di Luigi Gabriele

Come ogni anno, l’AEEG da la posibilità a chiunque(anche i singoli cittadini interessati), di presentare documenti o dire la propria sulle disfunzioni del settore energetico, che da quest’anno si apre anche all’idrico.
Il miglior momento per capire cosa accade nel “Mondo reale” e come migliorare il processo regolatorio, sentendo direttamente attori e spettatori, rendendoli entrambi protagonisti della regolazione.

Per quanto ci riguarda, quest’anno faremo emergere con tutta la loro forza devastante, le disfuzioni della distribuzione italiana. Vecchio modo di mantenere privilegi e rendite a danno dello sviluppo e dei cittadini.
Un settore che gode di un potere senza pari che non ha riscontro nella realtà. Un luogo che può essere paragonato alle fondazioni bancarie, dove la politica e i localismi hanno facoltà di dire se e quando leggere i contatori ai consumatori e quanto far pagare un allaccio alla rete. E dove, ancora oggi, le “correnti” politiche litigano ma non per la corrente “elettrica”!

Conguagli di inaudita proporzione sono il frutto del mancato dovere di misura e controllo, nonostante vengano pagati per farlo. Basta fare Utili sul “non far niente”. E basta con gli assurdi “tentativi di lettura”, pretendiamo la certezza del “Pago quel che ho consumato”! Inoltre vanno affrontate le anomalie del libero mercato, i processi di CRM non ancora all’altezza del paese e le brutture di una bolletta più “bill payement”, ostaggio di sussidi incrociati che di efficientamento e vataggio per i consumatori.

Insomma, dopo aver risolto in parte il fenomeno dei CNR(contratti non richiesti), da quest’anno apriamo il capitolo “liberalizzazione e distribuzione”.

Il motto sarà “open rete in open data”.

Comunicazione di Aeeg:
Martedì 17 e mercoledì 18 settembre 2013 sono convocate le audizioni periodiche dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas – aperte al pubblico – ai sensi del Regolamento dell’Autorità. Le audizioni si svolgeranno a Roma, presso la Sala Biblioteca di Villa Lubin, viale Lubin 2.

Possono presentare richiesta di partecipazione i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e degli utenti, delle associazioni ambientaliste, delle associazioni delle imprese e sindacali dei lavoratori, nonché le Istituzioni, gli operatori e tutti i soggetti singoli interessati.

Per tutti i soggetti interessati al settore idrico, si conferma, come anticipato durante la Relazione Annuale, l’iniziativa specifica prevista nell’autunno 2013.

Per partecipare occorre compilare ed inviare la scheda di registrazione entro venerdì 6 settembre 2013, indicando espressamente se si intende essere auditi oppure prendere parte come ascoltatori.

La prima giornata di audizioni sarà dedicata agli operatori, la seconda giornata alle associazioni, istituzioni e altri soggetti interessati.
Le registrazioni non possono superare i tre nominativi.

Documenti e argomenti della consultazione sono:
1. Relazione annuale sullo stato dei servizi e sull’attività svolta
2. Eventuali proposte motivate e temi di attenzione nell’ambito delle linee di intervento previste nella Relazione annuale, tra cui in particolare la definizione e l’avvio della nuova iniziativa di accountability dell’Autorità.