Una nuova tecnica di stimolazione del nervo vago sembra poter restituire coscienza a pazienti in stato vegetativo.

Un paziente in uno stato vegetativo persistente senza possibilità di miglioramento ha ritrovato alcuni segni di coscienza dopo che i ricercatori hanno utilizzato una forma sperimentale di stimolazione nervosa, come risulta da un nuovo studio.

L’esperimento, descritto nell’ultimo numero della rivista Current Biology, potrebbe infrangere la convinzione comunemente diffusa che i pazienti che hanno trascorso più di un anno in uno stato vegetativo non possano riacquistare coscienza.

L’uomo nello studio ha 35 anni ma era rimasto in stato vegetativo per tutti gli ultimi 15. Dopo solo un mese di stimolazione a bassa intensità al nervo vago — il nervo più lungo del corpo umano, che collega il cervello con il cuore, i polmoni e l’apparato digerente — l’attività cerebrale del paziente, così come le sue risposte e reazioni all’ambiente circostante, è aumentata al punto che i medici lo considerano minimamente consapevole.

“Abbiamo scelto un paziente che era stato in stato vegetativo 15 anni senza mostrare segni di cambiamento dopo un incidente d’auto”, ha dichiarato l’autrice Angela Sirigu, direttrice dell’Istituto di Scienze Cognitive Marc Jeannerod di Lione, Francia. “Ci siamo messi quindi in una posizione difficile selezionando un paziente con il peggior risultato. Se dopo la stimolazione del nervo vago si osservassero dei cambiamenti, questi non potrebbero essere il risultato del caso.”

Per i 15 anni successivi all’incidente, secondo i ricercatori, l’uomo non ha mostrato alcuna prova di essere a conoscenza dell’ambiente circostante. Poteva aprire gli occhi, ma non reagiva a nulla di ciò che accadeva intorno a lui.

Questo, tuttavia, è cambiato poco dopo che un neurochirurgo ha impiantato un dispositivo nel torace dell’uomo che stimola il nervo vago, stando alla ricerca. Secondo Sirigu, il nervo vago è noto per il suo ruolo nell’eccitazione, nella vigilanza e nella risposta allo stress.

Durante la terapia di stimolazione nervosa, l’uomo ha cominciato gradualmente a confrontarsi con le persone che lo circondavano, mostrando attenzione o addirittura rispondendo a semplici ordini. Ha potuto seguire un oggetto con i suoi occhi o voltare la testa su richiesta, hanno detto i ricercatori. Sua madre ha riferito una migliore capacità di rimanere sveglio quando ascolta il suo terapeuta leggere un libro. Il paziente reagisce anche a qualcuno che si avvicini troppo a lui — cosa che non avrebbe fatto in precedenza, stando alla ricerca.

La lettura elettroencefalografica (EEG) e la tomografia a emissione di positroni (PET) hanno confermato l’ aumento dell’ attività cerebrale nelle regioni responsabili del movimento, della sensazione e della consapevolezza, ha rilevato lo studio.

“È stato particolarmente confortante scoprire che i cambiamenti osservati dopo la stimolazione del nervo vago corrispondono perfettamente a quanto riportato nei pazienti umani quando il loro stato clinico si sposta spontaneamente da vegetativo a minimamente cosciente”, ha dichiarato Sirigu. “Questo suggerisce che la stimolazione del nervo vago ha attivato una naturale meccanismo fisiologico”.

In precedenza, la stimolazione del nervo vago è stata utilizzata per alleviare i sintomi di epilessia e depressione. Sirigu ha detto che lei e il suo team hanno progettato l’esperimento dopo aver letto di studi sugli animali che suggeriscono che ci può essere un legame tra la stimolazione del nervo e la coscienza.

“ Sono possibili cambiamenti anche in pazienti clinici gravi quando l’intervento giusto è appropriato e potente,” ha dichiarato Sirigu. “Penso che dopo questo caso dovremmo considerare la possibilità di testare gruppi più ampi di pazienti”.

Altri ricercatori che lavorano nel settore concordano sul fatto che sono necessarie ulteriori ricerche su un campione di pazienti più ampio per determinare se l’approccio potrebbe svolgere un ruolo nel trattamento dei pazienti che soffrono di disturbi della coscienza.

“All’inizio dello studio, prima di ogni stimolazione, il paziente ha segnato 6/23 (su una scala di valutazione da 0 a 23 indicante il livello di coscienza),” ha detto la Dr.ssa Elizabeth Coulthard, Professore Associato in Neurologia e Demenza presso l’Università di Bristol, che non ha partecipato alla nuova ricerca. “Alla fine dello studio, quando il paziente era sulla stimolazione massima, ha segnato 8/23 sulla scala funzionale. A volte durante il periodo di 6 mesi, il paziente ha ottenuto punteggi fino a 10/23. Si tratta di una piccola differenza di prestazione che è di dubbia importanza per il paziente”.

Sirigu ha detto che lei e il suo team stanno progettando uno studio più ampio per testare ulteriormente la tecnica che coinvolgerebbe più centri di ricerca e un maggior numero di pazienti vegetativi e minimamente coscienti.


Tradotto in Italiano. Articolo originale: LiveScience


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
Visionari