione dove la spesa per il carburante è più alta è il Molise (1.174 euro), non solo per il costo dello stesso ma anche per il numero medio di chilometri percorsi ogni anno. Il Friuli Venezia Giulia è ancora una volta tra le regioni più “economiche”, insieme a Sicilia, Lazio, Liguria, Marche e Valle d’Aosta, tutte sotto i 700 euro di media all’anno.

L’altra voce di costo presentata all’interno della video infografica è quella legata a tagliando e bollo, che influisce in media per l’11%. Si tratta della componente di spesa su cui si registrano le minori variazioni; tuttavia, anche in questo caso, la media nazionale di 171 euro è alzata da Campania e Abruzzo.

Continua a leggere

News

Innovazione e Blockchain verso il futuro. L’Italia parte da Napoli con Unico Energia e TATATU

Pubblicato

il

Innovazione e Blockchain verso il futuro, Conferenza stampa 23 Ottobre ore 10:30 c/o Sala Cenzato – Unione Industriali Napoli I

Introduce il presidente Vito Grassi

Modera Maurizio Belpietro

La Blockchain è la più grande e innovativa rivoluzione di Internet. Una tecnologia che permette la fruizione di un database ideato per la gestione di transazioni, strutturato in Blocchi contenenti al suo interno più transazioni e che sono tra loro collegati in rete in modo che ogni transazione avviata sulla rete debba essere validata dalla rete stessa che controlla ciascun singolo blocco. Per saperne di più, UNICOENERGIA e TATATU hanno organizzato un incontro, con il patrocinio dell’Unione Industriali Napoli, al fine di definire il concetto di Blockchain e spiegare come stia per cambiare la vita di milioni di persone. La Blockchain è il futuro digitale attraverso il quale cambieranno il processo di innovazione delle imprese, delle organizzazioni e delle Pubbliche Amministrazioni del nostro paese. L’incontro fornirà informazione per aiutare tutti a comprenderne il valore per sfruttarne tutte le sue potenzialità.

Ad introdurre la conferenza stampa sarà Vito Grassi, Presidente Unione Industriali Napoli.

Moderatore dell’incontro invece sarà Maurizio Belpietro.

Interverranno per Unicoenergia Roberto Minerdo e il CEO Aldo Arcangioli, che discuteranno su come i sistemi innovativi di pagamento di energia elettrica e gas diventeranno sempre più smart per l’utente finale.

Luigi Gabriele di Adiconsum esporrà come il futuro e la tecnologia stia entrando sempre più velocemente nelle case dei cittadini e come trasformerà e semplificherà le abitudini delle persone. Riccardo Maria Monti, Presidente di Italferr, racconterà come anche i trasporti sono parte integrante della rivoluzione tecnologica e digitale.

Andrea Iervolino, fondatore e Ceo di Tatatu, innovativa e rivoluzionaria piattaforma social entertainment basata sulle blockchain, porterà un esempio pratico di come tale innovazione cambierà anche il mondo dell’entertainment e la fruizione di contenuti audiovisivi.

 

Unicoenergia è un gruppo energetico che opera nel mercato dell’energia e del gas, anche in forma di ESCo, e ha come obiettivo principale l’ottimizzazione dell’uso dell’energia per una maggiore efficienza per i clienti finali. Un’azienda solida e costante negli anni che, dal 2013, si inserisce nel mercato offrendo servizi customizzati di consulenza in materia, al fine di garantire un servizio all’avanguardia. Dal 2018 l’utente può godere anche dei servizi di connettività di ultima generazione attraverso l’integrazione con il gruppo Connectivia. Sempre attenta alle nuove tecnologie sostiene le attività di EpStation per favorire tutti i sistemi di mobilità elettrica interconnessa e sviluppa formazione e ricerca attraverso una partnership con Uninacorse. www.unicoenergia.com

Tatatu è una piattaforma di intrattenimento in cui gli utenti sono in grado di monetizzare le proprie attività. Il meccanismo di monetizzazione è piuttosto semplice: più guardi e più guadagni! L’obiettivo di TaTaTu è diventare il token universale per l’industria dell’intrattenimento con 600 milioni di utenti entro il 2021. Il token TaTaTu è il primo nell’industria Entertainment e rappresenterà il mezzo elettronico per supportare la produzione di film attraverso le transazioni fra utenti, proprietari di contenuti e brand. Mediante la gestione dei diritti dei dati (“DRM”) TaTaTu permette, in modo completamente trasparente ed efficiente, di poter gestire, in tutto il mondo, i diritti di licenza tra gli utenti, il tipo di contenuto e giurisdizione. www.tatatu.com

Continua a leggere