Il Ministero dello Sviluppo Economico, Assocalzaturifici e ANFAO, presentano oggi a Roma, presso Unioncamere, il primo studio articolato che analizza il fenomeno della contraffazione online relativamente a due tra i più importanti settori del made-in-Italy: il calzaturiero e l’occhialeria.

L’incontro di oggi a Roma, chiuso dal Sottosegretario Sen. Simona Vicari, vede la presenza del Direttore della DGLC-UIBM, Avv. Loredana Gulino, del Prof. Cesare Galli, Professore di Diritto Industriale all’Università di Parma, dei rappresentanti della Guardia di Finanza, dell’Agenzia delle Dogane, oltre che di Assocalzaturifici e ANFAO, e rappresenta quindi un momento fondamentale di impegno del Governo, delle Istituzioni e delle Associazioni coinvolte per far fronte comune ad un fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più preoccupanti.

La contraffazione di articoli di moda “made in Italy” dilaga sul web. E colpisce in modo particolare i settori calzaturiero e occhialeria. Secondo uno studio del ministero dello Sviluppo Economico – con la collaborazione delle associazioni di categoria di Confindustria, Assocalzaturifici e ANFAO – ogni anno vengono bruciati da 190 a 240 milioni di euro di fatturato per le scarpe e 100-150 milioni per gli occhiali. Gli ambiti risultati più pericolosi, dopo l’analisi condotta su oltre 700 mila documenti catturati dalla Rete, trovano in prima posizione le grandi piattaforme di commercio elettronico, in primis quelle della Cina/Far East (contraffazione al 73% nelle calzature e 54% negli occhiali nel B2C), seguite dal “Web 1.0” (in contesto “neutro” 18,2% nelle calzature e 21% negli occhiali) e infine i social network.

Lo studio – finanziato dal MISE e curato da Convey (azienda specializzata nella protezione della proprietà intellettuale) – quantifica l’incidenza e le caratteristiche della contraffazione sulle piattaforme web 1.0, web 2.0 e e-commerce. Con la collaborazione di Assocalzaturifici e ANFAO, sono stati presi in esame 54 marchi calzaturieri, suddivisi per fasce prezzo e livello di diffusione sui mercati internazionali, e 57 brand di occhiali, clusterizzati per tipologia. Si esaminano, in particolare, i valori e la frequenza delle pagine web occupate dai marchi contraffatti e le modalità con cui queste pagine operano. I risultati sono stati poi suddivisi per motori di ricerca, ambienti B2B e B2C.

I due comparti oggetto dello studio sono tra i settori maggiormente colpiti dalla contraffazione. Lo studio “ci permette di capire la portata devastante della contraffazione – commenta Cleto Sagripanti, presidente Assocalzaturifici e FIAMP, Federazione italiana accessori moda e persona -. Questo vale non solo per il comparto calzature, ma anche per tutto l’accessorio moda: il valore complessivo della merce sequestrata per tutti i settori è di oltre 208 milioni di euro nel solo 2012. Nell’ultimo quinquennio parliamo di una cifra che sfiora i due miliardi di euro”. Secondo le stime di Assocalzaturifici, il fatturato perso a causa del falso oscilla dai 190 e i 240 milioni di euro. Nel 2012 sono state sequestrate calzature per un valore pari a 17,2 milioni, circa il 2,9% del totale dei prodotti sequestrati, percentuale che cresce fino all’8,8% nel periodo 2008-2012.

È tra i 100 e i 150 milioni di euro di fatturato annuo, invece, la perdita stimata da ANFAO per le aziende italiane del settore e di oltre 500 posti di lavoro. “Nel nostro settore – afferma Cirillo Marcolin, presidente ANFAO e past president FIAMP –tale fenomeno porta con sé effetti ben più gravi di quelli puramente economici: il contraffattore diffonde sul mercato prodotti di scarso livello qualitativo e per i nostri prodotti può voler dire danni anche gravi alla salute degli utilizzatori”.


Le associazioni di categoria concordano sulla necessità di una normativa efficace contro la contraffazione online, ridurre la forte visibilità dei siti internet e dei domini che effettuano violazione dei diritti di proprietà intellettuale, oscurarli e rimuovere in tempi rapidi i contenuti illeciti, nonché riconoscere la corresponsabilità dei provider, degli intermediari e dei fornitori dei servizi web. “La vendita di prodotti contraffatti via internet sta raggiungendo proporzioni di giorno in giorno più allarmanti e noi tutti non possiamo restare a guardare” chiosa Marcolin. Un elemento importante emerso dallo studio è la forte correlazione che evidenzia la presenza di veri e propri network contraffattivi trasversali ai marchi e ai prodotti stessi, che apre anche a livello di strategie di contrasto possibilità diverse dalla tutela della singola azienda o del singolo brand. L’obiettivo finale dello studio è anche fornire agli attori coinvolti, in primis il ministero per lo Sviluppo economico – alcune possibili linee di politica industriale applicabili sia ai settori oggetto dell’indagine sia, più in generale, agli altri comparti del manifatturiero italiano. In particolare, è importante diffondere la conoscenza della peculiarità dei fenomeni contraffattivi in Internet, incentivare il supporto di comportamenti innovativi nella lotta alla contraffazione dei marchi da parte delle imprese, soprattutto in forma aggregata e, infine, effettuare azioni dirette e dimostrative del MiSE per la tutela pro-attiva dei marchi in alcune situazioni di valenza nazionale.

Lo studio verrà pubblicato a questo link