Le Associazioni Consumatori in delegazione al Campidoglio. Confronto aperto con il Sindaco di Roma

Vedi i Twitt sull’hashtag #consumatoridamarino
Codici
I consumatori si confrontano con il Sindaco Ignazio Marino per discutere le problematiche che colpiscono la Capitale. Si parla di disservizi, di quelli delle municipalizzate ma non solo, dei buchi di bilancio e delle criticità dei servizi.
Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici è grato per la convocazione, perché “è la prima volta in 20 anni in forma ufficiale, una grande occasione che dà voce alle esigenze dei cittadini”.
Le problematiche che interessano Roma Capitale sono tante, l’Associazione Codici si batte spesso per migliorarle, si pensi ad esempio alla gestione dei canili, fin troppo poco trasparente ed efficace, per la quale Codici chiede bandi di gara europei e meritocratici.
Oppure si pensi ai numerosi disservizi di Acea, un’azienda che andrebbe commissariata e nella quale andrebbero scalzati i soci privati per dar finalmente più voce a quelli pubblici.
Cosa dire della società partecipate? In passato politica le ha usate come un bancomat privato” questa la provocazione di Luigi Gabriele, Responsabile Rapporti Istituzionali Codici.
La discussione cade anche sull’annosa questione dei rifiuti, la cui gestione, a dir poco problematica, è stata caratterizzata dallo scandalo che ha portato all’arresto di Cerroni e di importanti esponenti della politica. Il modo di smaltire i rifiuti esistente fino a poco tempo fa ha fatto perdere alla Capitale milioni di euro di finanziamenti europei. Parliamo di un sistema che smaltisce 1800 mila tonnellate di rifiuti a 70 euro a tonnellata.

“È paradossale – continua Ivano Giacomelli – ma ormai sembra che gli unici che abbiano i soldi siano le organizzazioni criminali”.

Insomma, sicuramente la gestione di Roma Capitale dovrà cambiare e per farlo le Associazioni Consumatori devono essere un aiuto importante in grado di garantire apporti concreti in un dialogo costante con le Istituzioni. Per questo l’Associazione Codici chiede al Sindaco Marino di aumentare la trasparenza nella gestione dei pubblici affari e di ampliare la partecipazione dei cittadini per garantire una maggiore efficienza della gestione dei servizi della città.

ADOC contraria al concerto dei Rolling

Roma, 17 marzo 2014 – Regole guida per organizzare eventi nelle zone storiche della Capitale, che ne valorizzino l’uso e ne vietino l’abuso, sotto il controllo della Soprintendenza. Secondo l’Adoc è questo il nodo da sciogliere per quanto riguarda la gestione degli eventi a Roma.

“Il concerto dei Rolling Stones al Circo Massimo è sicuramente un evento importante, positivo per la Capitale – dichiara Lamberto Santini, Presidente dell’Adoc – ma il rischio di danni alla zona e di ripercussioni gravi per la città è reale, come sottolineato dalla Soprintendenza. Occorre contemperare queste due necessità, serve maggiore collaborazione tra Comune e Soprintendenza. In questo senso crediamo che serva stilare un pacchetto di regole guida per l’organizzazione di eventi così grandi nelle zone d’interesse storico della Capitale, che miri a valorizzare l’uso delle stesse, impedendo che ne venga fatto un abuso. In modo che tutti ne beneficino”.