Seguici su

News

Due nuovi modi per trasformare l’anidride carbonica “di scarto” in carburante

Pubblicato

il

fonte: visionari.org

 

Ottenere carburante a basso costo o immagazzinare l’energia residua degli impianti solari: due aziende hanno esplorato nuovi metodi per risolvere il problema.

L’anidride carbonica (CO2) è il vero e proprio prodotto di scarto della società, e ogni anno vengono iniettati nell’aria miliardi di tonnellate di materiale. Ma riciclarlo in preziosi combustibili e prodotti chimici ha sempre richiesto troppa energia per avere un senso economico. Ora, i ricercatori hanno trovato due modi efficienti per convertire la CO2 in sottoprodotti ricchi di energia, come hanno riferito la scorsa settimana in una riunione della American Chemical Society (ACS). Se ottenessero trazione, potrebbero aiutare a risolvere un altro problema importante: poiché entrambi gli approcci richiedono un flusso costante di elettroni da una fonte di energia elettrica, potrebbero accumulare tutta l’energia solare ed eolica “perduta” che attualmente non può essere immagazzinata nelle reti elettriche.

Per riciclare CO2, alcuni ricercatori stanno imitando la fotosintesi, sfruttando la luce solare per convertire la molecola in carboidrati. Ma questi reattori a energia solare spesso hanno bisogno di funzionare a temperature di 1000°C. Altri chimici favoriscono un approccio più tradizionale che effettuerebbe reazioni simili, ma vicine alla temperatura ambiente in celle elettrochimiche che necessitano di elettricità e catalizzatori speciali.

Il primo passo in un simile approccio elettrolitico è dividere la CO2, una molecola dura e stabile, in ossigeno e monossido di carbonio (CO), una molecola un po’ più ricca di energia che può costituire la base per combustibili idrocarburici come il metanolo. Il processo inizia con due elettrodi rivestiti di catalizzatore in un becher di acqua in cui è stata disciolta CO2. Il flusso di elettroni tra questi elettrodi effettua reazioni separate che dividono l’ acqua e la CO2, in ultima analisi generando CO e più acqua.

A livello teorico, ci vorrebbero solo 1,33 volt di energia elettrica — meno di quella prodotta da una batteria AA. Ma in pratica, i ricercatori devono alzare la tensione di circa un altro volt per provocare la reazione in modo più veloce. Questa tensione supplementare, nota come sovratensione, equivale a un sovrapprezzo energetico che riduce l’efficienza della cella. Un altro problema è che la maggior parte dei catalizzatori incanalano una quantità maggiore di elettroni disponibili nella suddivisione dell’ acqua invece di convertire CO2 in CO.

Nel 2011, ricercatori guidati da Richard Masel, chimico e CEO di Dioxide Materials a Boca Raton, Florida, hanno testato un setup con catalizzatori dell’ossido di argento e di iridio e un elettrolito liquido per promuovere la reazione CO2 — CO. L’ elettrolito conteneva un composto chiamato imidazolio che formava uno strato protettivo intorno all’elettrodo ricoperto d’argento. Ciò ha bloccato la reazione di separazione dell’acqua e ha incoraggiato il catalizzatore a trasferire quasi tutti i suoi elettroni alla conversione di CO2. Ha anche prodotto CO con un potenziale di soli 0,17 Volt. Tuttavia, i liquidi ionici possono essere costosi e corrosivi. Così Dioxide Materials si è prefissata di realizzare una membrana in plastica resistente ed economica che potesse svolgere la stessa funzione quando posta sopra un elettrodo in argento.

L’anno scorso, l’azienda ha riferito di aver realizzato con successo le membrane. Ma alla riunione dell’ACS, il chimico di Dioxide Materials Richard Ni ha riferito che i dispositivi che li utilizzavano producevano CO con un’efficienza quasi doppia di quella delle membrane alternative. Ni ha anche riferito che con i recenti aggiornamenti, le loro celle possono trasformare la CO2 in CO ad un ritmo doppio rispetto ad altri elettrolizzatori di CO2 di dimensioni paragonabili, il che potrebbe aiutarli a elaborare grandi volumi di CO2 una volta scalati. Ni ha aggiunto che i dispositivi dell’azienda rimangono stabili e non peggiorano dopo 6 mesi di funzionamento continuo.

“Questi sono risultati molto buoni” e considerati buoni abbastanza per un prodotto commerciale, dice Fan Shi, chimico del National Energy Technology Laboratory di Pittsburgh, in Pennsylvania. Dioxide Materials non è l’unica a cercare di commercializzare il processo: il gigante chimico BASF ha annunciato di avere intenzione di produrre carburante liquido a base di metanolo utilizzando un metodo simile. E un’azienda tedesca di nome Sunfire ha annunciato a maggio che sta producendo “grezzo blu”, un carburante diesel sintetico a base di CO2 e acqua utilizzando un processo ad alta temperatura.

Nel frattempo, Dioxide Materials ha aumentato le dimensioni dei suoi elettrodi da quadrati più piccoli di un francobollo americano a quelli più grandi di una mano adulta, consentendo un flusso di CO maggiore. La società ha collaborato con il gigante industriale 3M per produrre nastri di membrane ad imidazolo in un processo a bobina. L’azienda sta anche discutendo con i produttori di prodotti chimici industriali come Linde e Siemens, esplorando luoghi dove potrebbero essere in grado di accedere a puri flussi di rifiuti di CO2 e all’energia rinnovabile in eccesso. “Questo potrebbe essere fondamentale”, dice Shi. “È possibile immagazzinare l’energia in periodi di scarsa domanda”.

Per fare un impatto su larga scala, l’azienda può avere bisogno di trovare catalizzatori per elettrodi più economici rispetto all’argento e all’ossido di iridio, dice Haotian Wang, chimico dell’Università di Harvard. Ni dice che l’azienda sta cercando opzioni più economiche per sostituire l’iridio, un metallo raro e costoso.

Un’altra prospettiva a lungo termine è stata sollevata alla riunione ACS da Paul Kenis, un chimico dell’Università dell’Illinois di Urbana. Anche se convertire CO2 in CO è l’opzione più semplice, Kenis e altri stanno cercando di trasformare la CO2 in un colpo solo in metano, acido formico, metanolo o altri idrocarburi complessi con più energia e valore più elevato. Ma le reazioni sono più complicate, richiedendo non solo una fonte di elettroni ma anche di protoni. Per eseguire queste reazioni, i ricercatori in genere usano un anodo per dividere le molecole d’acqua in protoni, elettroni e ossigeno, e poi alimentare i protoni e gli elettroni ad un catodo, dove reagiscono con CO2 per produrre idrocarburi. La reazione di separazione dell’acqua richiede normalmente anche un supplemento di energia considerevole.

Nel corso della riunione ACS, Kenis ha riferito che il suo gruppo ha creato un dispositivo di divisione della CO2 in cui hanno sostituito l’acqua all’anodo con un liquido chiamato glicerolo, un prodotto di scarto prodotto a tonnellate negli impianti biodiesel. Usando il glicerolo, Kenis dice che il suo team è stato in grado di ridurre il potenziale eccessivo in quella parte del loro sistema di quasi due terzi e sfornare acido formico, che è ampiamente usato nella sintesi chimica. Kenis confessa che il nuovo setup può generare prodotti collaterali che non conosce ancora e che ha molta strada da fare prima di diventare una tecnologia commerciale. Ma William Goddard, chimico del California Institute of Technology di Pasadena, afferma di essere rimasto impressionato dall’ idea.

“Prendere quello che ora è considerato spazzatura e convertirlo, ha un potenziale reale”, dice.


Tradotto in Italiano. Articolo originale: Science


VISIONARI è un network di imprenditori, scienziati, artisti, scrittori e changemakers che pensano e agiscono al di fuori degli schemi.
Puoi fare domanda per entrare qui: https://bit.ly/visionari-entra

Seguici sulla nostra pagina Facebook per scoprire nuovi progetti innovativi:
Visionari

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

News

GdF alla porta degli operatori TLC e AGCM apre un’istruttoria con un anno di ritardo

Pubblicato

il

 CODICI: interventi inspiegabilmente tardivi

“Bene la Guardia di Finanza alle porte delle Società di telefonia mobile e fissa, ma la sensazione è che sia scappato il gatto con il topo in bocca, afferma Luigi Gabriele di Codici, questa vicenda è un po’ ambigua visto che è da almeno il 2016 che l’Antitrust sapeva dell’ipotesi di un cartello, eppure non ha mai voluto aprire un’istruttoria.

Adesso ci sembra un po’ tardivo questo intervento, dato che gli operatori hanno già incassato 1 miliardo e 600 milioni ed i rimborsi per i consumatori sono stati congelati dal TAR del Lazio per non creare un dissesto finanziario alle loro casse, chissà però se i consumatori rivedranno mai i rimborsi. Ribadiamo che è strano questo immotivato ritardo, non vorremmo che il solito cartello sia stato attuato anche nei confronti delle Istituzioni”.

Continua a leggere

News

Socializzazione integrale della morosità. Ecco chi sono i morosi in Italia

Pubblicato

il

Abbiamo riportato ieri la notizia della socializzazione integrata della morosità e di ciò che andrà a comportare per i consumatori:  l’integrale spalmatura a tutti gli utenti degli oneri non pagati dai morosi.

Morosità dell’energia elettrica che ammonterebbero a 200 milioni di euro come prima tranche.

Ma chi sono i morosi di cui si parla?

Ebbene, dai dati dell’Autorità per l’energia, più nello specifico dal monitoraggio retail sui morosi, appare lampante come in questo Paese a non pagare sono sostanzialmente: la pubblica amministrazione e  le imprese e comunque tutti colori che consumano in “media tensione (MT) altri usi, quindi non gli utenti domestici, ovvero non i privati cittadini.

Pertanto sul monte complessivo di insoluto il consumatore ha inciso per il 2016 al 16,2%, mentre gli ”MT altri usi” per il 26,2%; nel 2012 sono arrivati ad essere morosi per ben il 37,8%, come riportato dall’Autorità.

GRAFICI MOROSITà

Quindi ci sorge spontaneo il quesito del perché se sono le imprese e la PA a consumare e a non pagare, debbano essere i consumatori, tutti indistintamente, a sopperire e colmare un buco creato da altri soggetti.

“Non appena verrà chiusa la consultazione del documento, impugneremo davanti al TAR questo provvedimento assurdo, l’ennesimo di questa Autorità pro distributori, afferma Luigi Gabriele di Codici, i fornitori di energia si rivalgano sui reali responsabili insolventi, tra l’altro rabbrividiamo al pensiero che altre delibere sul tema saranno messe a punto nei prossimi mesi per completare le procedure con cui i consumatori dovranno rimborsare ciò che non è stato pagato dai furbetti, chissà che altro si inventerà l’Autorità”.

Inoltre, se alcune aziende si divertono a fare prezzi al ribasso alla pubblica amministrazione per vincere gli appalti pubblici e poi questi ultimi non pagano perché da sempre insolventi (ma anche molti non disalimentabili), non deve essere problema del consumatore, ma del Governo.

In questa arida campagna elettorale ancora non abbiamo sentito un partito fare proposte per liberare le nostre bollette da oneri impropri più che di sistema.

Visto che non le fanno i partiti le facciamo noi, con l’auspicio che vengano almeno discusse.

Gli elettori/consumatori vogliono sentir parlare di questo e non di leggi elettorali.

Le nostre proposte, se attuate, permetterebbero una riduzione immediata delle bollette di almeno il 30% subito e senza alcun onere in capo allo Stato. Eccone qui alcune.

Proposte pro consumatori:

·         Ridurre il peso degli oneri di sistema razionalizzando le numerose voci ed eliminando quelle ormai anacronistiche e non coerenti con la spesa delle famiglie;

·         Annullare la riforma tariffaria che ha previsto di spalmare in modalità fissa sulle utenze basso consumanti gli oneri, anziché la più efficiente e giusta modalità della crescita progressiva;

·         Rivedere il meccanico degli incentivi alle fonti rinnovabili e riassegnare i fondi recuperati dalla frodi al fine di ridurre il peso della bolletta;

·         Ripulire la bolletta dagli oneri impropri riportando questi ultimi sulla fiscalità generale;

·         Dare rappresentanza ai consumatori domestici nel prossimo Collegio dell’Autorità attualmente in scadenza (11 aprile 2018);

·         Eliminare il prelievo iva sulle componenti che non riguardano la materia prima;

·         Abrogare il GSE e l’AU e sostituirli con un più efficiente registro pubblico digitalizzato sul sistema elettrico con base tecnologica AI (artificial intelligence), Blockchain e learning machine.

Continua a leggere

News

Le bollette non pagate a carico dei consumatori? Tutto quello che devi sapere, di Luigi Gabriele

Pubblicato

il

 

Tutti i chiarimenti sulla notizia: Le bollette elettriche non pagate saranno (in parte) a carico degli altri utenti

Gli italiani finalmente hanno scoperto che nelle loro bollette è caricato di tutto, anche le morosità, quello che non hanno capito è che verranno inseriti anche i debiti lasciati dalle aziende che operano in questo sistema e che sono fallite.

A Radio Cusano Campus, ieri abbiamo fatto un lungo approfondimento, per risentirlo cliccate qui

Pur confermando il nostro convincimento che questo è stato il peggior collegio fino ad oggi e che il prossimo, avrà soprattutto il gravoso compito di  far recuperare credibilità all’istituzione autorità, dove ci sono anche bravissimi tecnici,  preferisco dare una serie di chiarimenti su quella che non vorrei diventasse una Fake news.

Confermo la mia dichiarazione  a margine della notizia:  in questo paese, si socializzano i debiti ma si privatizzano i profitti.

Come nel caso di chi vince gare pubbliche o rifornisce grandi energivori (o spesso non disalimentabili), che o  per la cattiva fede o incapacità,  giocano con i soldi, tanto si sa che i debiti verranno spalmati sui consumatori.

Idem vale per i Furbetti del gas o per i furbetti del dispacciamento, ai quali oggi si aggiungono i Furbetti delle morosità.

 

Da leggere l’approfondimento di staffettaquotidiana per chiarire alcune questioni sulla notizia.

Bisogna fare attenzione, in questa vicenda, per gioco forza ed anche un po per la loro vicinanza numerico/temporale, si confondo  e/o mischiano due delibere diverse con contenuti molto differenti tra loro ma apparentemente uguali.

I documenti incriminati:

  1. La delibera 50/2018

Con la delibera 50/2018/R/EEL l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) dàprima attuazione alla disciplina transitoria in tema di esazione degli oneri generali del sistema elettrico (introdotta con la delibera 109/2017/R/EEL), confermando l’attuale gestione degli oneri generali di sistema, che sono addebitati ai clienti dai venditori che li versano alle imprese distributrici e che a loro volta li corrispondono alla CSEA (Cassa per i servizi energetici e ambientali) e al GSE (Gestore dei servizi energetici), e introducendo specifici meccanismi di reintegrazione degli stessi oneri generali versati ma non riscossi e non recuperabili da imprese distributrici.

     2. La consultazione 52/2018

Con il documento per la consultazione 52/2018/R/eel l’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) illustra gli orientamenti in merito al meccanismo di riconoscimento agli utenti del trasporto degli oneri generali di sistema altrimenti non recuperabili che gli stessi risultano aver regolarmente versato alle imprese distributrici e non aver incassato dai clienti finali.
Tale meccanismo, insieme a quello di reintegrazione per le imprese distributrici (delibera 50/2018/R/eel) completa la disciplina transitoria in tema di esazione degli oneri generali del sistema elettrico (introdotta con la delibera 109/2017/R/eel).

 

Facciamo un po di chiarezza:

 

Il provvedimento di cui si è parlato tanto nella cronaca giornalistica,  è una consultazione pubblica, ed è ancora in corso consultazione 50/2018(a cui possono partecipare tutti, anche i singoli cittadini, scadrà il 26 febbraio),  e si pone l’obbiettivo di spalmare sugli utenti finali le morosità sugli oneri di sistema che lasciano gli operatori insolventi nei confronti dei distributori di rete.

 

Mentre i 200 milioni a cui fa riferimento sempre la cronaca giornalistica, sono riferibili ad un altra questione. La questione disciplinata nella delibera  50/2018 che disciplina il buco lasciato da alcuni venditori di energia falliti, e che, secondo la decisione dell’autorità, dovrebbero essere coperti dai consumatori.

Il grande assist che ci ha dato questa notizia, che seppur male interpretata, è quello di averci dato la possibilità di chiarire o dire a tutti gli italiani, che le morosità degli insolventi domestici e non,  sono già socializzate in bolletta e questo avviene da anni, sia per il gas che per l’energia e di recente anche per l’acqua.

Quello che qui si vuole integrare (delibera 50/2018), sempre nelle bollette, sono le nefandezze(ovvero i debiti), generate dai furbetti del quartierino. E questo è inaccettabile!

La delibera a cui si fa riferimento nella cronaca giornalistica,  si chiama deliberazione 52/2018 e riguarda la parte della bolletta limitata agli oneri generali di sistema previsti per legge.

In particolare, il riconoscimento individuato dall’Autorità per i soli distributori è parziale e attiene ai soli oneri generali di sistema già da loro versati ma non incassati da quei venditori con cui, a fronte della inadempienza di questi ultimi, i distributori hanno interrotto il relativo contratto di trasporto di energia, di fatto sospendendo così a tali soggetti la possibilità  di operare nel mercato dell’energia.

Gli oneri di sistema rappresentano il 19 % della bolletta e consistono nelle seguenti voci:

Un meccanismo, parziale quindi e finalizzato a garantire il gettito degli oneri di sistema da assicurare per legge, che l’Autorità ha strutturato in tal modo per adempiere ad una serie di sentenze della giustizia amministrativa che hanno annullato le precedenti disposizioni dell’Autorità in tema. La regolazione precedente imponeva ai venditori la prestazione di garanzie finanziarie in favore delle imprese distributrici anche a copertura degli oneri generali di sistema. Le pronunce della giustizia amministrativa sostengono che la legge pone in capo esclusivamente ai clienti finali, e non alle imprese di vendita, nè ai percettori degli incentivi, gli oneri generali di sistema, con la conseguenza che l’Autorità non avrebbe il potere di imporre il citato sistema di garanzie alle imprese di vendita negando che il rischio di mancato incasso degli oneri generali di sistema da parte dei clienti finali sia dei venditori.

Chi sono i morosi del sistema elettrico?

Se poi invece vogliamo realmente sapere chi sono i morosi ovvero quelli che  non pagano le bollette che come dicevo prima, già sono da anni socializzati, dobbiamo fare riferimento al documento ufficiale di ARERA(Autorità) che secondo il “Monitoraggio retail” indagine annuale a cui l’autorità ha l’obbligo di svolgere, pubblicato a novembre 2017, nel  2016 le morosità del sistema elettrico incidevano per 6 miliardi(di morosità totali) di euro su un ammontare di 61 miliardi di fatturazione complessiva.

Tra i morosi, solo 1,4 miliardi sono addebitabili ai consumatori DOMESTICI, il restante 4,6 miliardi fa riferimento ad utenti di Altri Usi e Media tensione(principalmente PA, Partite Iva e altri soggetti diversi dal consumatore domestico).

Quali sono le Tipologie di utenze?

Le utenze commercialmente si dividono in:

Utenza domestica:

Con il termine utenze domestiche si intende classificare quelle utenze di beni o servizi che riguardano abitazioni o immobili destinati all’abitazione(compresi garage, cantine, posti auto etc.) predisposti all’allacciamento alla rete idrica, alla corrente elettrica, al gas alla rete telefonica

  • “utenza domestica”, ossia a un cliente che utilizza l’energia elettrica consegnata in un unico punto di prelievo (un solo POD e un solo contatore) per alimentare la sua abitazione (di residenza o meno) e le relative applicazioni (ad esempio le pompe di calore per il riscaldamento degli ambienti), i locali annessi o pertinenti all’abitazione, i punti di ricarica privata per veicoli elettrici e i servizi generali in edifici composti da massimo due unità immobiliari;

In questa categoria rientrano quindi solo i privati cittadini e le abitazioni.

  • “utenza usi diversi” ossia a un cliente che utilizza l’energia elettrica per usi diversi da quelli di cui al precedente punto (ad esempio per alimentare un negozio, un ufficio ecc).

Partite iva, Enti pubblici, PA, e tutti coloro che sono diversi dal singolo utente.

Utenze in Media tensione:

Utenti definibili come  operatori di grandi dimensione o energivori .

Quindi in totale, i domestici sul sistema elettrico rappresentano solo 1/3 delle utenze.

E’ arrivato il momento quindi, di rivedere proprio gli oneri di sistema e tutte le altre voci che forniscono rendite alla filiera del settore, la quale gode di immunità da fallimenti e di ricavi non più sostenibili e giustificabili.

 

Proposte pro consumatori:

  • Ridurre il peso degli oneri di sistema razionalizzando le numerose voci ed eliminando quelle ormai anacronistiche e non coerenti con la spesa delle famiglie;
  • Annullare la riforma tariffaria che ha previsto di spalmare in modalità fissa sulle utenze basso consumati gli oneri, anziché la più efficiente e giusta modalità della crescita progressiva;
  • Rivedere il meccanico degli incentivi alle fonti rinnovabili e riassegnare i fondi recuperati dalla frodi al fine di ridurre il peso della bolletta;
  • Ripulire la bolletta dagli oneri impropri riportando quest’ultimi sulla fiscalità generale;
  • Dare rappresentanza ai consumatori domestici nel prossimo collegio dell’autorità attualmente in scadenza l’11 aprile 2018.
  • Eliminare il prelievo iva sulle componenti che non riguardano la materia prima;
  • Accorpare e snellire il GSE e l’AU e sostituirli con una più efficiente registro pubblico digitalizzato sul sistema elettrico con  tecnologia basata su: Intelligenza artificiale, Blockchain Pubblica & Learning  machine;

 

di Luigi Gabriele

Continua a leggere