“Cosa cambierà per la sicurezza dei giocatori e la lotta alle ludopatie dopo la fusione di GTECH (ex Lottomatica) con International Game Technology (Igt)? Il dubbio è che non solo le garanzie esistenti, ma anche le regole sulla trasparenza e le campagne sula lotta alle ludopatie possano essere depotenziate o addirittura venir meno vista la diversa nazionalità del nuovo soggetto”.

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) esprime preoccupazione dopo le notizie dell’operazione finanziaria da 4,7 miliardi di euro che trasforma di fatto la società italiana in una holding di diritto inglese che pagherà le tasse nel Regno Unito e avrà sedi operative a Roma, Las Vegas e Providence, ma sarà quotata solamente a Wall Street e non più alla Borsa di Milano.

Nel 2013 gli italiani hanno speso al gioco 17 mld di euro una contrazione che dimostra come la crisi morda anche un settore, finalizzato alla vendita di sogni, fino allo scorso anno florido. Anche i casinò games con Vegas Club ed il Poker Cash su Poker Club hanno generato in Italia un ricavo dello 0,4% in meno rispetto all’esercizio precedente, nel dettaglio -1,3% lotterie istantanee, – 11,2% giochi interattivi come il poker, -12,6% slot machine AWP (Amusement with Prizes) e VLT (Video Lottery Terminal).

“Il numero stesso di giocatori di GTECH è diminuito – sottolinea MDC – passando da 22,7 milioni a 23,5 milioni, così la spesa netta, passando da 18,3 miliardi di euro a 17,1 miliardi di euro (-6,6%). Alla luce dei dati quindi non ci stupisce la decisione, ma chiediamo all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli quali saranno le conseguenze dell’operazione per il mercato italiano, dato che l’operazione determinerà una perdita di introiti per il fisco italiano a vantaggio di quello inglese (circa 3,6 miliardi di euro). E soprattutto, i risultati raggiunti fino a questo momento nella battaglia alla dipendenza dai giochi verranno meno? Chiediamo alla GTECH un incontro per fare chiarezza su un tema economicamente e socialmente rilevante per il nostro Paese”.