“Ci preoccupa il rialzo del carrello della spesa e dei prodotti alimentari in particolare” ha dichiarato Massimiliano Dona, dell’Unione Nazionale Consumatori. Per l’Unione Nazionale dei Consumatori un aumento dei prezzi dei beni ad alta frequenza di acquisto pari allo 0,2%, nonostante sia basso, determina comunque, per la sola spesa di tutti i giorni, un aggravio pari a 28 euro per una coppia con un figlio. Un pensionato, invece, spenderà 15 euro in più su base annua.