La ripresa economica del paese nel primo trimestre del 2015 è una utopia. Lo afferma il Codacons, commentando le stime di Confindustria. Tutti gli indicatori economici, dai consumi al potere d’acquisto, passando per occupazione e redditi, disegnano un quadro desolante in cui le famiglie vivono ancora una fortissima crisi – spiega l’associazione – Vedere nel primo trimestre del nuovo anno l’inizio della ripresa, è una previsione eccessivamente ottimistica che, purtroppo, si scontrerà con una realtà ben più amara. “Il grave impoverimento del paese, con i consumi calati di 80 miliardi di euro in 7 anni, impone tempi assai più lunghi e infinitamente più lenti per una concreta ripartenza dell’economia – aggiunge il Presidente Carlo Rienzi – In assenza di interventi efficaci sul fronte del potere d’acquisto delle famiglie, difficilmente la spesa tornerà a crescere ad inizio 2015, ed i consumi non ripartiranno così come prevede Confindustria”.