• Bilancio di fine anno Expo 2015: boom dei prodotti regionali italiani di qualità
    +8% per l’esportazione agroalimentare
    Il 31 ottobre scorso si è concluso Expo 2015, l’esposizione universale dedicata
    all’alimentazione. Umbriazest.com, il sito dedicato ai prodotti alimentari umbri di alta
    qualità, che rivolge particolare attenzione alla filosofia del mangiare slow, in occasione
    della fine dell’anno, ha voluto raccogliere dati utili a capire se e in che modo l’Esposizione
    Universale abbia effettivamente influito in maniera positiva sulla produzione e
    sull’esportazione dell’agroalimentare made in Italy.
    Ci sono buone notizie. Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e
    l’Istat registrano nei primi 9 mesi del 2015 una crescita dell’export agroalimentare
    dell’8% rispetto allo scorso anno.
    In quest’ottica l’impatto dei prodotti a qualità certificata nel belpaese è rilevante. Basti
    pensare che l’intero territorio vanta ben 796 denominazioni DOP (Denominazione di
    Origine Protetta) e IGP (Indicazione Geografica protetta), i quali riescono a coinvolgere
    tutti i territori del Paese, che si sono distinti nell’ambito di Expo 2015.
    La Lombardia brinda: il suo celebre Franciacorta DOP, vino ufficiale dell’esposizione, tira
    le somme e chiude l’evento con 21.000 bottiglie stappate per un fatturato totale della
    mescita di 1,5 milioni di euro e una crescita nel primo semestre 2015 del 10,6% sullo
    stesso periodo del 2014. Con l’Expo il Consorzio ha reso note le sue caratteristiche
    ecosostenibili: un terzo delle vigne è certificato biologico e il rimanente è a basso
    impatto ambientale.
    Anche per la Toscana ci sono buone novelle: il secondo trimestre 2015 vede una
    grande crescita per l’export dei vini del Chianti (+37,7%), i quali registrano le
    straordinarie performance ottenute sul mercato USA del +65,8%.
    Eccellente risultato anche per il Lazio e la Sardegna, che insieme alla provincia di
    Grosseto sono le zone di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio
    Pecorino Romano DOP che registra il 19,2% d’incremento quantitativo di prodotto
    destinato ai mercati esteri.
    Tra i protagonisti della Regione Emilia-Romagna troviamo la Mortadella Bologna IGP,
    uno degli insaccati più amati all’estero ma al contempo tra i più contraffatti a causa
    dell’ormai noto fenomeno dell’italian sounding (ovvero l’utilizzo di denominazioni
    geografiche, immagini e marchi che evocano l’Italia per promozionare e commercializzare
    prodotti affatto riconducibili al nostro Paese). Nell’ambito dell’Expo sono stati venduti 100
    mila piatti di mortadella per un fatturato che raggiunge gli 800.000 euro.
    La Sicilia ha brillato di luce propria grazie all’oro rosso del Pomodoro di Pachino IGP,
    all’arancia di Ribera DOP, il limone di Siracsa IGP, oltre ovviamente ai tantissimi altri
    prodotti tipici rinomati.
    Nei sei mesi di Expo nel Padiglione Italia e nei cluster cioccolato e vino, la piccola Umbria
    si è distinta tra le grandi attrattive internazionali ed ha ricevuto riscontri positivi da pubblico
    ed istituzioni.
    In particolare durante le due settimane di mostra temporanea dedicata esclusivamente alla
    Regione, circa 30.000 visitatori hanno apprezzato i suoi prodotti di alta qualità. “L’Umbria
    può contare su 70 prodotti tradizionali tra cui vini, olii, cereali e salumi, 9 Dop-Igp e 15
    vini Docg-Doc. E’ proprio su questi prodotti che il portale Umbriazest.com punta. Anche
    il nostro portale, in seguito all’Expo ha giovato di una maggiore attenzione da parte del
  • pubblico per il mangiare slow e per le buone tradizioni della nostra antica regione” ha
    commentato lo staff di UmbriaZest.com