Seguici su

Consumatori

Carne equina: la Grande Distribuzione Organizzata risponde a Confconsumatori

Pubblicato

il

12 catene delle 16 contattate hanno risposto a Confconsumatori. Tra le lettere molte reticenze, ma anche esempi virtuosi da “esportare”

Lo scandalo della carne equina ha evidenziato alcune, intollerabili, lacune nella Legislazione Comunitaria in materia di tracciabilità e sicurezza alimentare, in particolare sui prodotti trasformati. Confconsumatori, fin da subito, ha rivolto a tutti i principali rappresentanti della Grande Distribuzione Organizzata alcuni brevi quesiti, da un lato per conoscere la diffusione del problema e, dall’altro lato, con l’intento di sollecitare da parte della GDO soluzioni che, tramite l’adozione di “buone pratiche” a tutela del consumatore, anticipino i contenuti di una normativa comunitaria che risulta sempre più urgente.

L’Associazione si è rivolta a 16 Grandi Distributori: solo 9 hanno risposto entro pochi giorni dalla richiesta (Sma-Simply, Eurospin, Auchan, Billa, Carrefour, Coop, Esselunga, Selex, Lidl Italia); mentre non hanno ad oggi risposto alle domande poste lo scorso febbraio da Confconsumatori: Conad, Pennymarket, PAM, Sigma. Le 3 risposte di Crai, Despar Italia e Unes sono giunte all’associazione a seguito di una nostra seconda comunicazione.

«I quattro, semplici, quesiti posti alla GDO – commenta Mara Colla, Presidente nazionale di Confconsumatorici sono stati utili per tracciare un quadro della diffusione del problema e della sensibilità dei Grandi Distributori Organizzati nell’affrontarlo. Se è vero che ci rammarica e ci preoccupa il silenzio di ben 4 operatori, è anche da sottolineare il comportamento trasparente e responsabile di altri. Riteniamo che il dato più interessante riguardi i controlli supplementari effettuati in 7 catene e la richiesta di garanzie particolari richieste ai fornitori da 6 rappresentanti della GDO. Tali comportamenti, adottati su base volontaria, potrebbero gettare le basi di una “best practice” da esportare a livello comunitario, anticipando così gli effetti di una legislazione ormai non più prorogabile».

Si riporta qui sotto una breve sintesi delle 9 risposte pervenute al 14 marzo 2013, organizzate in base ai quattro quesiti posti:

A) Erano presenti prodotti Buitoni (poi ritirati) nei supermercati?

B) Erano presenti alimenti a marchio Findus prodotti dalle ditte coinvolte dallo scandalo?

C) Avete effettuato controlli supplementari dovuti allo scandalo?

D) Avete richiesto garanzie particolari ai fornitori?

 

A) Presenza di prodotti Buitoni (poi ritirati) riscontrata nei supermercati di: Coop, Carrefour, SMA, Billa, Auchan e Despar Italia.
Eurospin afferma di non avere prodotti di marca.
Lidl Italia srl non vende prodotti Buitoni.
Selex non ha risposto sul punto.
Esselunga non vende Ravioli al brasato e Tortellini di carne a marchio Buitoni, ma ha volontariamente ritirato le lasagne al sugo surgelate di Buitoni.
Crai non ha risposto allo specifico quesito osservando, in via generale, che i controlli effettuati sui suoi prodotti non hanno rilevato anomalie.
Unes dichiara di aver ricevuto la segnalazione di non conformità da parte di un fornitore di un prodotto non a proprio marchio e di aver ritirato per cautela tutti i lotti di vendita di quel prodotto. Non è stato comunicato di che prodotto si tratti e con quale marchio sia stato commercializzato.

Sintesi sul punto (12 risposte su 16 richieste): in 6 catene i prodotti erano sicuramente presenti. In tre non erano presenti. Un gruppo non risponde. Uno non lo fa in maniera specifica e la risposta di un altro non permette di comprendere se il prodotto non conforme era a marchio Buitoni.

B) Presenza sugli scaffali di alimenti a marchio Findus prodotti dalle ditte coinvolte dallo scandalo. Negano la presenza di tali prodotti affermando che vendono prodotti a marchio Findus provenienti solo da CSI srl, industria italiana: Coop, Carrefour, SMA e Auchan.

Eurospin nega presenza di prodotti di marca.
Lidl Italia srl: non vende prodotti Findus.
Selex nessuna specifica.
Esselunga non ha chiarito se vende tali prodotti
Gruppo Billa afferma di aver ritirato i prodotti segnalati dalle aziende produttrici e/o Autorità preposte ma non chiarisce se avevano prodotti a marchio Findus acquistati da aziende coinvolte.
Crai non ha risposto allo specifico quesito osservando, in via generale, che i controlli effettuati sui suoi prodotti non hanno rilevato anomalie.
Despar Italia: afferma di aver interrotto la commercializzazione in conformità delle indicazioni dell’autorità sanitaria o dei fornitori coinvolti.
Unes dichiara di aver ricevuto la segnalazione di non conformità da parte di un fornitore di un prodotto non a proprio marchio e di aver ritirato per cautela tutti i lotti di vendita di quel prodotto. Non è stato comunicato di che prodotto si tratti e con quale marchio sia stato commercializzato.

Sintesi sul punto (12 risposte su 16 richieste): 6 catene affermano di non avere quei prodotti a marchio Findus. Due non rispondono. Due li avevano. Un gruppo non risponde in maniera specifica e la risposta di un altro non permette di comprendere se il prodotto non conforme era a marchio Findus.

C) Affermano effettuazione di controlli supplementari dovuti allo scandalo: Billa, Eurospin (ricerca di DNA equino), Coop, Carrefour, Lidl Italia srl (conferma controlli da parte laboratori accreditati), Esselunga, SMA (ricerca DNA cavallo e fenilbutazone), Auchan (ricerca DNA cavallo e fenilbutazone).

Selex: nessuna specifica.
Crai: non ha risposto allo specifico quesito osservando, in via generale, che i controlli effettuati sui suoi prodotti non hanno rilevato anomalie.
Despar Italia: afferma di aver analizzato un campione per ogni referenza a proprio marchio e di non aver rilevato in alcuno presenza di carne equina.
Unes: afferma di aver affidato ad un laboratorio terzo la ricerca di tracce di carne equina su tutti i prodotti a proprio marchio. Tutti i risultati sono stati negativi. Sono stati allegati i rapporti di prova del marzo 2013.

Sintesi sul punto (12 risposte su 16 richieste): 10 catene affermano di aver fatto controlli supplementari. Una catena non risponde. Un gruppo non risponde in maniera specifica.

D) Affermano di aver richiesto garanzie particolari ai fornitori:

Eurospin ha richiesto dichiarazione a tutti i produttori di carne e contenenti carne quale ingrediente.
Coop ha inviato “lettera di sensibilizzazione” con richieste di effettuare controlli di determinazione di specie sulle carni acquistate e sui prodotti finiti.
Esselunga ha chiesto ai propri fornitori garanzie documentali ed analitiche sui prodotti contenenti carne bovina a rischio.
SMA ha chiesto ulteriori garanzie ai propri fornitori (già sottoposti a “qualifica”) a marchio e non.
Auchan ha chiesto ulteriori garanzie ai propri fornitori (già sottoposti a “qualifica”) a marchio e non.
Carrefour non specifica nulla.
Lidl Italia srl: non specifica nulla.
Selex: non specifica nulla.
Crai: non ha risposto allo specifico quesito osservando, in via generale, che i controlli effettuati sui suoi prodotti non hanno rilevato anomalie.
Despar Italia: afferma di aver domandato e ricevuto idonee garanzie di conformità.
Unes: dichiara di aver domandato ai fornitori una loro dichiarazione di conformità ed eventuali riscontri analitici.

Sintesi sul punto (12 risposte su 16 richieste): 8 catene affermano di aver chiesto garanzie particolari ai fornitori. 3 non precisano nulla. Una risposta non permette alcuna valutazione.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Elettricità: differita al 2020 l’ultima fase della riforma tariffaria per gli oneri generali dei clienti domestici

Pubblicato

il

dal 1° gennaio 2019 eliminata la progressività della componente di commercializzazione

Milano, 5 dicembre 2018 – Il completamento della riforma delle tariffe relativa alle componenti degli oneri generali di sistema per i clienti domestici viene differito di un ulteriore anno rispetto al previsto 1° gennaio 2019. Lo ha deciso l’Autorità con la delibera 626/2018/R/eel per evitare la sovrapposizione nel prossimo anno con gli effetti che deriveranno dalla riattivazione degli oneri generali, parzialmente sospesi negli ultimi 2 trimestri per limitare gli aumenti di spesa dell’energia elettrica.

La riforma delle tariffe domestiche, definita dall’Autorità in attuazione del decreto legislativo n.102/14, ha già permesso di eliminare la progressività dalle tariffe dei servizi di rete (trasmissione e distribuzione), nel rispetto degli obiettivi di sostenibilità ambientale e di allineamento della struttura delle tariffe ai costi del servizio.

Per le componenti tariffarie degli oneri generali rimane quindi in vigore la struttura a due scaglioni in vigore nel 2018 (fino a 1.800 kWh/anno e oltre 1.800 kWh/anno). Ciò permette di mantenere proporzionato, per tutti i clienti domestici, l’effetto della riattivazione degli oneri generali.

Il rinvio non riguarda invece la componente DISPBT, applicata a tutti i clienti aventi diritto al servizio di maggiore tutela, che nel 2018 aveva ancora una struttura progressiva per i clienti domestici residenti. Dal 2019 verranno pertanto eliminati gli scaglioni da tale componente, che riguarda i costi di commercializzazione1

Continua a leggere

Consumatori

Ferri da Stiro, approfondimento di Unomattina con Luigi Gabriele di ADICONSUM e Valerio Rossi Albertini (Fisico del CNR)

Pubblicato

il

Tipologie ferri da stiro.

Approfondimento di Unomattina con luigi Gabriele Adiconsum e Valerio Rossi Albertini Fisico CNR

Riguarda il video dal minuto 39

  • Perchè il ferro a caldaia ha superato quello classico?Pro e contro di questa scelta.Ferri classici, perchè c’è una differenza così ampia tra quelli che costano 20 euro e quelli 100?
  • Consigli per l’acquisto
  • Consumi tra classici e a caldaia.
  • Acqua decalcificata(distillata) ha senso?

Vediamo l’approfondimento realizzato dalla redazione con la collaborazione dell’ufficio stampa di ADICONSUM

A vapore

Prezzo: da 20 a 100 euro circa

Potenza massima: (200-2500 watt)

Pro:

  • Economico
  • Occupa poco spazio
  • Utile per stirature rapide
  • Si scalda velocemente

Contro:

  • Serbatoio limitato

Caratteristiche importanti da valutare

  • La pressione del vapore, espressa in bar (sotto 3bar la pressione è bassa, i modelli migliori più aggiornati vanno dai 4,5 bar in su)
  • Grammi di vapore/minuto (per avere prestazioni decenti questo valore deve essere almeno pari a 70g/min; i top di gamma arrivano tranquillamente a 200g/minuto)
  • Vapore verticale (funzione optional)

Consumi: dipendono da molti fattori; una maggiore potenza in termini di watt comporta un maggiore consumo energetico, ma allo stesso tempo, consente al ferro di scaldarsi più velocemente.

Con caldaia

Prezzo: varia in base alle prestazioni da 50 fino a 300 euro

Potenza massima: 700 -2400 watt 

Pro:

  • ideale per lunghe sessioni di stiratura
  • diverse fasce di prezzo
  • esistono modelli che promettono un risparmio energetico del 20/30%

Contro:

  • Molto voluminoso

Caratteristiche importanti da valutare

  • Presenza di un sistema anticalcare adeguatoRisparmio energetico (alcuni modelli assicurano risparmi maggiori rispetto ad altri sistemi)

Da viaggio

Prezzo: dai 13 ai 40 euro

Potenza massima: 700 -1000 watt

Pro:

  • Facile da trasportare
  • Economico

Contro:

Bassa temperatura

Caratteristiche importanti da valutare

  • Varianti mini
  • Varianti con manico pieghevole

Senza filo

Prezzo: 40 /120 euro

Potenza: 1800 – 2400 watt

Pro:

  • Niente fili
  • Poco ingombrante

Contro:

  • Più costoso di un ferro a vapore (a parità di prezzo le performance del ferro a vapore sono migliori)
  • Non adatto per lunghe sessioni di stiratura

Caratteristiche importanti da valutare

  • Vedi ferro da stiro a vapore

 

Verticale

Prezzo: 30/150 euro (alcuni modelli possono arrivare a 910 euro)

Potenza: 700- 1800 watt

Pro:

  • Pratici da usare
  • Prezzi che variano
  • Stiratura molto veloce

Contro:

  • Poco precisi

Caratteristiche importanti da valutare

  • Modello ferro da stiro verticale
  • Modello stiratrice verticale

Altri modelli:

Tavola da stiro con ferro incorporato; Pressa da stiro; macchina per stirare

Continua a leggere

Consumatori

Aspirapolvere o scopa elettrica? Fatti consigliare da un fisico (Valerio Rossi Albertini) e un consumerista(Luigi Gabriele)

Pubblicato

il

Unomattina

St 2018/19 Aspirapolvere o scopa elettrica? – 18/09/2018

Come eliminare la polvere domestica? In studio Luigi Gabriele, esperto consumi, e Valerio Rossi Albertini, fisico CNR.

Riguarda il video:

Continua a leggere