In riferimento alle nuove regole fissate dal Garante per la Privacy per combattere il fenomeno delle cosiddette “telefonate mute” dei call center, il Codacons precisa che l’azione dell’Autorità è sicuramente positiva, ma che sul fronte del telemarketing occorre fare di più per tutelare gli utenti.
Nello specifico – spiega l’associazione dei consumatori – la nostra critica non è rivolta al Garante, che assieme alle associazioni dei consumatori si batte a tutela dei cittadini, quanto al comportamento degli operatori del settore che spesso non si adeguano alle disposizioni vigenti, vanificando così le novità introdotte e rendendole insufficienti a garantire la privacy degli utenti.
In tal senso, pur promuovendo le nuove regole introdotte oggi dall’Autorità, riteniamo si debba fare ancora di più per ottenere una reale tutela dei cittadini contro il fenomeno delle telefonate moleste, triplicate nel corso degli ultimi 2 anni, e che debbano essere incrementati i controlli e le sanzioni contro chi non rispetta i paletti fissati dal Garante.