Siamo stati al tavolo promosso da Agcom sul caso BipMobile.
Oltre alla spicciola guerra ad accaparrarsi qualche utente da parte degli operatori e a chiedere qualche fondo da parte dei pozzi senza fondo, abbiamo assistito al fallimento della tutela e regolazione del consumatore nel settore TLC.
Tutto questo in una cornice dove l’Agcom, per sapere quanti consumatori hanno diritto al credito residuo, ha dovuto chiedere il Cd Rom a Bip Mobile(sic.).
Polemiche a parte ci impegneremo a fare in modo che almeno si costituisca per legge dello Stato un “Sistema informativo integrato” delle utenze, sul modello di quello del settore energetico, ove mediante una database unico si possano scambiare dati informativi sulle SIM e si possano risolvere oltre ai reclami e ai contenziosi, le partite economiche tramite un meccanismo indennitario, senza dover far prelevare alcun centesimo dalle tasche dei consumatori.
È chiaro che così com’è il rapporto operatori-Agcom- Consumatori non va proprio. In un paese normale una cosa del genere non sarebbe mai accaduta.Pare che occorra un sistema di vigilanza sulla vigilanza.

Solidarizziamo con la Società BipMobile, perché siamo certi che l’attuale difficoltà non dipenda solo da loro , ma da un sistema chiuso di oligopolisti ed Incumbent che comunque rischiano la stessa fine.
In bocca al lupo e Bip Biiip!!!!

Il comunicato della società
Gentili Clienti, a seguito dei recenti eventi che hanno coinvolto BIP, con la presente comunicazione è nostro interesse informarvi che stiamo tutt’ora facendo il possibile per ripristinare tutti i servizi interrotti da Telogic in data 30 dicembre 2013.

Vi informiamo, altresì, che tutti i clienti che decideranno di passare ad altro operatore attraverso il procedimento di MNP potranno mantenere il proprio numero presso l’operatore mobile prescelto.

Per quanto riguarda il credito residuo vantato da ciascun cliente al momento del distacco del servizio, Vi informiamo che esso:
1. in caso di riattivazione dei servizi sarà ripristinato nell’ammontare esistente al 30 dicembre 2013; mentre
2. nel caso di MNP (allo stato attuale) possiamo fornirvi le seguenti informazioni:
– solo gli operatori H3G e Tiscali hanno previsto il riconoscimento di un bonus in un tempo determinato a titolo di promozione per il passaggio di operatore;
– gli operatori Wind e Poste Mobile ci hanno ufficialmente comunicato che non riconosceranno alcun credito residuo;
– gli altri operatori non ci hanno ufficialmente comunicato alcuna posizione in merito , siamo quindi in attesa di comunicazioni ufficiali in merito.
3. in caso di mancata riattivazione dei servizi verrà rimborsato a ciascun utente secondo i modi, i tempi e le percentuali (che ad oggi sono in via di definizione) previste nel piano di concordato preventivo che BIP dovrà depositare prossimamente presso le competenti autorità giudiziarie.

Inoltre, occorre far presente che abbiamo a più riprese chiesto a Telogic e per conoscenza a Agcom la riattivazione del servizio “voce in entrata” che non comporta alcun costo e consentirebbe a tutti voi di poter ameno ricevere le chiamate ma ad oggi, inspiegabilmente, tale servizio ancora non è stato ripristinato. Con il presente comunicato intendiamo ribadire l’importanza della riattivazione del citato servizio chiedendo espressamente ad Agcom che prenda atto dell’inerzia di Telogic in tal senso a danno e disagio dei consumatori

Infine, ci preme segnalarvi che, differentemente da quanto riportato su numerosi siti (evidentemente male informati), BIP non ha chiuso né è fallita ma sta, tutt’ora, cercando qualsiasi via possibile (anche per il tramite di investitori terzi interessati) per ripristinare tutti i servizi voce e dati e riattivare la catena distributiva.

Come sempre sara’ nostra cura tenere informati tutti voi costantemente sugli sviluppi della situazione.
Bip Mobile Spa

@Doctorspinone