I contratti devono essere scritti in maniera chiara e comprensibile per il consumatore che ha meno conoscenze tecniche e minore forza contrattuale rispetto al professionista. Alcune clausole, inoltre, possono addossargli dei rischi o impedirgli di esercitare diritti e rimedi (c.d. clausole vessatorie)

Il consumatore, quindi, ha il diritto di poter valutare in modo consapevole e libero l’opportunità e convenienza del contratto che vuole concludere. Rientrano in questo ambito i contratti conclusi tra un professionista e un consumatore, disciplinati dal Codice del Consumo (artt. 33-101).

Scarica tutti gli strumenti per difenderti da Check-Up Diritti