Ancora è presto per cantare vittoria, ma un passo in avanti va registrato. L’Antitrust ha accettato gli impegni di Poste italiane di rispettare il termine di 15 giorni per la chiusura dei conti correnti postali.

Niente più attese e addebitamento dei costi? Vedremo. L’Associazione dei consumatori Codici vigilerà sul rispetto degli accordi fra l’Autorità e l’Spa. E intanto, l’Antitrust ha informato che chi ha chiuso un conto con le Poste, tra il primo settembre 2007 e la data del provvedimento (primo agosto 2014), potrà richiedere il rimborso delle spese che ha dovuto necessariamente sostenere.

Aperta lo scorso novembre, l’istruttoria dell’Autorità contro Poste Italiane aveva verificato l’esistenza di comportamenti scorretti. Sotto accusa, era infatti il comportamento ostruzionistico e dilatorio da parte delle Poste nella fase di estinzione dei rapporti di conto corrente che aveva fatto lievitare i costi per i consumatori.

Anche l’Associazione Codici aveva ricevuto segnalazioni in merito. Per questo non abbasserà la guardia e continuerà a vigilare sui tempi di chiusura dei conti.