Seguici su

News

DALL’1 GENNAIO OBBLIGATORIO USARE SACCHETTI A PAGAMENTO PER IMBUSTARE FRUTTA E VERDURA. COSTERANNO FINO A 50 EURO ANNUI A FAMIGLIA

Pubblicato

il

A partire dal prossimo 1 gennaio un nuovo balzello si abbatterà sulle famiglie italiane. I sacchetti utilizzati nei supermercati per imbustare frutta, verdura, pesce, affettati e altri prodotti alimentari diventeranno a pagamento, introducendo così una nuova tassa occulta a carico dei consumatori.

Lo denuncia il Codacons, che ricorda come dall’1 gennaio 2018 entri in vigore la norma – introdotta dal Decreto legge Mezzogiorno – che prevede che i sacchetti leggeri e ultraleggeri, ovvero con spessore della singola parete inferiore a 15 micron, siano biodegradabili e compostabili, con un contenuto minimo di materia prima rinnovabile di almeno il 40%, non possano essere riutilizzabili e debbano essere distribuitiesclusivamente a pagamento.

Questo significa che ogni volta che si va a fare la spesa al supermercato occorrerà pagare dai 2 ai 10 centesimi di euro per ogni sacchetto, e sarà obbligatorio utilizzare un sacchetto per ogni genere alimentare, non potendo mischiare prodotti che vanno pesati e che hanno prezzi differenti – spiega l’associazione.

Tutto ciò comporterà un evidente aggravio di spesa a carico dei consumatori, con una stangata su base annua che varia dai 20 ai 50 euro a famiglia a seconda della frequenza degli acquisti nel corso dell’anno.

“Si tratta di una vera e propria tassa occulta a danno dei cittadini italiani che non ha nulla a che vedere con la giusta battaglia in favore dell’ambiente – spiega il presidente Carlo Rienzi – Abbiamo già inviato una istanza d’accesso al Ministero dell’economia per conoscere tutti i dettagli di tale norma ingiusta, e siamo pronti a dare battaglia impugnando nelle sedi competenti un provvedimento ingiusto che finisce solo per introdurre aggravi di spesa sulle spalle dei consumatori”.

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

Arriva la nuova APP per giocare a Tennis ovunque

Pubblicato

il

E’ on line da ieri(25 aprile 2018), si pone l’obiettivo di far giocare a tennis(e non solo) ovunque ci si trovi.
Storia
JoinSet nasce dalla passione dei suoi fondatori per il Tennis e dal grande desiderio di interconnettere tutti coloro che in un modo o nell’altro vivono questo sport da amatori, lavoratori e professionisti.
Vision
Il tempo da dedicare al Tennis non deve mancare mai. Con JoinSet aiutiano i tennisti ad organizzare una partita in un minuto trovando subito un compagno disponibile a giocare. Siamo più di una semplice telefonata, sms o gruppo social.
Mission
La passione si misura con l’impegno: vogliono diventare il punto di riferimento per tutti coloro che amano il Tennis con l’obiettivo di rendere questo sport sempre più conosciuto e praticato in tutto il mondo.
Per saperne di più e scaricare l’app  https://joinset.it

Come funziona JoinSet

Sei un tennista?
Organizza partite in un minuto Trova subito compagni adatti a te Ricevi inviti per giocare. Ricerca Maestri e Centri Sportivi
E molto altro nel 2018…

Maestro

Sei un maestro?
Compila il tuo profilo,renditi visibile a tutti i Tennisti, promuovi la tua Competenza.
E molto altro nel 2018…

Centro sportivo

Sei un centro sportivo?
Tutto a partire dalla fine del 2018
Continua a leggere

News

Sanzione da 4.400.000 euro a Fastweb per pubblicità ingannevole sulla fibra ottica

Pubblicato

il

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella sua adunanza dell’11 aprile 2018, ha sanzionato per una pratica commerciale scorretta Fastweb S.p.A., per un ammontare complessivo di 4.400.000 euro.

Nelle campagne pubblicitarie inerenti l’offerta commerciale di connettività in fibra ottica (sito web, below the line spottelevisivi e affissionali), Fastweb, a fronte del ricorso a claim volti ad enfatizzare l’utilizzo integrale ed esclusivo della fibra ottica e/o il raggiungimento delle massime prestazioni in termini di velocità e affidabilità della connessione, ha omesso o non ha adeguatamente evidenziato le informazioni sulle caratteristiche dell’offerta, sui limiti geografici di copertura delle varie soluzioni di rete, sulle differenze di servizi disponibili e di performance in funzione dell’infrastruttura utilizzata per offrire il collegamento in fibra.

In conseguenza di tale condotta omissiva e ingannevole, il consumatore, a fronte dell’uso del termine onnicomprensivo “fibra”, non è stato messo nelle condizioni di individuare gli elementi che caratterizzano, in concreto, l’offerta. A ciò si aggiunga che i claim presenti nelle campagne pubblicitarie sulla fibra di Fastweb non contenevano chiari riferimenti alla circostanza che le massime velocità di connessione fossero ottenibili solo in virtù dell’attivazione di un’opzione aggiuntiva in promozione gratuita per un periodo limitato e, poi, a pagamento.
L’assenza di un’informazione chiara su tali profili impedisce al consumatore, pertanto, di prendere una decisione consapevole sull’acquisto dell’offerta in fibra.

La condotta ingannevole e omissiva risulta particolarmente rilevante in considerazione dell’importanza del settore economico interessato, caratterizzato da modelli di consumo ed esigenze degli utenti in continua e radicale evoluzione, a fronte di una crescente offerta di servizi digitali.

Roma, 23 aprile 2018

Continua a leggere

News

POSTE ITALIANE: SIGLATO ACCORDO QUADRO CON 20 ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI

Pubblicato

il

Si consolida la lunga collaborazione ispirata alla trasparenza e alla condivisione delle informazioni a beneficio dei cittadini

Roma, 23 aprile 2018 – Migliorare costantemente la qualità dei prodotti e dei servizi: questo è l’obiettivo principale dell’accordo siglato oggi fra l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, e i rappresentanti di 20 Associazioni dei Consumatori.
L’intesa, che regola i rapporti fra Poste Italiane e le Associazioni, fissa le modalità di relazione e condivisione delle informazioni.
L’accordo conferma inoltre il tavolo tecnico di consultazione permanente, denominato “Cantiere Consumatori”, formato da un rappresentante di ognuna delle Associazioni che hanno sottoscritto l’accordo e dai rappresentanti dell’Azienda.
Il “Cantiere Consumatori” prenderà visione in anteprima delle nuove offerte di Poste Italiane ed esaminerà i principali dati sulla qualità e sull’andamento dei reclami; curerà inoltre la realizzazione di moduli formativi per il personale degli uffici postali, organizzerà incontri sul territorio, elaborerà indagini finalizzate al miglioramento dei servizi e potrà infine realizzare campagne informative e guide su specifici servizi e prodotti di particolare complessità.
La firma di oggi rinnova e consolida uno storico rapporto di collaborazione fra Poste Italiane e le Associazioni dei Consumatori, nell’ottica del raggiungimento dell’eccellenza della qualità dei servizi offerti e della tutela e cura del consumatore.
Corporate Affairs
Relazioni Istituzionali
Rapporti con le Associazioni dei consumatori

Continua a leggere