Bella proposta del Governo(1) che di fatto esclude solo quelle associazioni di origine sindacale, come Federconsumatori, ADOC e Adiconsum, che già prendono iscritti e finanziamenti(oltre che dirigenti) dal sindacato.

Secondo Carlo Rienzi(Codacons), Rosario Trefiletti (Federconsumatori) si è amareggiato.

Come sanno gli addetti ai lavori, da qualche giorno sono iniziati i controlli alle associazioni consumatori secondo le nuove norme imposte dal MISE, e nonostante alcuni da mesi vanno gridando che “ne resteranno solo 7“(le sindacali sono sicurissime della loro permanenza e sono anche sicure dell’espulsione di quelle che definiscono uffici legali), nonostante il clima apparentemente sereno, solo per formulare l’elenco dei controlli(alcuni secondo sorteggi, altri secondo criteri definiti dal MISE), sono volate parole grosse e minacce di querele e nessuna voleva essere esaminata per prima.

Insomma tutte trasparenti ma nessuna voleva iniziare i controlli. Sono dovuti ricorrere al sorteggio. Staremo a vedere.

Bella la proposta Padoan di un Centesimo a Bolletta garantirebbe finalmente indipendenza e stabilità al mondo dei consumatori, evitando che per pochi centesimi dati dalle lobby(quelli si), non facciano attività insieme o pro alle aziende.

LG

Comunicato Stampa Codacons

A partire dal prossimo 1 giugno sulle bollette luce e gas degli italiani ci sarà un prelievo “impercettibile” di 1 centesimo di euro che andrà a finanziare le associazioni dei consumatori operanti nel nostro paese e iscritte al Cncu.

Lo prevede la bozza di decreto firmata ieri dal Ministro dell’economia, Pietro Carlo Padoan, e da quello dello Sviluppo economico, Federica Guidi.

La novità – spiega il Codacons – accoglie la richiesta avanzata da alcune associazioni dei consumatori al Governo Renzi, che nei giorni scorsi avevano incontrato i due dicasteri, finalizzata ad ottenere un contributo pubblico per le organizzazioni dei consumatori senza però pesare sulle tasche dei cittadini.

Il prelievo di 1 centesimo di euro sulle fatture dell’energia (elettricità e gas) non avrà infatti alcuna ripercussione economica per le famiglie, ma consentirà alle organizzazioni che difendono gli utenti di proseguire la propria attività, sempre più minata dal taglio dei fondi operato dalla P.A.

In base alla bozza di decreto, sono escluse dal provvedimento quelle associazioni che, come la Federconsumatori, ricevono iscritti e finanziamenti dai sindacati, e che quindi non hanno diritto ad alcun contributo pubblico. Contro tale misura – è emerso nell’ambito di un incontro tra le associazioni dei consumatori tenutosi ieri – il presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, particolarmente amareggiato dalla decisione dei Ministri, ha annunciato ricorso al Tar del Lazio.

 

1.pesce d’aprile che ogni anno Carlo Rienzi fa a Rosario Trefiletti e che puntualmente ci casca!