Seguici su

Consumatori

Diritti dei padri separati, ecco tutto quello che c’è da sapere

Dall’affidamento al falso condiviso: tutte le criticità della giurisprudenza italiana sul tema dell’affido dei minori nelle separazioni conflittuali

Pubblicato

il

Ieri si è tenuto il convegno Bigenitorialità, 10 anni di legge disattesa; psicologi, giornalisti ed avvocati hanno dibattuto a lungo sulla controversa tematica dell’affido condiviso, con particolare attenzione al ruolo del padre, nelle così dette separazioni conflittuali; la grande affluenza è stata un segnale forte di quanto sia sentito il problema a tutti i livelli.

Gli argomenti affrontati dai relatori, introdotti dal Sen. Bartolomeo Pepe e moderati da Gianluca Agerde (Ass. Diritto Minori)  sono stati i seguenti: Ivano Giacomelli, Segr. Naz Ass Codici e portavoce di Rete Consumatori Italia nella campagna ‘Voglio Papà’ ha svolto un’analisi giuridica sulla nascita dei ‘Nuovi Orfani’,  l’Avv. Fausto Pucillo ha analizzato il ‘mobbing genitoriale’, il fiscalista Marco Ertman, gli aspetti fiscali ed economici dopo la separazione, Mauro de Cristofaro, giornalista Rai, è intervenuto in qualità di padre e vittima involontaria della macchinosità delle leggi sull’affido, Roberto Cicioni, psicologo del Rorshach forense, ci ha fornito un’analisi dei modelli comportamentali dei genitori, la Psicologa Floriana Loggia  ha evidenziato le conflittualità coniugali e le violenze psicologiche sui figli, Maria Barbarisi, psicologa e CTU, si è soffermata sull’importanza del ruolo di questi ultimi nelle separazioni. La conclusione, affidata al Prof. Alessandro Meluzzi dall’evocativo titolo, ‘Il Codice, i paradossi dell’amore e dell Essere’, ha affrontato anche la componente filosofica dei conflitti.

Tutte le considerazioni esaminate hanno portato alla redazione di un documento, che per la sua natura intrinseca potrebbe veramente portare un significativo cambiamento del ruolo in cui il costume, gli usi e le consuetudini, hanno relegato fino ad oggi la figura paterna in seguito alla separazione.

La Giurisprudenza ha reso Il principio fondamentale di uguaglianza un simulacro realizzando il “falso condiviso”, attraverso gli artt. 316 (residenza abituale), 337-ter (Provvedimenti riguardo ai figli e corresponsione di un assegno periodico), 337-quater (Affidamento a un solo genitore e opposizione all’affidamento condiviso), 337-sexies (Assegnazione della casa familiare e prescrizioni in tema di residenza) cod. civ.

I dati presentati durante il convegno dimostrano che colui che è chiamato ad abbandonare l’abitazione a seguito di separazione o divorzio sia nella maggior parte dei casi il padre. Secondo l’Istat, nel 2014 sono state soprattutto le mogli a vedersi assegnata la casa, con una percentuale che tocca il 59,7% delle separazioni, ed in particolare al Sud, dove la percentuale è ben più alta (64,9%). Invece, viene segnalato che nella quasi totalità dei casi, in percentuale pari al 94,1%, l’assegno di mantenimento a seguito di separazione viene versato proprio dai padri: dato che sembra essersi mantenuto costante almeno negli ultimi quattordici-quindici anni circa.  Ciò comporta però per l’uomo una spesa enorme nella maggior parte dei casi, poiché è chiamato a versare assegni di mantenimento e, parallelamente, a sostenere le spese del proprio sostentamento, compresi eventuali “extra” per i figli e le spese collegate al nuovo alloggio che ha dovuto trovare a seguito dell’assegnazione dell’abitazione alla moglie.

Aspetti di estrema rilevanza sono le violenze striscianti, i comportamenti vessatori, umilianti, emarginanti  e denigratori in ambiente familiare In tale ambito si distingue il c.d. «MOBBING GENITORIALE», laddove le condotte ostili ledono l’identità e il ruolo genitoriale, con danno, oltre che per il genitore «bersaglio», soprattutto per la prole.

La sistematicità di episodi che, singolarmente considerati, possono apparire quasi innocui, ma Il fenomeno è tanto grave quanto difficile da dimostrare, prevenire e reprimere.

Durante il convegno è emersa con grande evidenza la tendenza piuttosto diffusa nel contesto delle separazioni conflittuali, di utilizzare i figli come arma di ricatto che diventano uno strumento di “vendetta contro il coniuge”, spesso scandita da una successione di false denunce di abuso o di stalking, finalizzate all’allontanamento dell’ex-coniuge e all’ottenimento della definitiva custodia esclusiva dei figli. In altri casi, molti genitori vengono accusati (falsamente) di forme di violenza piuttosto gravi perpetrate nei confronti dei figli, quale appunto l’abuso sessuale.

Ad esito del confronto sono state approvate una serie di proposte e di raccomandazioni.

L’attuale legge in materia di affidamento, pur se progettata con l’intento di mantenere il principio di bi-genitorialità, si trova a dover far fronte a gravi resistenze culturali da parte di Magistrati e di Consulenti Tecnici che di fatto eludono il principio giuridico della parità dei genitori privilegiando in maniera acritica la figura della madre ritenuta genitore idoneo per nascita, mentre il padre deve sempre di mostrare di essere un buon genitore. Incide ancora molto l’idea di un “ bambino di cristallo” che non può vivere una genitorialità condivisa ma preferibilmente una mono genitorialità. Dall’esame di questa situazione è nato il titolo della campagna “ I nuovi orfani” in quanto i figli vengono allontanati dai padri che spesso vengono relegati al ruolo di “padri portafoglio” o “padri visitatori”.

Questo sbilanciamento della giurisprudenza ha determinato un nuovo allarmante fenomeno consistente nella possibilità del genitore che intende allontanare l’ex-coniuge, per ragioni ingiustificate, dal proprio bambino metta in atto una serie di denunce volte a screditare il ruolo genitoriale di questi; o, ancora peggio, fomenti l’astio del bambino contro di lui, pervertendo le normali dinamiche di attaccamento e di corretto sviluppo, con la conseguente alienazione della figura parentale.  Il ruolo della CTU (Consulenza Tecnica d’Ufficio), è di fondamentale importanza soprattutto nei casi di affidamento più controversi, laddove però i tecnici in questione risultino preparati a dovere sull’argomento e pertanto riescano a riconoscere e discriminare eventuali false denunce (sanzionabili legalmente, di conseguenza) o PAS e quindi eventuali gradi di instabilità da parte del genitore alienante, tenendo presente quali conseguenze ciò potrebbe ingenerare nel figlio.

Viene quindi lanciata una forte raccomandazione ai Tribunali indicando come assolutamente necessario che vi sia una rotazione dei consulenti chiamati a svolgere il ruolo di CTU onde evitare lo sviluppo di procedure collusive e il supermanto di un modello genitoriale interno di vecchio stampo  che consenta di proporre pensieri e soluzioni in linea con i tempi attuali.

Un altra raccomandazione è la tempestività di azione in queste situazioni: dovrebbero essere previste tempistiche di intervento davvero brevi, finalizzate a minimizzare l’impatto di tale forma di abuso sul bambino e sulla sua relazione con il genitore allontanato, e, ancor più, ad evitare eventuali esiti ben più gravi e funesti.

Fondamentale è la revisione delle modalità di individuazione dell’assegno alimentare in funzione delle esigenze del minore alla luce della nuova condizione economica dei genitori separati. Il rischio oramai evidente è quello di creare una nuova categoria di poveri che non solo non può provvedere ai propri bisogni , ma in pratica lavora per permettere al coniuge affidatario di educare i figli in sua vece non avendo questo alcuna possibilità economica per partecipare attivamente alla crescita del figlio.

Le soluzioni proposte e sollecitate sono quelle di prevedere il mantenimento diretto in modo da coinvolgere maggiormente il coniuge non affidatario nel processo educativo e di prevedere un assegno alimentare diviso per categorie di spesa da imputare separatamente ai coniugi.

Il principio di bi-genitorialità sancito dalla legge 54/2006 dovrebbe inoltre essere tutelato in misura maggiore. La mancanza di sanzioni apapre essere il maggiore responsabile di questa deriva, per cui si sottolinea la necessità di sanzionare il genitore che tenta di vendicarsi dell’ex-coniuge impedendo le visite, ostacolandone i rapporti con il bambino, punendo così quei comportamenti tesi a manipolare il minore per chi lo induce ad avere una visione negativa dell’altro genitore, secondo il livello di gravità della manipolazione: l’abuso perpetrato, il cui esito è rappresentato dalla PAS nei suoi diversi gradi sintomatologici, dovrebbe vedere invertito l’affidamento del figlio, prevedendo che al genitore alienante o vessatorio dovrebbe essere revocato l’affidamento o il collocamento. 

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Consumatori

Via libera della Camera alla videoserveglianza nella Asili

Pubblicato

il

Una ottima notizia per il Codacons il via libera dell’Aula alla procedura d’urgenza per l’esame della proposta di legge sulla videosorveglianza negli asili nido e nelle strutture socio-assistenziali per anziani e disabili.

“Da più di dieci anni ci battiamo affinché vengano introdotte telecamere negli asili e nelle scuole, e presso le strutture sanitarie, perché si tratta dell’unica misura realmente utile per combattere violenza e maltrattamenti a danno dei più deboli – afferma il presidente Carlo Rienzi – In Italia sono infatti aumentati a dismisura i casi di bambini malmenati dalle maestre o di disabili e anziani abusati presso cliniche e strutture sanitarie, casi portati all’attenzione pubblica solo grazie ai sistemi di videosorveglianza installati per ordine della magistratura”.

“Invitiamo Governo e Parlamento a non cedere alle pressioni della lobby dei sindacati che, specie nel settore scolastico, si sono schierati contro la presenza delle telecamere, che al contrario potrebbero tutelare anche gli insegnanti contro episodi di bullismo” – conclude Rienzi.

Continua a leggere

Consumatori

Ferrovie: Federconsumatori esposto a Trenitalia sui tempi di percorrenza delle tratte regionali

Pubblicato

il

La “traccia orario” è il tempo assegnato ad un treno per percorrere una certa relazione.

Il tempo impiegato dovrebbe ricavarsi dalla formula t=S/v; dalla quale risulta evidente come il tempo necessario è in rapporto sia allo spazio da percorrere, sia alla velocità.

In realtà in ferrovia non bastano questi elementi per determinare la “traccia orario”, se ne aggiungono alcuni (spesso motivati), e altri di cui nessuno capisce la motivazione.

Solo Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana sono in grado di capire perché per percorrere la relazione Pescara-Montesilvano con treni regionali (ma ci sono centinaia di casi analoghi in Italia) a volte bastano 4 minuti altre volte ne occorrono 17. Eppure, nel caso considerato, i treni viaggiano a velocità simile, non ci sono fermate intermedie e la distanza tra le stazioni è sempre la stessa; ma i tempi assegnati ai treni per percorrere la stessa distanza sono diversissimi.

Un problema che non va sottovalutato, dal momento che ogni minuto di percorrenza di un treno costa alla collettività circa 10 euro.Questo vuol dire che, se al treno Montesilvano-Pescara si assegnano 13 minuti più del dovuto, la comunità pagherà in più 130 euro al giorno; quasi 50.000 euro ogni anno, solo per quel treno! (E questo vale per tutte le altre tratte interessate!

Se il risultato dei vari algoritmi utilizzati per calcolare il prezzo dei servizi da pagare conserva l’apparenza della neutralità, la traccia oraria è chiaramente determinata dagli interessi delle Ferrovie, senza che nessuno possa eccepire alcunché.

Eppure dalle tracce orario dipendono: 1) i costi sostenuti dalle regioni per pagare i corrispettivi a Trenitalia per l’offerta del servizio regionale; 2) la possibilità di applicare o meno le sanzioni a Trenitalia in caso di ritardo; 3) la qualità del servizio ferroviario regionale ;4) la concreta possibilità di apertura del mercato ferroviario.

Per evidenziare un abuso di posizione dominante da parte delle Ferrovie italiane nel mercato ferroviario, la Federconsumatori ha presentato un esposto all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Lo stesso esposto è stato inviato all’Autorità di Regolazione dei Trasporti e, per conoscenza, anche al Ministro dei Trasporti (con due precedenti esposti della nostra Associazione al Garante, sono state comminate due diverse sanzioni: la prima da un milione di euro nel 2014, la seconda da cinque milioni di euro nel 2017).

Continua a leggere

Consumatori

Paghereste un caffè l’80% in più della media? La polemica su Starbucks a Milano

Pubblicato

il

Starbucks, il colosso del caffè americano sbarca in Italia con il primo mega store a Milano: per il nostro Paese si tratta di una piccola rivoluzione culturale che da una parte, sicuramente, amplia la concorrenza tra bar e caffeterie, dall’altra suscita qualche perplessità sui costi, davvero molto alti. Pagare un caffè espresso 1,80 è davvero esagerato, senza contare i 3,50 euro del caffè americano, per poi salire di prezzo per caffè più sofisticati: è l’80% in più rispetto alla media milanese!

Secondo gli ultimi dati ufficiali disponibili dell’Osservatorio prezzi e tariffe del ministero dello Sviluppo economico, infatti, che utilizza i prezzi ufficiali rilevati dagli Uffici comunali di statistica nell’ambito della rilevazione mensile dell’Istat, in media il caffè espresso a Milano costa 1 euro, 1,10 euro la quotazione massima. Da Starbucks, quindi, si paga l’espresso, mediamente, 80 centesimi più rispetto al resto della città, 70 centesimi di differenza considerando i bar più cari. Considerato che per molti il caffè al bar è un’abitudine giornaliera irrinunciabile, diventa quasi un lusso!

Ma quanto costa, invece, il caffè fatto in casa? In generale utilizzando 7 grammi di miscela,  il caffè casalingo costa mediamente 12 centesimi, quindi andare da Starbucks ci costa il 2471% in più della tazzina di caffè home made.

Non tutti sanno però che il costo del caffè di casa dipende anche dallo strumento utilizzato: una tazzina di caffè con la tradizionale moka costa infatti circa 0,12 centesimi, mentre con la macchinetta a capsule 0,41 centesimi; per sapere qual è la macchinetta per il caffè più adatta alle diverse esigenze e confrontare i prezzi del caffè fatto con moka, macchinetta automatica, a capsule o a cialde, leggi la nostra indagine Quanto ci costa un caffè espresso fatto in casa

Autore: Unione Nazionale Consumatori

Continua a leggere