Seguici su

Soldi

Event Fair (wwwdb s.r.o.), arrivano i solleciti di pagamento: come difendersi

In diversi ci hanno segnalato di aver ricevuto una lettera da wwdb s.r.o., Event Fair The Exhibitions Index, società con sede legale a Bratislava, in cui si richiede l’aggiornamento dei dati relativi alla loro impresa. Una lettera che potrebbe indurre a pensare a qualche adempimento o correzione di dati già presenti. Si tratta invece di una “proposta commerciale”, al prezzo di 1.117 Euro l’anno.

Pubblicato

il

E’ la analoga modalità con cui la società Avron (1), anch’essa (guada caso?) a Bratislava, modalità sanzionate a suon di centinaia di migliaia di Euro dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato.
La vicenda merita attenzione, in quanto destinatari della lettera non sono soggetti consumatori, coperti dalle specifiche garanzie previste dal Codice del Consumo. Sono invece professionisti, piccoli imprenditori, commercianti ed artigiani operanti in vari settori. Ossia soggetti privi di speciali tutele, i quali, firmando una proposta commerciale, si vincolano legalmente all’adempimento di un contratto.
La lettera ricevuta dagli utenti riporta la seguente intestazione: INDICE DEGLI ESPOSITORI E DELLE FIERE – Le vostre informazioni della azienda non confermate, Scadenza Data di Chiusura, accompagnata da una busta per la “restituzione gratuita” ed modulo da restituire alla società slovacca.
La lettera inizia con la seguente dicitura: ”Al fine di evitare la rimozione dei propri dati aziendali incompleti, si prega di rivedere e approvare le informazioni tempestivamente”.
L’ingannevolezza di tale comunicazione è evidentissima. Innanzitutto, si crea l’impressione che esista un onere, in capo al soggetto, di provvedere alla compilazione del modulo, in quanto si avverte che, in caso di mancata conferma dell’esattezza delle informazioni riportate, l’imprenditore rischia la cancellazione dei propri dati dal registro. Tanto che la lettera parla di “modifiche necessarie” per “garantire che solo precisi dettagli dell’azienda” (la sottolineatura è dell’autore della lettera).
Soprattutto, che si tratti di un servizio a pagamento non è per niente chiaro (e se lo fosse, è ovvio che la lettera sarebbe immediatamente cestinata da qualsiasi azienda che la ricevesse). Infatti, vi è scritto: “Una volta che questi cambiamenti siano ricevuti, l’inserimento gratuito della vostra azienda sarà esposto come corretto e riceverà status preferenziale. Si prega di utilizzare il modulo d’ordine allegato per effettuare un ordine a pagamento. ” In seguito, la lettera fa riferimento alla possibilitá, alternativa alla compilazione del modulo cartaceo, di procedere con un “aggiornamento dei dati aziendali a costo zero” che “può essere effettuata solo online” direttamente dal sito www.eventandfair.org.
Ebbene, che il modulo allegato sia un “modulo d’ordine” (e quindi un impegno a pagare un servizio), non è assolutamente chiaro. Il modulo infatti riporta una serie di dati (ragione sociale, indirizzo, numero di telefono e di fax, ecc.) attribuiti all’azienda destinataria, ai quali seguono una serie di spazi vuoti in cui inserire le informazioni errate o mancanti. Il modulo porta la seguente dicitura ben evidente in alto: “si prega di verificare se i vostri dati sono corretti”. Solo in fondo al modulo, in carattere piccolo all’interno di un paragrafo di nove righe, viene riportata la frase “La fatturazione annuale per un importo di 1117 Euro è dovuta al momento dell’emissione della fattura”.
Nessun giudice potrebbe ritenere valido un contratto il cui consenso è stato carpito con tale inganno. Il contratto sarebbe quindi ritenuto nullo. E per un comportamento analogo, l’Antitrust italiana ha già comminato sanzioni pensanti ad Avron s.r.o. per pratica commerciale scorretta.

Invitiamo pertanto le aziende e i professionisti che inavvertitamente hanno fatto questa sottoscrizione e hanno ricevuto fattura con richiesta di pagamento, ad inviare alla wwwdb r.s.o. una diffida (2) intimando l’annullamento del contratto per esser stati indotti alla sottoscrizione con l’inganno. Nel frattempo, consigliamo di non pagare, ignorare ogni eventuale sollecito che non giunga per raccomandata, e di denunciare individualmente all’Autorita’ garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) (3) la pratica commerciale scorretta.

Invitiamo chiunque avesse bisogno di consigli ulteriori, a scrivere o a telefonare al servizio di consulenza che offriamo quotidianamente

Qui la lettera ed il modulo che viene inviato per la sottoscrizione: http://www.aduc.it/generale/files/file/allegati/2014/EventFair.pdf

(1) http://www.aduc.it/articolo/avron+registro+mercato+nazionale+censimento_19597.php
(2) http://sosonline.aduc.it/scheda/diffida_9605.php
(3) http://www.agcm.it/invia-segnalazione-online.html#wrapper
(4) http://www.aduc.it/info/consulenza.php

Clicca per commentare

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Soldi

Buoni postali: la Cassazione ammette la variazione del tasso sui buoni sottoscritti prima del 1999

Pubblicato

il

Stiamo ricevendo in questi giorni molte richieste di informazioni ed assistenza da parte dei cittadini che hanno investito i propri risparmi in buoni fruttiferi postali. Una battaglia che da tempo vede coinvolta la Federconsumatori, impegnata a tutelare il diritto dei cittadini ad ottenere i rendimenti originariamente previsti sul retro del titolo e indicati al risparmiatore al momento della sottoscrizione.

Dopo un originario pronunciamento risalente al 2007 in cui la Corte affermò che sottoscrivere un buono equivale a un contratto, pertanto questo non può essere modificato in itinere, la nuova sentenza della Cassazione a Sezioni Unite ha radicalmente capovolto la situazione. Ha infatti stabilito che, per i buoni sottoscritti prima del 1999, il tasso di interesse può essere modificato, anche in modo retroattivo, tra l’altro senza obbligo di informativa al risparmiatore.

Resta, però, per l’investitore la possibilità di recedere dal contratto, incassando quanto spetta secondo il tasso di interesse originario e più vantaggioso.

“Tale pronunciamento a nostro avviso risulta alquanto contraddittorio e non del tutto rispettoso del diritto del risparmiatore a ricevere informazioni chiare e corrette sui propri investimenti.” – afferma Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori. – “Per questo stiamo valutando se sussistono gli estremi per presentare ricorso alla Corte di Giustizia Europea.”

Ad aggravare la situazione contribuisce il fatto, che non è stato minimamente considerato dalla Corte di Cassazione, che Poste Italiane è oggi un soggetto di diritto privato, che non può più essere equiparato ad un Ente pubblico.

Continua a leggere

Soldi

CONSOB: obbligo dare tutte le informazioni sui costi e gli oneri sui servizi di investimento e strumenti finanziari.

Pubblicato

il

Richiamo di attenzione n. 2 del 28 febbraio 2019

Oggetto: informazioni sui costi e gli oneri connessi alla prestazione di servizi di investimento e accessori e agli strumenti finanziari.

La nuova disciplina MiFID II richiede agli intermediari maggiore trasparenza informativa su costi e oneri connessi alla prestazione di servizi di investimento e accessori e agli strumenti finanziari. Ciò al fine di assicurare che gli investitori siano consapevoli di tutti i costi e gli oneri per la valutazione degli investimenti anche in un’ottica di confronto fra servizi e strumenti finanziari.

Il quadro di riferimento normativo in materia, vigente dall’inizio del 2018, è definito dal d.lgs. 58/1998 e dal Regolamento delegato (UE) 2017/565, cui fa esplicito rinvio il Regolamento Intermediari n. 20307/2018 emanato dalla Consob in data 15 febbraio 2018. In tema, l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha pubblicato, a partire dal 16 dicembre 2016, “Questions & Answers on MiFID II and MiFIR investor protection topics”, nella Sezione 9, “Information on costs and charges”.

L’insieme delle richiamate misure, dalla data di entrata in vigore di MiFID II, impone in modo incondizionato, chiaro ed esplicito, agli intermediari[1] di fornire agli investitori, ex ante ed ex post, informazioni in forma aggregata su tutti i costi ed oneri connessi ai servizi prestati ed agli strumenti finanziari, per consentire al cliente di conoscere il costo totale ed il suo effetto complessivo sul rendimento. Su richiesta del cliente, tali informazioni devono essere presentate anche in forma analitica.

Ai sensi delle citate disposizioni, le informazioni devono essere corrette, chiare e non fuorvianti e vanno rese in una forma comprensibile.

Al fine di potere ottemperare a tali obblighi, come chiarito nelle Q&A dell’ESMA, qualora le informazioni sugli strumenti finanziari non siano pubblicamente disponibili, gli intermediari distributori dovrebbero mettersi nelle condizioni di ottenere i dati necessari dai produttori, laddove non siano essi stessi i manufacturer dello strumento. Quando l’intermediario non riesca ad ottenere i dati dal produttore in tempo utile dovrebbe prima di tutto valutare se può fornire informazioni adeguate al cliente sui costi e gli oneri dello strumento finanziario.

Se l’intermediario distributore ritiene di non essere in grado di ottenere informazioni sufficienti sui prodotti offerti per adempiere ai propri obblighi nel quadro della MiFID II, dovrebbe, nell’ambito delle proprie scelte di product governance, evitare di inserirli nella propria gamma prodotti.

Le informazioni ex ante sui costi e gli oneri vanno rese in tempo utile prima della prestazione del servizio. È quindi necessario che l’intermediario, prima di commercializzare uno strumento finanziario, si assicuri di poter effettuare, in assenza di costi puntualmente determinabili, almeno stime ragionevoli e sufficientemente accurate da rappresentare ex ante al cliente nei termini richiesti dalla normativa.

Le informazioni sui costi e gli oneri vanno altresì rendicontate ex post su base periodica almeno annuale. Nell’invio dei rendiconti periodici, gli intermediari si attengono alle previsioni che abbiano a tale scopo introdotto nella contrattualistica con la clientela e, in ogni caso, li trasmettono prima possibile a decorrere dalla maturazione del periodo di riferimento, come specificato anche dall’ESMA nelle proprie Q&A.

La Consob, sin dall’entrata in vigore della MiFID II, vigila sulla corretta applicazione della disciplina da parte degli intermediari e contribuisce alla definizione in sede ESMA di chiarimenti idonei ad assicurare l’armonizzazione nell’applicazione delle norme, anche ai fini di una convergenza delle prassi di vigilanza.

La Consob richiama l’attenzione degli intermediari[2] sull’osservanza della normativa vigente.

I presidi adottati per la trasparenza ex ante ed ex post, aggregata e disaggregata, sui costi e gli oneri connessi alla prestazione di servizi di investimento e accessori e agli strumenti finanziari dovranno essere compiutamente illustrati nella prossima “Relazione sui servizi”[3] da trasmettere alla Consob entro il 31 marzo p.v..

La Relazione della Funzione di controllo di conformità alle norme, accompagnata dalle osservazioni e determinazioni degli organi aziendali, inviata ai sensi della delibera Consob n. 17297 del 28 aprile 2010, dovrà contenere gli esiti dei controlli effettuati sul tema.

Continua a leggere

Soldi

Prezzi: l’inflazione accelera al +1,1%, con ricadute di 325,60 Euro annui a famiglia.

Pubblicato

il

Urgente avviare misure adeguate per il rilancio della domanda interna e dell’occupazione.

L’Istat diffonde oggi i dati relativi al tasso di inflazione a febbraio, che sale al +1,1%.

Più marcata l’accelerazione del tasso relativa al carrello della spesa, che si attesta al +2,1%, sulla spinta dell’incremento dei prezzi dei vegetali freschi a causa del maltempo di questi giorni, nonché dei costi dell’energia.

Tale crescita comporta aumenti aggravi in termini annui per una famiglia tipo di circa 325,60 Euro annui.

Un importo che, specialmente nella delicata fase che il Paese sta attraversando, mettono a dura prova i bilanci familiari, con importanti conseguenze negative sull’intero sistema economico, a causa dell’ulteriore contrazione della domanda interna.

Ad aggravare ulteriormente la situazione contribuiscono le minacce provenienti dal rischio di aumento della pressione fiscale, nonché l’incombente aumento dell’IVA che potrebbe scattare dal prossimo anno.

Abbiamo fatto appello a Comuni e Regioni affinché non aumentino le addizionali, determinando un ulteriore aumento della pressione fiscale per i cittadini, che si rivelerebbe insostenibile in questo momento.

Per quanto riguarda l’incremento dell’IVA che si prospetta nei prossimi anni è fondamentale che il Governo lavori con impegno e serietà per trovare le coperture necessarie a scongiurare le clausole di salvaguardia.

“È evidente che, di fronte a tale situazione non basta evitare gli aumenti, ma è necessario rilanciare la domanda interna attraverso una reale riforma fiscale con al centro una riduzione sul lavoro dipendente e sulle pensioni. È inoltre necessario destinare risorse agli investimenti per rimettere in moto la crescita, creando così una ripresa occupazionale stabile.” – afferma Emilio Viafora, Presidente della Federconsumatori.

Continua a leggere