La tutela simile questa sconosciuta, simile a cosa? Cos’è, quanto costa, quali tutele e a chi rivolgersi.

Codici vi aiuterà ad orientarvi fungendo da “facilitatore”. Dal 1° gennaio 2017 l’Autorità per l’energia (AEEGSI), in vista della scomparsa del mercato di maggior tutela dell’energia, che avverrà nel 2018, e del fatto che esisterà solo il mercato libero, ha istituito la tutela simile. 

Ma simile a cosa? Al mercato libero di energia elettrica.

La Tutela SIMILE è una particolare tipologia di contratto di fornitura elettrica che guiderà il consumatore nel comprendere le modalità ed i meccanismi per poter scegliere consapevolmente il proprio fornitore, senza possibilmente incorrere in truffe e raggiri in un mercato come quello libero, che il consumatore potrebbe non conoscere se attualmente si trova in quello tutelato.

Per consentire al consumatore di abituarsi alla nuova tipologia del mercato libero, conservando però le salvaguardie di quello tutelato, la tutela simile conterrà le condizioni contrattuali definite dall’Autorità, uguali per tutti i venditori di energia.

In realtà attualmente esistono già questi due tipi di mercato, ovvero quello libero e quello tutelato, coesistono, ed è il consumatore a scegliere liberamente in base alle offerte che ritiene più vantaggiose per sé, a quale appartenere.

 

Principali caratteristiche del contratto di Tutela SIMILE:

  • Le condizioni economiche sono analoghe a quelle del servizio di Maggior Tutela, eccetto che per l’applicazione di un bonus/sconto una volta sola, diverso da fornitore a fornitore, che viene applicato nella prima bolletta.
  • La durata del contratto di tutela simile è di 12 mesi non rinnovabile. Il cliente può aderire alla Tutela SIMILE dal 1° gennaio 2017 fino al 30 giugno 2018.
  • Possono aderire sia i clienti domestici che i non domestici che hanno già un contratto di fornitura nel mercato tutelato.
  • Alla scadenza del contratto di tutela simile, dopo i 12 mesi, il consumatore può o rimanere con il medesimo fornitore aderendo però ad un’offerta del mercato libero, oppure cambiare fornitore sempre nel mercato libero. Qualora non si effettui alcuna scelta, lo stesso fornitore che si ha nella tutela simile, applicherà le stesse condizioni contrattuali ed economiche che pratica nel mercato libero.
  • Il contratto di tutela simile è un contratto che può essere stipulato solo on-line attraverso un portale, per il quale è meglio farsi aiutare da CODICI per accedervi. Su questo  sito il consumatore, attraverso Codici, potrà confrontare le diverse offerte delle aziende che sono state ammesse, dopo un vaglio da parte dell’Autorità dell’energia dei loro requisiti di: solidità economico-finanziaria, onorabilità e requisiti operativi. Attualmente sono 30 su 250 gli operatori che hanno aderito alla tutela simile.

 

A chi rivolgersi per orientarsi?

 

In questo mare magnum di offerte, le Associazioni dei consumatori sono state incaricate dall’Autorità per l’energia, in quanto riconosciuti come soggetti istituzionali, di fungere da facilitatori, aiutando il consumatore a scegliere l’offerta a lui più congeniale, in base ai propri consumi ed esigenze.

Quindi, le Associazioni di consumatori – facilitatori saranno dei veri e propri consulenti specializzati in materia di energia,  che assisteranno i consumatori e li orienteranno o sulle offerte del mercato libero oppure a rimanere sul mercato tutelato, se ritenuto più adatto a questi ultimi.

A breve sarà attivata sul sito Codici la pagina relativa alla tutela simile: www.codici.org/tutelasimile.html

Al momento per qualsiasi richiesta in merito, scriveteci a segreteria_nazionale@codici.org

Dott.ssa Carla Pillitu,