Da quest’anno sono entrate in vigore le nuove regole per l’iscrizione delle associazioni consumatori al CNCU, mediante il Decreto 260 del 2012 – Regolamento recante norme per l’iscrizione nell’elenco delle associazioni dei consumatori e degli utenti rappresentative a livello nazionale ai sensi dell’articolo 137, comma 2, del Codice del consumo.

Stabilisce che: per iscritti all’associazione  si  intendono  coloro  che  hanno espressamente manifestato la volonta’ di aderirvi. Ai soli  fini  del raggiungimento e del  mantenimento  dei  requisiti  per  l’iscrizione nell’elenco  di  cui   al   presente   regolamento   sono   computate esclusivamente le iscrizioni comprovate dal pagamento  di  una  quota associativa  di  importo  non  meramente   simbolico   effettivamente corrisposto  in  forma  tracciabile  almeno  una  volta  nel  biennio anteriore alla relativa dichiarazione ovvero, nel caso tale pagamento sia effettuato in contanti, confermato dalla corrispondenza  con  gli importi iscritti in bilancio e dalla sottoscrizione, almeno una volta nel corso del medesimo  biennio,  di  un  modulo  di  adesione  o  di conferma espressa dell’adesione.

In base a queste nuove regole questi sono i dati (fonte: MISE), comunicati dalle associazioni consumatori che hanno chiesto l’iscrizione o il rinnovo al CNCU.

Tab1

ASSOCIAZIONE  2014/13
FEDERCONSUMATORI 51.427
UTENTI SERVIZI RADIOTELEVISIVI 31.463
COSACONS 32.682
MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO 31.241
ALTROCONSUMO 377.071
ADICONSUM 35.471
ADOC 38.271
ASSOCUNSUM 30.163
ACU 36.981
CONFCONSUMATORI 24.455
CITTADINANZATTIVA 34.540
LEGA CONSUMATORI 34.781
CENTRO TUTELA CONSUMATORI 3.076
ADUSBEF 32.254
UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI 31.903
MOVIMENTO CONSUMATORI 30.370
CODICI 30.781
CASA DEL CONSUMATORE 30.658
ASSOUTENTI 46.263

Quello che doveva essere un meccanismo per eliminare dal CNCU le associazioni non sindacali (come le voci di corridoio andavano cinguettando da mesi), stabilito mediante un accordo tra un sottosegretario e le AdC di stampo politico sindacale, si è rivelato come un vero e proprio boomerang, addirittura permettendo l’iscrizione ad una nuova associazione, la URTV e la netta perdita di centinaia di migliaia di iscritti proprio alle associazioni sindacali.

Tabella con gli iscritti degli anni precedenti, fonte rapporto I-com sui consumatori 2014

@doctorspinone

iscritti_associazioni_consumatori