Seguici su

Consumatori

Diritti dei padri separati, ecco tutto quello che c’è da sapere

Dall’affidamento al falso condiviso: tutte le criticità della giurisprudenza italiana sul tema dell’affido dei minori nelle separazioni conflittuali

Pubblicato

il

Ieri si è tenuto il convegno Bigenitorialità, 10 anni di legge disattesa; psicologi, giornalisti ed avvocati hanno dibattuto a lungo sulla controversa tematica dell’affido condiviso, con particolare attenzione al ruolo del padre, nelle così dette separazioni conflittuali; la grande affluenza è stata un segnale forte di quanto sia sentito il problema a tutti i livelli.

Gli argomenti affrontati dai relatori, introdotti dal Sen. Bartolomeo Pepe e moderati da Gianluca Agerde (Ass. Diritto Minori)  sono stati i seguenti: Ivano Giacomelli, Segr. Naz Ass Codici e portavoce di Rete Consumatori Italia nella campagna ‘Voglio Papà’ ha svolto un’analisi giuridica sulla nascita dei ‘Nuovi Orfani’,  l’Avv. Fausto Pucillo ha analizzato il ‘mobbing genitoriale’, il fiscalista Marco Ertman, gli aspetti fiscali ed economici dopo la separazione, Mauro de Cristofaro, giornalista Rai, è intervenuto in qualità di padre e vittima involontaria della macchinosità delle leggi sull’affido, Roberto Cicioni, psicologo del Rorshach forense, ci ha fornito un’analisi dei modelli comportamentali dei genitori, la Psicologa Floriana Loggia  ha evidenziato le conflittualità coniugali e le violenze psicologiche sui figli, Maria Barbarisi, psicologa e CTU, si è soffermata sull’importanza del ruolo di questi ultimi nelle separazioni. La conclusione, affidata al Prof. Alessandro Meluzzi dall’evocativo titolo, ‘Il Codice, i paradossi dell’amore e dell Essere’, ha affrontato anche la componente filosofica dei conflitti.

Tutte le considerazioni esaminate hanno portato alla redazione di un documento, che per la sua natura intrinseca potrebbe veramente portare un significativo cambiamento del ruolo in cui il costume, gli usi e le consuetudini, hanno relegato fino ad oggi la figura paterna in seguito alla separazione.

La Giurisprudenza ha reso Il principio fondamentale di uguaglianza un simulacro realizzando il “falso condiviso”, attraverso gli artt. 316 (residenza abituale), 337-ter (Provvedimenti riguardo ai figli e corresponsione di un assegno periodico), 337-quater (Affidamento a un solo genitore e opposizione all’affidamento condiviso), 337-sexies (Assegnazione della casa familiare e prescrizioni in tema di residenza) cod. civ.

I dati presentati durante il convegno dimostrano che colui che è chiamato ad abbandonare l’abitazione a seguito di separazione o divorzio sia nella maggior parte dei casi il padre. Secondo l’Istat, nel 2014 sono state soprattutto le mogli a vedersi assegnata la casa, con una percentuale che tocca il 59,7% delle separazioni, ed in particolare al Sud, dove la percentuale è ben più alta (64,9%). Invece, viene segnalato che nella quasi totalità dei casi, in percentuale pari al 94,1%, l’assegno di mantenimento a seguito di separazione viene versato proprio dai padri: dato che sembra essersi mantenuto costante almeno negli ultimi quattordici-quindici anni circa.  Ciò comporta però per l’uomo una spesa enorme nella maggior parte dei casi, poiché è chiamato a versare assegni di mantenimento e, parallelamente, a sostenere le spese del proprio sostentamento, compresi eventuali “extra” per i figli e le spese collegate al nuovo alloggio che ha dovuto trovare a seguito dell’assegnazione dell’abitazione alla moglie.

Aspetti di estrema rilevanza sono le violenze striscianti, i comportamenti vessatori, umilianti, emarginanti  e denigratori in ambiente familiare In tale ambito si distingue il c.d. «MOBBING GENITORIALE», laddove le condotte ostili ledono l’identità e il ruolo genitoriale, con danno, oltre che per il genitore «bersaglio», soprattutto per la prole.

La sistematicità di episodi che, singolarmente considerati, possono apparire quasi innocui, ma Il fenomeno è tanto grave quanto difficile da dimostrare, prevenire e reprimere.

Durante il convegno è emersa con grande evidenza la tendenza piuttosto diffusa nel contesto delle separazioni conflittuali, di utilizzare i figli come arma di ricatto che diventano uno strumento di “vendetta contro il coniuge”, spesso scandita da una successione di false denunce di abuso o di stalking, finalizzate all’allontanamento dell’ex-coniuge e all’ottenimento della definitiva custodia esclusiva dei figli. In altri casi, molti genitori vengono accusati (falsamente) di forme di violenza piuttosto gravi perpetrate nei confronti dei figli, quale appunto l’abuso sessuale.

Ad esito del confronto sono state approvate una serie di proposte e di raccomandazioni.

L’attuale legge in materia di affidamento, pur se progettata con l’intento di mantenere il principio di bi-genitorialità, si trova a dover far fronte a gravi resistenze culturali da parte di Magistrati e di Consulenti Tecnici che di fatto eludono il principio giuridico della parità dei genitori privilegiando in maniera acritica la figura della madre ritenuta genitore idoneo per nascita, mentre il padre deve sempre di mostrare di essere un buon genitore. Incide ancora molto l’idea di un “ bambino di cristallo” che non può vivere una genitorialità condivisa ma preferibilmente una mono genitorialità. Dall’esame di questa situazione è nato il titolo della campagna “ I nuovi orfani” in quanto i figli vengono allontanati dai padri che spesso vengono relegati al ruolo di “padri portafoglio” o “padri visitatori”.

Questo sbilanciamento della giurisprudenza ha determinato un nuovo allarmante fenomeno consistente nella possibilità del genitore che intende allontanare l’ex-coniuge, per ragioni ingiustificate, dal proprio bambino metta in atto una serie di denunce volte a screditare il ruolo genitoriale di questi; o, ancora peggio, fomenti l’astio del bambino contro di lui, pervertendo le normali dinamiche di attaccamento e di corretto sviluppo, con la conseguente alienazione della figura parentale.  Il ruolo della CTU (Consulenza Tecnica d’Ufficio), è di fondamentale importanza soprattutto nei casi di affidamento più controversi, laddove però i tecnici in questione risultino preparati a dovere sull’argomento e pertanto riescano a riconoscere e discriminare eventuali false denunce (sanzionabili legalmente, di conseguenza) o PAS e quindi eventuali gradi di instabilità da parte del genitore alienante, tenendo presente quali conseguenze ciò potrebbe ingenerare nel figlio.

Viene quindi lanciata una forte raccomandazione ai Tribunali indicando come assolutamente necessario che vi sia una rotazione dei consulenti chiamati a svolgere il ruolo di CTU onde evitare lo sviluppo di procedure collusive e il supermanto di un modello genitoriale interno di vecchio stampo  che consenta di proporre pensieri e soluzioni in linea con i tempi attuali.

Un altra raccomandazione è la tempestività di azione in queste situazioni: dovrebbero essere previste tempistiche di intervento davvero brevi, finalizzate a minimizzare l’impatto di tale forma di abuso sul bambino e sulla sua relazione con il genitore allontanato, e, ancor più, ad evitare eventuali esiti ben più gravi e funesti.

Fondamentale è la revisione delle modalità di individuazione dell’assegno alimentare in funzione delle esigenze del minore alla luce della nuova condizione economica dei genitori separati. Il rischio oramai evidente è quello di creare una nuova categoria di poveri che non solo non può provvedere ai propri bisogni , ma in pratica lavora per permettere al coniuge affidatario di educare i figli in sua vece non avendo questo alcuna possibilità economica per partecipare attivamente alla crescita del figlio.

Le soluzioni proposte e sollecitate sono quelle di prevedere il mantenimento diretto in modo da coinvolgere maggiormente il coniuge non affidatario nel processo educativo e di prevedere un assegno alimentare diviso per categorie di spesa da imputare separatamente ai coniugi.

Il principio di bi-genitorialità sancito dalla legge 54/2006 dovrebbe inoltre essere tutelato in misura maggiore. La mancanza di sanzioni apapre essere il maggiore responsabile di questa deriva, per cui si sottolinea la necessità di sanzionare il genitore che tenta di vendicarsi dell’ex-coniuge impedendo le visite, ostacolandone i rapporti con il bambino, punendo così quei comportamenti tesi a manipolare il minore per chi lo induce ad avere una visione negativa dell’altro genitore, secondo il livello di gravità della manipolazione: l’abuso perpetrato, il cui esito è rappresentato dalla PAS nei suoi diversi gradi sintomatologici, dovrebbe vedere invertito l’affidamento del figlio, prevedendo che al genitore alienante o vessatorio dovrebbe essere revocato l’affidamento o il collocamento. 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Trasporto ferroviario Lazio, firmato il protocollo per ridurre le controversie con gli utenti

Pubblicato

il

Questo è l’assessore ai trasporti della Regione Lazio Michele Civita . Oggi abbiamo firmato un accordo che prevede che in caso di problemi con le ferrovie regionali del Lazio i consumatori posso conciliare anziché litigare.

Non abbiamo risolto i problemi dei consumatori che subiscono ogni giorno disservizi abominevoli, ma abbiamo almeno iniziato qualcosa.

Ho chiesto a Michele Civita di farci capire cosa intende fare la regione sulla mobilità innovativa, visto che ormai il Lazio è una sola grande città di 6 milioni di abitanti e da alcuni punti si impiegano anche 3 ore per raggiungere il centro della capitale.

Insomma non chiediamo Hyperloop Transportation Technologies . Il Governo americano ha appena approvato la richiesta preparare gli scavi tra la 53esima strada di New York e Washington D.C., luoghi che nei progetti di Elon Musk possono essere raggiunti in 29 minuti di viaggio, divisi da 364 chilometri di rete stradale che attualmente si possono percorrere in circa 3 ore.

Il Lazio sembra essersi fermato ai tempi della #ciociara di Sofia Loren. Quando dalla provincia si arrivava a #roma a dorso del mulo o i più fortunati in bicicletta monomarcia (come mi raccontava mio nonno).

Alcuni land tedeschi hanno annunciato da pochi giorni che sperimenteranno il trasporto pubblico gratuito per combattere l’inquinamento urbano.

 

Il Lazio che farà? Visto che è una delle aree urbane più popolose d’europa?

Lo sapremo solo dopo il #4marzo !!!

Codici Associazione Consumatori Luigi Gabriele

Continua a leggere

Consumatori

Bollette della luce come per l’acqua, da oggi pagheremo la corrente anche ai morosi e le aziende non potranno più fallire

Pubblicato

il

Codici: ecco l’ultima perla dell’Autorità per l’energia, la socializzazione integrale della morosità

“Quando ci sono da socializzare i profitti si chiamano in causa le aziende, quando invece si devono spalmare i debiti si chiama il consumatore – afferma Luigi Gabriele di Codici – l’ultima perla di questa Autorità per l’energia, la peggiore Autorità di tutti i tempi”.

Dopo il Canone Rai anche l’evasione delle bollette elettriche verrà spalmata su tutti i consumatori in bolletta, verrà qui inserita un’altra voce che costituirà il contributo che verrà pagato da tutte le famiglie per coprire i costi lasciati dai clienti morosi, quindi chi paga la bolletta elettrica, già salata a prescindere dal proprio consumo in seguito alla nuova riforma tariffaria, dovrà pagare anche per chi la evade.

Ovviamente questo provvedimento andrà a danneggiare i consumatori ed andrà invece a salvaguardare le aziende, queste morosità infatti hanno in passato portato al fallimento di alcune di esse del mercato libero.

Già esiste Il CMOR, e cioè il coefficiente per morosità delle utenze energia, cioè il corrispettivo eventualmente addebitato dal nuovo fornitore di energia al cliente finale, il quale abbia situazioni di morosità pregressa nei confronti del suo precedente fornitore di energia elettrica. A causa di un inadempimento contrattuale nei confronti del precedente, il cliente finale moroso diventa quindi debitore per il pagamento del corrispettivo CMOR nei confronti dell’attuale fornitore.
Ingiusto ma perlomeno rimaneva configurato tra moroso e nuovo fornitore.

Oggi si aggiunge l’integrale spalmatura a tutti gli utenti degli oneri non pagati dai morosi. Questo è drammatico, ma questa Autorità già lo ha reso operativo nel servizio idrico da un paio di anni, per questo in alcuni luoghi le bollette sono stratosferiche, oggi il problema è che lo stesso principio viene esteso all’elettricità.

Come sempre il bancomat d’Italia, il consumatore, subirà anche il rastrellamento delle morosità elettriche che ammonterebbero a 200 milioni di euro.

Continua a leggere

Consumatori

Bollette. Cos’è la truffa del POD e come difendersi

Pubblicato

il

 

Il cosiddetto Point Of Delivery è il codice identificativo dell’utenza di energia elettrica di un singolo consumatore

 

La “truffa del POD” è solo uno degli inganni che purtroppo continuano ad affliggere il nostro paese, ma sta diventando giorno dopo giorno più rilevante. Una truffa che può venire attuata sia dal vivo che tramite telefono e che ha l’obiettivo di estorcere al consumatore informazioni preziose per intestargli (di nascosto) nuovi contratti più onerosi.

Iniziamo col dire che il POD, ovvero il Point Of Delivery, è un codice che identifica l’utenza di energia elettrica di ciascuno di noi: viene riportato all’interno della bolletta della luce e, purtroppo, conoscerlo spesso e volentieri è sufficiente per richiedere un cambio di contratto anche senza informare il diretto interessato.

La truffa del POD può avere luogo sia attraverso un operatore porta a porta che attraverso una semplice telefonata e si svolge bene o male nelle seguenti modalità: l’utente viene contattato da un soggetto che si qualifica come operatore della compagnia in questione e chiede per l’appunto di avere il codice POD, fingendo spesso e volentieri di averne bisogno per verificare inconvenienti immaginari o per applicare tariffe più convenienti.

Il primo modo per difendersi da questo tipo di truffa consiste ovviamente nel non comunicare il proprio POD e non consegnare vecchie bollette. La stessa richiesta di questo tipo di informazioni deve suonare come un vero e proprio campanello d’allarme, visto che il vostro fornitore di energia elettrica è sempre e comunque a conoscenza del vostro codice identificativo.

Un altro consiglio, in caso di contatto telefonico, è quello di non pronunciare la parola “sì”: è infatti possibile che venga letteralmente “tagliata” ed “incollata” ad arte per venire trasformata in un assenso a proposte contrattuali che in realtà non sono mai state sottoposte all’attenzione del contraente.

Se vi rendete conto di avere subito la truffa del POD, o se e ritenete di avere ricevuto una visita o una telefonata sospetta, contattate immediatamente sia il vostro fornitore di energia elettrica sia la Polizia. Questi raggiri vanno combattuti e da questo punto di vista noi di CODICI siamo da anni a disposizione, per fornire una consulenza ed aiutare i cittadini ad orientarsi in quella che purtroppo a volte sembra una giungla. Il nostro sportello legale è sempre aperto, quindi non abbiate timore di segnalarci eventuali comportamenti scorretti: il nostro numero di telefono è lo 065571996, mentre la nostra mail è segreteria.sportello@codici.org.

 

Continua a leggere