PROGRESSI

anche l’Unione Europea ci ha dato ragione sulla “bolletta giusta”.

La settimana scorsa il Commissario per l’energia e il clima Miguel Arias Cañete ha risposto a una lettera presentata da alcuni europarlamentari italiani sulla riforma delle tariffe elettriche, in vigore dallo scorso gennaio.

Come sai, la riforma ci impone di pagare una quota fissa, a vantaggio di chi consuma di più e a svantaggio di chi risparmia energia e usa le fonti rinnovabili, in particolare il fotovoltaico.

Il Commissario Cañete ha riconosciuto che questo sistema non è equo e va cambiato. Questa notizia ci incoraggia a fare più pressione sul governo per avere costi energetici giusti e sostenibili.

Finora la nostra petizione ha raccolto oltre 4600 firme ma possiamo e dobbiamo crescere ancora, prima della consegna.

Codici, continua a sostenere PROGRESSI

la petizione “la bolletta giusta” http://www.progressi.org/labollettagiusta per cambiare la riforma delle tariffe elettriche, in vigore dallo scorso gennaio