Calano in tutta Italia i prezzi di benzina e gasolio alla pompa, con verde e diesel quotati oggi rispettivamente 1,722 e 1,644 euro/litro. Ma i prezzi dei carburanti in Italia rimangono i più elevati d’Europa. Lo denuncia il Codacons, puntando il dito sull’elevata tassazione che vige sulla benzina nel nostro paese.

L’Italia è il paese che detiene il non invidiabile record della benzina più cara d’Europa – spiega l’associazione – Rispetto alla media europea di 1,395 euro al litro, da noi la verde costa 0,327 euro in più. Questo significa che per un pieno ad un’automobile di media cilindrata, un automobilista italiano spende 16,35 euro in più rispetto alla media Ue.

“La colpa di tale divario è nell’eccessiva tassazione che pesa sui carburanti in Italia – denuncia il Presidente Carlo Rienzi – Tra imposte, accise e Iva, oggi per ogni litro di benzina acquistato circa 1,060 euro se ne va in tasse. E’ una vergogna che gli italiani siano costretti ancora a pagare tasse per guerre, terremoti ed alluvioni del passato, attraverso il perverso meccanismo delle accise di scopo che finiscono nel dimenticatoio ingrassando le casse dello Stato a discapito dei consumatori, sempre più impoveriti da una pressione fiscale insostenibile”.