Seguici su

Soldi

Economia, siamo arrivati alla frutta. Ma è finita anche quella. Ecco perchè

I più deboli pagano i costi dell’intero sistema ma non ce la fanno più

Pubblicato

il

La differenza di forza contrattuale tra le imprese e tra alcune di queste e gli utenti finali è vissuta dall’Accademia e dalla gente comune, come una anomalia del funzionamento dell’economia occidentale. Uno degli aspetti più rilevanti afferisce alle conseguenze sistemiche che tale anomalia comporta. La forza contrattuale di una parte consente a questa di trasferire parte dei propri costi nel prezzo del suo prodotto o servizio e quindi sull’altra parte del contratto. Tale quota di costo trasferito è tanto più alta quanto più alto è il suo potere di condizionamento del mercato. Questo trasferimento si realizza per ciò che riguarda i costi delle materie prime (basti evocare la capacità di trasferire il rincaro del petrolio sul prezzo della benzine senza che l’ammontare totale delle vendite venga significativamente ridotto), del lavoro e del fisco. Si tratta di vera e propria traslazione sui contraenti deboli dei propri costi e quindi anche delle proprie inefficienze. Spesso la forza di traslazione delle aziende private è tale che supera quella pur forte dello stesso fisco; alcune tasse -come il canone televisivo- si ritiene possa essere più capillarmente riscosso se incluso nella bolletta elettrica: come se l’ente elettrico facesse proprio quel costo fiscale e lo traslasse sui suoi clienti in modo più efficiente del fisco!

Al di la del fatto equitativo e morale la traslazione pone una questione sistemica. La floridezza della grande impresa e la sostenibilità dell’intero sistema dipende dalla capacità della piccola impresa di sostenere (pagare) i costi, le tasse e le inefficienze incluse nei prezzi imposti dalla grande impresa. Se è vero infatti che la forza contrattuale della grande impresa (comunque ottenuta: con la condizione monopolistica, con la forza persuasiva di promozioni realizzate con l’uso della psicologia, con l’appoggio della politica e della legge ottenuto con le azioni di lobby, con le delocalizzazioni, con l’elusione fiscale,…) le permette di traslare costi e tasse è altresì vero che la piccola impresa e le famiglie prive di forza contrattuale possono pagare fino ad un determinato segno e quindi la loro capacità reddituale (e di spesa) diviene la misura delle potenzialità della grande impresa. Si pongono così -tra le tante altre- alcune questioni ulteriori:

-le famiglie e le piccole imprese si trovano a dover subire oltre al proprio carico fiscale anche quello della grande impresa;

-parte del Pil oggi imputato alla grande impresa è in realtà “estorto” e quindi andrebbe imputato alla piccola;

-la differenza di forza tra le imprese è una condizione imprescindibile e quindi ne va preso atto.

Da tutto ciò discende che la necessità di riequilibrare le differenze di forza tra imprese e tra talune imprese e gli utenti finali non risponde solo a criteri equitativi ma anche di sostenibilità dell’intero sistema e quindi una maggiore capacità di spesa dei “deboli” è nell’interesse delle stesse imprese maggiori che dal mal funzionamento dell’economia trarrebbero e traggono i maggiori svantaggi. La questione fiscale è quella che si impone prioritariamente ed è quella sulla quale si può intervenire direttamente. È possibile immaginare un sistema fiscale che si applichi all’intera economia ma che materialmente si rivolga per la gran parte solo alla grande impresa. In questa ottica uscire dalla finzione di considerare le micro imprese alla stessa stregua delle grandi e quindi caricarle delle stesse incombenze amministrative, come oggi accade, porterebbe con se un enorme vantaggio per l’intero sistema semplicemente trasferendo l’intera tassazione del reddito dalle piccole imprese alle grandi. E questo risolverebbe la questione della maggiore fiscalità oggi, di fatto, addebitata alle imprese minori e le libererebbe da incombenze che in nulla accrescono la loro capacità contributiva e la loro effettiva contribuzione.

Ma quel che più conta è la maggiore capacità di spesa e maggiore predisposizione alla spesa stessa sia per maggiori consumi che per nuovi investimenti; si tratta di flussi di danari diffusi in tutta l’economia e di crescente intensità. Senza citare la capacità di offrire occupazione (anche questa crescente) e la conseguente maggiore serenità sociale. È impossibile calcolare credibilmente il contributo che tale nuova concezione offrirebbe alla dinamica del Pil, del gettito fiscale e previdenziale; ma certamente si tratta di avviare una fase di crescita almeno decuplicata rispetto a quella degli ultimi anni; la politica del “rigore” ha dimostrato che l’applicazione quasi maniacale del dettato fiscale ha mortificato proprio le imprese minori e quindi ha direttamente impattato anche sui conti delle imprese maggiori e delle aziende creditizie bloccando il sistema; invece andava incentivata la crescita del Pil cosa possibile, come visto, solo accrescendo le capacità di spesa delle imprese minori e delle famiglie cosa che avrebbe accresciuto anche il contributo alla crescita dell’impresa maggiore.

Cosa lapalissiana ma evidentemente ancora non chiara a parte significativa dell’Accademia. Ma quella applicazione quasi maniacale del dettato fiscale ha rivelato la inadeguatezza di tutta la legislazione fiscale pensata sull’assunto errato della uguaglianza formale ma anche sostanziale delle imprese e dei contribuenti e che ha creato un carico assolutamente debordante sui piccoli a tutto danno delle imprese maggiori e del gettito. Si impone dunque una visione che faccia tesoro delle esperienze disastrose che la politica del rigore ci ha riservato e che superi visioni ottocentesche che ancora bloccano la nostra economia.

Bari, 10.1.16     Canio Trione

Fonte: corrierenazionale

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Soldi

Nuova truffa con Telemarketing, attenzione agli investimenti FOREX

Pubblicato

il

Attenzione agli investimenti che promettono un facile guadagno
Nella settimana del lancio ufficiale del sito di Banca d’Italia sull’educazione finanziaria, in seguito al fatto che ci sono in Italia ben 18 milioni di analfabeti funzionali, cioè che, in questo caso, non sono in grado di comprendere prodotti finanziari complessi, ma che nonostante ciò, vengono attratti da facili guadagni ed attirati nella rete di millantatori che attraverso la richiesta di un investimento irrisorio, truffano le persone.

Attenzione questa volta non si tratta di una vera e propria truffa, ma della proposta rivolta a chiunque di investire in un’attività (il trading) ad altissima rischiosità per i consumatori. Investimento minimo richiesto 250€.
Il rischio è soprattutto per coloro che hanno già un’alta propensione al gioco on line o ludopatici.
“Sono almeno un paio di anni che avviene questo tipo di contatto da parte di siti con sede estera (soprattutto Londra). L’anno scorso avvisai la Consob, la quale non ha ancora diramato allarmi o messo in condizione i consumatori di capire bene di che cosa si tratta” – afferma Luigi Gabriele di Codici.
La pericolosità sta nella forte attrattiva che esercitano: guadagni facili comodamente da casa, ma il livello di aggressività per convincere è elevato: telefonate continue ed email di benvenuto che indicano chiaramente tutti i passi da fare per erogare i 250€ e mettersi in contatto con il supporto per il collegamento dell’algoritmo sul conto, a cui segue: “L’aspettiamo al più presto, prima che il programma diventi a pagamento, con un costo di almeno 3’500 sterline per la singola attivazione”.
Il prodotto offerto è sostanzialmente un investimento in forex, trattasi di speculazione su prodotti finanziari derivati.
La tipologia di vendita attuata è quella della doppia chiamata su fisso o cellulare con la finalità di apertura di un conto, non bancario, per fare trading su piattaforme informatiche ed effettuare investimenti rischiosi.
Come sempre avviene, l’acquisizione dei dati si ha tramite banche dati, social network e/o cessione del consenso dei dati per finalità di marketing.
Modalità di contatto: prima chiamata con la scusa che ci siamo noi registrati al loro sito, ma in realtà è per convincervi e stimolare il vostro interesse ad investire, seconda chiamata, stavolta dall’estero, per parlare con un venditore che vi spiega la modalità di investimento sui FOREX.
Arriverà poi una email con suscritto: “E’ da diversi giorni che abbiamo iniziato la nostra collaborazione insieme, e sono lieto di farle sapere che il suo conto sta già cominciando a crescere. Ovviamente, dovremo aspettare ancora un pochino prima che riusciremo a superare la soglia di almeno 50%, ma siamo su un’ottima strada. Passo dopo passo, stiamo approcciando l’obiettivo che ci siamo posti”.

Cosa sono i FOREX?
Forex è la comune abbreviazione per foreign exchange, e viene utilizzato per descrivere il trading sulle valute o il trading sul mercato delle valute estere. Quindi sono prodotti derivati, ovvero costruzioni di ingegneria finanziaria.
Cosa fa il soggetto intermediario, cioè colui che vi chiama? Mette a disposizione un programma per computer (o piattaforma) che, attraverso la connessione a Internet, permette di visualizzare i titoli presenti su numerosi mercati borsistici italiani ed esteri, e di acquistarli e venderli nel giro di pochi centesimi di secondo. Queste società sono chiamate “broker online” (intermediari digitali) e chiedono una commissione su ogni ordine di acquisto e di vendita inviato in Borsa.

Come funziona e perché stare attenti a questa vendita aggressiva e pericolosa?
Con il grande interesse generato dal tema #BITCOIN e cripto valute, grazie alla loro forte ascesa, questo tipo di telemarketing ha avuto un grande exploit. Basti notare come appaiono sempre più spesso sui social network banner pubblicitari che richiamano investimenti e guadagni facili, anche con piccole somme.
L’obiettivo di questa strategia è farvi aprire un conto-investimento a cui agganciare una carta di credito, anche ricaricabile, e poi portarvi a “TRADARE” (comprare o vendere) prodotti finanziari complessi, sotto la vostra diretta e unica responsabilità, sia in caso di vincite che di perdite.
“Tradare” significa investire in forme di investimento molto rischiose e pericolose. Quasi tutte si basano su investimenti in valute o in prodotti derivati, quindi esclusivamente finanziari, nulla che abbia un contenuto in azioni, titoli o investimenti più solidi.
“Si tratta di investimenti ad alto rischio, insomma, pertanto se non avete alcuna conoscenza di questi prodotti state alla larga” – afferma Luigi Gabriele di Codici.
Prodotti rischiosissimi, nei quali possono investire solo i consumatori che si siano sottoposti alla verifica del profilo di rischio, attraverso la comparazione della propria capacità economica e della consapevolezza al rischio d’investimento.

Nel caso siate stati contattati o siate interessati vi consigliamo di:
1) Non investire se non si sa in che cosa consiste;
2) Non fare prove di nessun tipo nemmeno se effettuate con plafond virtuali;
3) Non diffondere dati bancari o di carte di credito personali;
4) Rivolgervi a Codici Associazione Consumatori per chiarimenti o dubbi.
E soprattutto non fate i fessi, i guadagni facili non esistono.

Continua a leggere

Soldi

Scovati 153.000 casi di polizze vita dormienti

Pubblicato

il

L’IVASS ha concluso in questi giorni l’incrocio tra i codici fiscali degli assicurati delle polizze vita potenzialmente dormienti e l’Anagrafe Tributaria, finalizzato a rilevare gli eventuali decessi degli assicurati e consentire alle imprese di contattare i beneficiari per pagare le somme assicurate.

L’attività ha riguardato tutte le 48 imprese italiane vita e 4 imprese estere che hanno chiesto di aderire all’iniziativa; ha interessato le polizze vita senza una scadenza contrattuale (c.d. vita intera) e quelle con scadenza contrattuale tra il 2007 ed il 2016 per le quali le imprese di assicurazione non erano in grado di dire se l’assicurato fosse deceduto o meno nel corso della durata del contratto.

Grazie alla collaborazione tra IVASS e l’Agenzia delle Entrate sono stati incrociati 6,9 milioni di codici fiscali; i decessi rilevati sono stati circa 153.000.

I dati ‎raccolti sono stati restituiti da IVASS alle imprese in modo che possano in primo luogo verificare le polizze effettivamente dormienti. Il decesso dell’assicurato potrebbe infatti essere intervenuto al di fuori del periodo di copertura della polizza (dopo la sua scadenza), non dando diritto al pagamento del capitale caso morte. Per le polizze effettivamente da pagare le imprese dovranno contattare prontamente i beneficiari.

Per seguire l’evoluzione del fenomeno, l’IVASS ha chiesto alle imprese di restituire entro l’11 giugno 2018 informazioni su numeri e importi delle polizze da pagare e pagate, che diano conto delle attività di liquidazione svolte.

Continua a leggere

Soldi

Cancellazioni di massa dei voli Ryanair del settembre, arrivano le prime sentenze di risarcimento

Pubblicato

il

Prima sentenza a seguito delle cancellazioni del settembre scorso. Il Giudice di Pace di Brindisi ingiunge a Ryanair di risarcire padre e figlio per un volo soppresso Bergamo – Brindisi. Giunti a Milano perché il padre doveva sottoporsi a una importante visita cardiologica, i due erano costretti a rientrare a casa in treno. Riconosciuti l’indennizzo contrattuale, i danni supplementari e il rimborso delle spese.

Lecce, 05 aprile 2018 – A seguito delle cancellazioni di massa dei voli Ryanair del settembre scorso, che tanti disagi hanno causato ai passeggeri del traffico aereo, arrivano le prime condanne nei confronti del vettore irlandese. Con sentenza depositata il 4 aprile 2018, il Giudice di Pace di Brindisi, Avv. Giuseppe Capodieci, ha accolto integralmente le domande avanzate dal difensore degli attori e segretario di Codici Lecce, Avv. Stefano Gallotta.

Ma ripercorriamo brevemente i fatti: il 14 settembre u.s. i due congiunti, recatisi a Milano perché il padre doveva sottoporsi a un’importante visita angiologica presso l’Ospedale San Raffaele, poco prima di tornare in aeroporto a Bergamo per fare rientro a Brindisi con il volo FR8095, ricevevano da Ryanair un sms che li informava della cancellazione del volo stesso.

Dopo aver provato inutilmente a ottenere la riprotezione su un altro volo, anche tramite il servizio chat del vettore irlandese, in quei giorni sempre irraggiungibile, erano costretti a organizzare, a propria cura e spese, il rientro in treno a Brindisi, nonostante le precarie condizioni di salute del padre, giungendo alla stazione di Brindisi, dopo un viaggio faticoso e stressante, solo alle otto del mattino seguente (con circa nove ore di ritardo) e, per di più, dovendo recarsi con la navetta all’aeroporto di Brindisi Casale per recuperare la propria autovettura.

In assenza di riscontro alla richiesta di indennizzo avanzata nei confronti del vettore irlandese, i due si rivolgevano a Codici Lecce e citavano la compagnia dinanzi al Giudice di Pace di Brindisi.

Con la recentissima sentenza n. 701/2018, il Giudice condannava Ryanair, costituitasi in giudizio, a risarcire i passeggeri per l’importo di Euro 1.100,00, oltre interessi e spese legali, riconoscendo Euro 500,000 ciascuno a titolo di compensazione pecuniaria e risarcimento danni supplementari, per i disagi causati dalla violazione dei doveri di informazione e assistenza, come previsto dal Reg. CE 261/2004, oltre al rimborso delle spese sostenute a causa della cancellazione (biglietti del treno Milano – Brindisi, vitto a Milano, biglietti navetta aeroportuale…).

Commenta l’Avv. Stefano Gallotta, segretario di Codici Lecce e difensore dei due passeggeri, come “questa pronunzia, che risulta essere la prima relativa alle cancellazioni dei voli Ryanair del settembre scorso, che hanno coinvolto oltre 400 mila passeggeri, conferma il consolidato orientamento giurisprudenziale che, prendendo le mosse dal Regolamento CE 261/2004, riconosce alle vittime di cancellazioni e ritardi non soltanto gli indennizzi per importi che variano tra 250 e 600 euro, in base alla lunghezza della tratta, ma anche i danni supplementari da violazione dei doveri di informazione e assistenza e il rimborso per le spese sostenute a causa dell’evento imputabile alla compagnia”.

Continua a leggere