Prodotti tecnologici online a prezzi scontatissimi, ma mai consegnati. Contro Tao Store, sono arrivate agli sportelli del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) centinaia di segnalazioni provenienti da tutta Italia, per questo l’associazione ha presentato un esposto all’Antitrust per pratica commerciale scorretta chiedendo di verificare l’accaduto per individuare che fine abbiano fatto i beni ordinati dai consumatori.

Attivo dal 19.02.2013, il sito dell’azienda prometteva notebook, video e fotocamere digitali a prezzi stracciati, peccato che, nonostante il pagamento da parte dei consumatori, i prodotti ordinati non siano mai giunti a destinazione e addirittura il sito sembrerebbe non essere più raggiungibile dal 24.09.2014.“Il megastore della convenienza e della qualità”, come riportato dalla pagina fb di riferimento, ha infatti chiuso i battenti da un giorno ad un altro lasciando i consumatori senza prodotti e senza soldi.

Nell’esposto all’Antitrust l’associazione ha evidenziato la sussistenza di ben due pratiche commerciali scorrette ai danni dei consumatori: non solo sono state date false informazioni relative alla disponibilità dei prodotti ai prezzi di consegna, ma è stato ostacolato l’esercizio dei diritti contrattuali dei clienti, quali la restituzione della somma pagata.

Al fine di raccogliere le segnalazioni e garantire ai truffati un giusto indennizzo, MDC ha aperto il gruppo fb “Truffa Taostore.it” all’interno del quale ha condiviso anche il modulo predisposto per la richiesta di risarcimento, scaricabile anche sul sito www.difesadelcittadino.it. Il modulo compilato va rinviato all’indirizzo e-mail info@mdc.it.

Per l’associazione il mercato dell’e-commerce è una risorsa per l’economia del Paese il cui sviluppo non può essere danneggiato da questi episodi che vanno perseguiti con la massima severità dalla Magistratura.