Seguici su

News

Banca popolare di Vicenza: 6 mila reclami inevasi

Pubblicato

il

Altro che conciliazione, la banca non ha riposto nemmeno ai suoi correntisti

La vicenda: la Banca concedeva mutui a tassi agevolati o finanziamenti in cambio dell’acquisto di azioni, chiamiamolo un meccanismo do ut des che non si poteva fare.

La Banca faceva chiaramente il suo dovere: tranquillizzava i risparmiatori e facendo “figli e figliastri” ricomprava le azioni solo di alcuni ma non di altri.Insomma come sempre succede, se eri amico ti veniva fatto il favore, se non suscitavi l’interesse della banca le tue azioni non venivano riacquistate.

Fatto sta che oggi, dopo i roboanti annunci e lo scandalo, 6000 consumatori tra quelli “non graziati”, hanno provato a comportarsi per l’ennesima volta da brave persone e hanno presentato il reclamo alla Banca. Bene, questi 6000 risparmiatori ad oggi non hanno ricevuto nemmeno una cordiale risposta. Del resto mica devono riavere i loro risparmi?

Sono stati annunciati dei tavoli di conciliazione rimandati a data da destinarsi, nessuno ha idea di quando potrebbero avere luogo, i risparmiatori attenderanno senza soldi e senza risposte, per questi ultimi rimane il fondo del barile, mentre per la Banca rimane il Fondo Atlante con soldi pubblici pronti a salvarla.

Patuelli ha chiesto alle banche maggiore trasparenza e di voltare pagina. Ma stava scherzando?

Codici a supporto dei consumatori offre sostegno attraverso lo sportello legale all’indirizzo email: segreteria.sportello@codici.org e attraverso il nostro sito potete inviare un reclamo all’indirizzo: http://codici.org/servizi-bancari.html

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Sanzione da 4.400.000 euro a Fastweb per pubblicità ingannevole sulla fibra ottica

Pubblicato

il

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua adunanza dell’11 aprile 2018, ha sanzionato per una pratica commerciale scorretta Fastweb S.p.A., per un ammontare complessivo di 4.400.000 euro.

Nelle campagne pubblicitarie inerenti l’offerta commerciale di connettività in fibra ottica (sito web, below the line spottelevisivi e affissionali), Fastweb, a fronte del ricorso a claim volti ad enfatizzare l’utilizzo integrale ed esclusivo della fibra ottica e/o il raggiungimento delle massime prestazioni in termini di velocità e affidabilità della connessione, ha omesso o non ha adeguatamente evidenziato le informazioni sulle caratteristiche dell’offerta, sui limiti geografici di copertura delle varie soluzioni di rete, sulle differenze di servizi disponibili e di performance in funzione dell’infrastruttura utilizzata per offrire il collegamento in fibra.

In conseguenza di tale condotta omissiva e ingannevole, il consumatore, a fronte dell’uso del termine onnicomprensivo “fibra”, non è stato messo nelle condizioni di individuare gli elementi che caratterizzano, in concreto, l’offerta. A ciò si aggiunga che i claim presenti nelle campagne pubblicitarie sulla fibra di Fastweb non contenevano chiari riferimenti alla circostanza che le massime velocità di connessione fossero ottenibili solo in virtù dell’attivazione di un’opzione aggiuntiva in promozione gratuita per un periodo limitato e, poi, a pagamento.
L’assenza di un’informazione chiara su tali profili impedisce al consumatore, pertanto, di prendere una decisione consapevole sull’acquisto dell’offerta in fibra.

La condotta ingannevole e omissiva risulta particolarmente rilevante in considerazione dell’importanza del settore economico interessato, caratterizzato da modelli di consumo ed esigenze degli utenti in continua e radicale evoluzione, a fronte di una crescente offerta di servizi digitali.

Roma, 23 aprile 2018

Continua a leggere

News

POSTE ITALIANE: SIGLATO ACCORDO QUADRO CON 20 ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI

Pubblicato

il

Si consolida la lunga collaborazione ispirata alla trasparenza e alla condivisione delle informazioni a beneficio dei cittadini

Roma, 23 aprile 2018 – Migliorare costantemente la qualità dei prodotti e dei servizi: questo è l’obiettivo principale dell’accordo siglato oggi fra l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, e i rappresentanti di 20 Associazioni dei Consumatori.
L’intesa, che regola i rapporti fra Poste Italiane e le Associazioni, fissa le modalità di relazione e condivisione delle informazioni.
L’accordo conferma inoltre il tavolo tecnico di consultazione permanente, denominato “Cantiere Consumatori”, formato da un rappresentante di ognuna delle Associazioni che hanno sottoscritto l’accordo e dai rappresentanti dell’Azienda.
Il “Cantiere Consumatori” prenderà visione in anteprima delle nuove offerte di Poste Italiane ed esaminerà i principali dati sulla qualità e sull’andamento dei reclami; curerà inoltre la realizzazione di moduli formativi per il personale degli uffici postali, organizzerà incontri sul territorio, elaborerà indagini finalizzate al miglioramento dei servizi e potrà infine realizzare campagne informative e guide su specifici servizi e prodotti di particolare complessità.
La firma di oggi rinnova e consolida uno storico rapporto di collaborazione fra Poste Italiane e le Associazioni dei Consumatori, nell’ottica del raggiungimento dell’eccellenza della qualità dei servizi offerti e della tutela e cura del consumatore.
Corporate Affairs
Relazioni Istituzionali
Rapporti con le Associazioni dei consumatori

Continua a leggere

News

Diritti tv campionato serie A TIM – Guerra tra Sky Italia e Mediapro Italia S.r.l

Pubblicato

il

 

Codici: ad andarci di mezzo è sempre il consumatore, presentata segnalazione all’Antitrust

Codici ha presentato una segnalazione all’Antitrust per segnalare il messaggio pubblicitario potenzialmente ingannevole di cui è autrice la società Sky Italia S.r.l

La società infatti, pubblicizza nel proprio sito internet, una proposta di abbonamento della durata di due anni, grazie alla quale gli abbonati potrebbero assistere, a prezzi vantaggiosissimi, a tutte le partite della Serie A TIM, nonché della Serie B TIM.

Sennonché, come è noto, ad essersi aggiudicata i diritti audiovisivi del Campionato di Serie A TIM, non è stata Sky Italia, bensì altra Società, ovverosia Mediapro Italia S.r.l.

Tali “Diritti” sono attualmente oggetto della procedura competitiva avviata da Mediapro Italia S.r.l con la pubblicazione dell’Invito per Operatori della Comunicazione lo scorso 6 aprile 2018.

Il messaggio pubblicitario di Sky sembra essere, pertanto, palesemente ingannevole, in quanto idoneo ad indurre i consumatori a ritenere gli stessi già stati acquisiti da Sky, mentre la procedura di assegnazione dei diritti in questione è appena iniziata, quindi Sky millanta di avere già in tasca qualcosa che ancora non possiede.

Codici non ha potuto far altro che segnalare all’Antitrust, per evitare che come al solito ci vada di mezzo il consumatore.

Continua a leggere