Fonte Energiesensibili.it

Se c’è un mercato che non conosce crisi, è quello della domotica. Lo racconta questa settimana il quotidiano Energie Sensibili che ha pubblicato uno speciale dedicato alle novità in questo ambito: tablet e termostati diventano strumenti per la gestione da remoto del fabbisogno idrico, energetico e della sicurezza in casa e in azienda.

L’aumento dei costi dell’energia e lo sviluppo di una sempre più diffusa consapevolezza ecologica sono stati fattori determinanti nello sviluppo dei termostati intelligenti. Secondo uno studio di Navigant Research, società di consulenza statunitense specializzata in ricerche sui temi della smart energy e delle smart cities, entro il 2020 questo sarà un business da oltre 1,4 miliardi di dollari.

Non solo termostati, ma anche tablet smart per la gestione e il monitoraggio del fabbisogno energetico. La scorsa settimana agli European Smart Metering Awards è stato premiato come “Innovazione dell’anno” il tablet Quel che consente di controllare i consumi energetici e idrici di una casa o di un ufficio, creato da Current Cost, società inglese che in Italia produce per Sorgenia l’apparecchio per il monitoraggio energetico EnerGenio, basato sul monitor EnviR. Uno strumento che, collegato agli elettrodomestici di casa o dell’ufficio, in tempo reale calcola i dati di consumo energetico e li trasmette a un display, sul quale l’utente può controllare il proprio dispendio energetico.

Nello speciale viene ripresa inoltre una rassegna fotografica delle tecnologie di domotica più green e curiose presentate lo scorso gennaio al CES 2014 di Consumer Electronic Show di Las Vegas: anche qui ha dominato la demotica.