Negli ultimi anni l’utilizzo del web per l’acquisto di beni e servizi è aumentato esponenzialmente: la portata del commercio online è ora molto vasta e si può acquistare pressoché qualsiasi cosa in tutto il mondo.

Proprio in considerazione di un fenomeno che diventa sempre più frequente, l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha realizzato la 1° indagine sui prezzi dei prodotti online. Lo studio ha esaminato cinque macro aree (alimentazione, cura della persona, abbigliamento, infanzia e tecnologia), considerando che ad effettuare gli acquisti possano essere consumatori di tutte le età.

Sono stati pertanto comparati alcuni specifici prodotti, confrontando i prezzi medi applicati negli esercizi commerciali con quelli online.

 

Dall’indagine emergono notevoli possibilità di risparmio. Il settore in cui le percentuali risultano maggiori è quello della cura della persona, in cui i prodotti fanno rilevare mediamente prezzi più bassi del 41%. Nel caso dello shampoo, ad esempio, la differenza tra i prezzi applicati in negozio e quelli online arriva al 49%, mentre per il fondotinta si sfiora il 48%.

Anche nel settore dell’abbigliamento è possibile trovare offerte molto convenienti: la percentuale di risparmio sfiora il 30% nel caso delle scarpe sportive e arriva al 33% per le calzature eleganti. Lo stesso vale per l’alimentazione: per alcuni prodotti alimentari le possibilità di risparmio sono notevoli, come nel caso dei biscotti (42%) e del tonno in scatola (31,5%).

Complessivamente,m nei settori analizzati, il risparmio medio acquistando online risulta pari al -23,8%.

Naturalmente, però, non è tutto oro quello che luccica. Non bisogna infatti trascurare gli aspetti relativi alla sicurezza: attualmente le transazioni con le carte di credito sono sicure e criptate, le spedizioni sono assicurate e sono state introdotte molteplici leggi per la tutela e la garanzia degli acquisti a distanza, tuttavia è opportuno adottare specifiche accortezze negli acquisti online per evitare di incorrere in truffe e raggiri, prodotti contraffatti o comunque per limitare i rischi al minimo.

E’ bene utilizzare software e browser completi e aggiornati, dando la precedenza a siti certificati o ufficiali (in caso di siti poco noti controllare la presenza di certificati di sicurezza quali TRUST e VERIFIED / VeriSign Trusted che permettono di validarne l’affidabilità) e verificando, oltre all’affidabilità del sito che fa da tramite per il processo di vendita, anche l’attendibilità dei pareri (insospettirsi se le opinioni riguardano la vendita di molti oggetti uguali o comunque molto simili tra loro e dal costo irrisorio e se il numero dei feedback della persona che scrive l’opinione è particolarmente basso o addirittura pari a zero). E’ inoltre preferibile utilizzare le app ufficiali dei negozi online per gli acquisti attraverso smartphone e tablet (in modo da evitare di  “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone) ed effettuare gli acquisti soprattutto attraverso carte di credito ricaricabili.

Consigliamo infine di diffidare delle offerte eccessivamente convenienti e di prendere tutto il tempo necessario ad esaminare bene l’intera inserzione, facendo anche attenzione a ciò che è incluso nel prezzo indicato e ciò che invece non lo è (ad esempio, delle spese di spedizione, che possono essere a carico del venditore oppure dell’acquirente).