“Quanto emerso in alcune recenti indagini non fa che confermare l’opinione dei consumatori”. L’avvocato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori si riferisce alla “presenza sul mercato di apparecchi elettrici di produzione tedesca assemblati dalle case produttrici con componenti destinati a deteriorarsi, in modo tale da rompersi una volta scaduto il periodo di garanzia”.

“C’è da credere che certi produttori -spiega Massimiliano Dona (segui @massidona suTwitter)- utilizzino appositamente materiali scadenti in modo da compromettere l’utilità del bene ed una rapida usura dei suoi componenti”.

“In questa maniera -prosegue Dona- i consumatori, di fronte ad un prodotto non più in garanzia, si vedono costretti a riacquistare nuovi articoli: la nostra Unione -conclude l’avvocato- sta verificando l’incidenza nel mercato italiano del fenomeno descritto, con particolare riguardo agli elettrodomestici di provenienza tedesca ed invita tutti i consumatori interessati ad inviare segnalazioni o richieste di chiarimenti all’indirizzo di posta elettronica consulenza@consumatori.it  (scrivendo nell’oggetto: “Garanzia a tempo”), al fine di ottenere la consulenza dei nostri esperti”.