Con l’entrata in vigore della Direttiva Consumatori, i consumatori che effettuano acquisti online saranno più tutelati. La Direttiva ha, infatti, modificato alcune norme, introducendo dei paletti molto più stringenti per i venditori/fornitori a beneficio dei consumatori, troppo spesso vittime di truffe e raggiri. Tali norme andranno a modificare gli articoli del Codice del Consumo relativi ai contratti azienda-consumatore stipulati fuori dai locali commerciali o a distanza, come quelli appunto che si sottoscrivono acquistando online.

In estrema sintesi, le maggiori tutele dei consumatori riguardano:
· l’informativa precontrattuale, che prevede l’obbligo per i venditori di fornire i propri riferimenti (identità, indirizzo fiso e telematico, numeri telefonici e di fax)
· il diritto di recesso: 14 giorni di tempo per ripensarci
· il rimborso: deve avvenire entro 14 giorni dal recesso
· la consegna dei beni: entro 30 giorni
· la restituzione del bene: potrà essere restituito anche se deteriorato, ma, in questo caso, il consumatore otterrà un rimborso che tiene conto della diminuzione del bene
· i pagamenti con carte di credito, debito, altro mezzo elettronico: il venditore non può addebitare alcun costo aggiuntivo se si scelgono queste modalità di pagamento.
Per approfondire le nuove norme, Adiconsum ha realizzato in collaborazione con Aicel – Associazione italiana Commercio elettronico, la guida “Le nuove norme per il commercio online”, scaricabile gratuitamente dal sito www.adiconsum.it
Fonte: www.adiconsum.it

20140614-160337.jpg