Come tutti sanno, se entri in banca (a meno che non sei un parlamentare), e chiedi soldi per un mutuo o un’azienda, spesso ti ridono in faccia.
Sempre più ostacoli nel mettere liquidità in circolazione, nonostante prestiti della BCE con tassi quasi nulli alle banche italiane, che nella gran parte dei casi finiscono per diventare acquisti di titoli di Stato ben remunerati.
E le persone normali? Come devono fare a chi rivolgersi?
Facendo salvo che bisogna stare attenti alle truffe, sempre più numerose, abbiamo scoperto che la Banca del Mezzogiorno MCC SpA (quella voluta da Tremonti), ha iniziato a gettare liquidità sul mercato.

Abbiamo intervistato un loro Agente in attività finanziaria, il dott. Lucio Crispi,  chiedendo dei chiarimenti sul tema.
Dottor Crispi, ci dica come stanno le cose è chi è Banca del Mezzogiorno:
Banca del Mezzogiorno nasce nell’anno 2009 con l’obbiettivo di rilanciare il “mezzogiorno”, finanziando le piccole e medie imprese a medio e lungo termine. Nel primo agosto 2011 Banca del Mezzogiorno diventa di proprietà di Poste Italiane. La Banca oltre a finanziare le piccole e medie imprese , oggi, interviene anche nei mutui alle famiglie per sostenere un settore in forte crisi, quello immobiliare. L’intenzione è quella di finanziare l’acquisto della prima o della seconda casa o la loro ristrutturazione. La Banca non abbina , al mutuo, alcuna polizza , con un risparmio per i richiedenti molto elevato. Vista la situazione di crisi che attanaglia la nostra economia la Banca sta creando una rete di agenti molto qualificata e con esperienza nel settore mutui alle famiglie per immettere liquidità nel mercato immobiliare e non solo.
Perché un consumatore o un imprenditore dovrebbe chiedere a Banca del Mezzogiorno e non ad altri?
Non ci sono polizze obbligatorie e c’è una certa velocità nell’approvazione del mutuo.
Quale è il vantaggio per il sistema Italia e per le regioni del Sud?Il vantaggio per il sistema è che rimettendo liquidità in circolazione potrebbe ripartire l’economia.
Consigli? Per valutare una proposta di finanziamento si fa il confronto tra gli oneri diversi dal tasso d’interesse come spese d’istruttoria e polizze, il tasso é più o meno paritetico fra le diverse banche concorrenti.

Quali cittadini possono rivolgersi alla banca? Tutti i consumatori e imprenditori che vivono dal Lazio in giù.