Dopo la richiesta di chiarimenti arrivata dalla Commissione Ue, sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia pende anche un ricorso al Tar del Lazio presentato dal Codacons. Ne da notizia l’associazione dei consumatori, che ha depositato nei giorni scorsi un ricorso ai giudici amministrativi.
Abbiamo chiesto l’ annullamento sia della delibera dell’ assemblea straordinaria della Banca d’ Italia che ha deciso la ricapitalizzazione, sia di tutti gli atti che l’ hanno preceduta, perché contrari alle norme europee in materia – spiega il Codacons – Crediamo inoltre siano stati violati gli artt. 47 e 97 della Costituzione, e per tale motivo abbiamo sollecitato il Tar a trasmettere gli atti alla Corte Costituzionale.
Alla base del ricorso dell’associazione la circostanza che vede l’ assemblea straordinaria della Banca d’ Italia e il governo Letta aver deliberato l’aumento di capitale della Banca d’ Italia prima di ricevere il via libera della BCE, violando così le disposizioni comunitarie in tema di procedure di consultazione della Bce e quelle a tutela della stabilità e del buon funzionamento dell’ euro sistema.
La parola passa adesso ai giudici del Tar – prosegue il Codacons – che dovranno decidere se accogliere la nostra richiesta e annullare la ricapitalizzazione delle quote bancarie in Bankitalia.