Codici lancia la campagna “trasparenza bancaria” ed avvia l’analisi dei prodotti delle banche: questa è l’ultima iniziativa a firma Codici avviata a tutela del consumatore.

Dopo aver raccolto le segnalazioni dei cittadini, sono finiti sotto la lente d’ingrandimento dell’associazione diversi contratti per verificarne la regolarità. Tra questi alcuni stipulati con Unicredit. Alla luce delle recenti pronunce giurispudenziali, che hanno disatteso i criteri dettati da Banca d’Italia – in quanto non ritenuti conformi alla normativa – i tassi applicati sembrano essere superiori alle soglie antiusura rilevate nel corso dei trimestri.
“Diverse sono le banche ed istituti di credito con cui Codici è riuscito ad instaurare un dialogo ed un confronto utili per appianare una situazione decisamente sfavorevole per il consumatore – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – Per contro, da Unicredit è stata avvisata una resistenza ad accogliere le nostre istanze. L’Associazione ha così preferito non prendere parte ai tavoli di confronto avviati dalla banca. L’invito che possiamo rivolgere ai consumatori – prosegue – è quello di prestare la massima attenzione al contratto prima di sottoscriverlo. Nel caso fosse stato già stipulato, di sottoporlo all’attenzione dell’Associazione per opportune verifiche e valutazioni. Se non dovesse risultare conforme alla Legge, c’è la possibilità di ottenere la restituzione delle somme versate”.

Codici è, quindi, vicino al consumatore per aiutarlo a comprendere se il proprio mutuo sia conforme alla legge o se, al contrario, la somma delle varie spese supera il tasso soglia stabilito dalla legge antiusura 108/96.

Si ricorda, inoltre, la sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la 350/2013 del 9 gennaio, che ha stabilito che “quando il tasso di mora, le penali e le varie spese, tutte messe insieme superano il tasso soglia, stabilito dalla legge antiusura 108/96, anche i mutui diventano usurai e possono essere annullati con le relative procedure giudiziali bloccate”…“oltre a permettere il recupero integrale degli interessi pagati su mutui, leasing e finanziamenti, quando i tassi o le penali superano la soglia di usura”.
Per maggiori informazioni o per fissare un appuntamento con un legale, i cittadini possono far riferimento allo 065571996. On line, sul sito www.codici.org, il modulo attraverso il quale è possibile richiedere la restituzione delle somme versate per l’applicazione di interessi usurari.