Il debito pubblico registra un nuovo record a luglio e, in base ai dati di Bankitalia, raggiunge quota 2.252,2 miliardi.

“Un dato abnorme che continua a crescere senza sosta, dimostrando il totale fallimento di qualsiasi politica di controllo del debito – afferma il presidente Codacons Carlo Rienzi – Il debito pubblico italiano grava oggi per 37.536 euro sulle spalle di ogni cittadino, e continua ad aumentare al ritmo di oltre +1.341 euro a italiano solo nei primi sette mesi dell’anno, neonati compresi. E’ evidente che le scelte della classe politica in fatto di debito pubblico sono state finora un clamoroso flop, di cui fanno le spese gli italiani sopportando un balzello che peserà per generazioni e generazioni” – conclude Rienzi.