Sconto fiscale del 15%, fino a 200mila euro, per l’acquisto di una casa a favore di chi, una volta acquistata, la affitta a un altro inquilino a un canone concordato di 8 anni. Queste le ultime previsioni del Governo relativamente al mercato immobiliare, sempre più in crisi.

“Il problema fondamentale è la mancanza di acquirenti disponibili, sconto o non sconto – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – così come sono numerose le difficoltà economiche legate al costo degli affitti. Ricordiamo che le spese mensili per l’affitto, mediamente, assorbono il 50% di un singolo reddito, rispetto al 41% della media europea. Se a queste aggiungiamo le spese per le utenze, pari in media a 160 euro al mese, l’impatto complessivamente sale al 60%. La casa rappresenta una spesa enorme, quasi ingestibile per le famiglie italiane, a differenza di quanto accade nel resto d’Europa dove, tra l’altro, sono presenti politiche avanzate di housing sociale. In Paesi come Francia, Inghilterra e Olanda il 17-18% delle abitazioni sono in housing sociale, con costi contenuti per sostenere il diritto di alloggio a famiglie e cittadini meno abbienti. In Italia invece questa soluzione è prevista solo nel 5% dei casi. L’housing sociale è un’alternativa credibile per le famiglie meno abbienti, che non hanno casa né possono pensare di comprarla, soprattutto nelle grandi città. Crediamo che questo possa essere un investimento sia sociale sia economico, che andrebbe incontro alle richieste delle famiglie più in difficoltà e ridarebbe fiato a un mercato, quello immobiliare, in forte crisi