GDF SUEZ diventa ENGIE. La compagnia francese certamente darà una nuova veste alla sua  immagine, soprattutto in Italia dove in seguito alle diverse trasformazioni (ricordiamo che GDF SUEZ arriva in Italia rilevandola società di Gas che deteneva anche le reti di distribuzione Italcogim, quindi acquisendo i suoi clienti sul mercato tutelato) successivamente si inserisce anche nella vendita di energia e gas nel mercato libero. Come venditrice di servizi gas e luce domestici, abbiamo sollevato migliaia di volte il problema dei disagi subiti dai consumatori su ogni tipo di segmento, dalle fatturazioni errate dai conguagli stratosferici ai disagi causati da un customer care non propriamente all’ altezza.

Infatti GDF SUEZ è al 3° posto come operatore per numero di segnalazioni da parte dei consumatori ai nostri Sportelli del circuito “Diritti a viva voce”; progetto di rilevazione e gestione dei contenziosi, finanziato tra l’altro proprio con un bando del’Autorità dell’ energia elettrica e del Gas e svolto direttamente dalle Associazioni di Consumatori, dove tutte le telefonate, mail e contatti fisici sono tracciati.

Pertanto sono dati inconfutabili.

L’Associazione Codici invita gli utenti a prestare attenzione poiché il marchio Engie che si è immesso sul mercato con offerte apparentemente vantaggiose è in effetti il colosso francese che in passato più di una volta ha applicato pratiche commerciali scorrette e fuorvianti.

Attenzione inoltre al rischio di modifica con silenzio assenso del mercato di riferimento in cui sono collocate le vostre utenze. Modificando il nominativo in capo al contratto Gdf Suez  a ENGI potrebbe immettervi nel mercato libero e farvi abbandonare il mercato tutelato a vostra insaputa.

 

Ricordiamo ai cittadini che con la presenza di un cambio di marchio si ha tutto il diritto di effettuare una pratica di rescissione del contratto in maniera del tutto gratuita e aver il diritto di cambiare operatore se volete entrare nel libero mercato, ma nel caso in cui siate clienti in Tutela di GDF vi esortiamo a manifestarlo apertamente; dichiarando di voler rimanere nell’attuale condizione senza cambiare in alcun modo le condizioni contrattuali. Nel caso siate oggetto di una pratica commerciale scorretta o di qualsiasi altro disagio provocato da GDF Suez o ENGI vi esortiamo a segnalarlo presso i nostri sportelli reperibili al seguente link:

http://codici.org/68-progetti/progetti/265-energia-diritti-a-viva-voce.html