Il Codacons frena l’entusiasmo dell’Associazione bancaria italiana, che ha fornito oggi i dati relativi a mutui e prestiti nei primi 8 mesi del 2015.
“Sul fronte di prestiti e mutui, siamo ancora lontanissimi dal tornare ai livelli pre-crisi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Basti pensare che solo da agosto 2011 ad agosto 2014 i prestiti bancari alle imprese sono diminuiti della maxi-cifra di 89 miliardi di euro, segnando un calo del -8,9%. Ancora peggio il settore dei mutui: negli ultimi 7 anni i finanziamenti concessi dalle banche per l’acquisto di una abitazione sono crollati del 72%, con una contrazione superiore ai 45 miliardi di euro. Di fronte a questi dati, una ripresa dei mutui era non solo scontata, ma doverosa, e tuttavia appare ancora insufficiente a colmare il gap con il passato” – conclude Rienzi.