“La maratona negoziale, durata mesi e culminata nella giornata di ieri con uno strappo finale da parte della UE, con i supertecnici italiani del Ministero dell’ Economia Italiana, capeggiati dal Min. Padoan, hanno partorito l’ennesima mostruosità di fantatecnofinanza!”  Commenta il Dott Canio Trione, economista del  Codici “ si chiede ai risparmiatori, (direttamente o indirettamente) di finanziare tutti i crediti dichiarati inesigibili, attraverso una Banca che già nasce “cattiva”. In periodi di fregature finanziarie ancora cocenti si chiedono  soldi   a fronte di titoli rappresentativi di crediti inesigibili !!!   Davvero una soluzione altamente pasticciata, inintelligibile al pubblico dei risparmiatori ed alla maggioranza dei finanzieri professionisti!”

Ci si chiede se la trattativa non si sarebbe dovuta tenere tra le banche coinvolte e il loro naturale referente che è l’Eurosistema, guidato da Draghi.

“Se non sono in grado di trovare soluzioni semplici e di efficacia immediata,  andiamo noi a dare qualche suggerimento che sia di utilità per i consumatori” conclude Trione.

In tempi di danaro facile e  stampato, quindi a buon mercato, la soluzione si sarebbe potuta trovare all’interno della finanza istituzionale europea, senza che Stati, contribuenti, risparmiatori e Ministri fossero distolti dalle loro naturali occupazioni.